Omicron aumenta i casi di long Covid: ecco i 200 sintomi

Infettivologia | Redazione DottNet | 21/06/2022 16:05

Chi è stato infettato con Delta ha una probabilità maggiore di andare incontro a long Covid, ma Omicron è talmente più diffusa e contagiosa da far prevedere agli autori un notevole incremento della sindrome

"Con Omicron si rischiano anche più casi di Long Covid. Unica difesa, la vaccinazione". Lo spiega Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas e professore emerito di Humanitas University, in un'intervista al 'Corriere della Sera'. Il long Covid è un fenomeno destinato ad aumentare, lo indica uno studio inglese pubblicato sulla rivista 'The Lancet' che ne ha confrontato l'insorgenza dopo l'infezione acuta con le varianti Delta oppure Omicron del virus SarsCoV- 2. Chi è stato infettato con Delta ha una probabilità maggiore di andare incontro a long Covid, ma Omicron è talmente più diffusa e contagiosa da far prevedere agli autori un notevole incremento della sindrome in termini assoluti. "L'analisi britannica conferma le nostre preoccupazioni, sia in termini di conseguenze individuali del long Covid sia di ricadute sociali, e compare in coincidenza con un report sul tema appena elaborato dall'Accademia nazionale dei Lincei", commenta Mantovani che è anche primo firmatario del documento, che è stato coordinato da Gianni Bussolati e al quale hanno contribuito Maria Concetta Morrone, Carlo Patrono , Gabriella Santoro, Stefano Schiaffino e Giuseppe Remuzzi.

"Del resto già nello studio tedesco 'Epiloc', il 20% delle persone (fra i 18 e i 25 anni) aveva riferito almeno una moderata compromissione del proprio stato di salute e della capacità lavorativa a distanza dall'infezione acuta - sottolinea Mantovani - Altre stime inglesi parlano di disturbi nel 20% dei casi dopo cinque settimane e nel 10% dopo tre mesi. Indagini cinesi hanno evocato problemi anche dopo due anni. I sintomi, a cominciare da dolori e spossatezza, sono di varia gravità e possono investire polmoni e bronchi, sistema nervoso, rene, intestino, senza dimenticare l'impatto sulle funzioni metaboliche. Uno degli impatti che è emerso con maggior forza più di recente è quello che insiste su cuore e vasi".

Mantovani ritorna anche sul ruolo della vaccinazione anti-Covid. "Sebbene le indicazioni sul suo ruolo protettivo anche nei confronti del long Covid siano solide, circolano alcuni dubbi, instillati anche da una ricerca sui veterani americani che riconosce alla vaccinazione una protezione significativa ma limitata verso la sindrome. Questa ricerca - continua lo scienziato - ha però grandi limiti metodologici dal momento che ha incluso soltanto il 10% di donne nel campione, sebbene siano più suscettibili al problema, e ha preso in considerazione schemi di vaccinazione incompleti, cioè a base di una sola dose di vaccino con adenovirus o di due dosi con vaccino a mRna, quando è assodato che ne servono due del primo tipo e tre del secondo. Tant'è vero che dati israeliani, al contrario, dimostrano come il ciclo completo di vaccinazione eserciti un effetto protettivo anche nei casi in cui ci si reinfetti dopo vaccinazione o malattia, come sta capitando a moltissime persone con le nuove varianti".

L'epidemiologo clinico Ziyad Al-Aly ha accesso a un tesoro che molti ricercatori possono solo sognare: milioni di set di cartelle cliniche elettroniche del Dipartimento per gli affari dei veterani (VA) degli Stati Uniti, che fornisce assistenza sanitaria ai veterani militari del paese.Con questi dati in mano, Al-Aly, che ha sede presso il VA St. Louis Healthcare System nel Missouri, e i suoi colleghi hanno approfondito gli effetti a lungo termine del COVID-19, dalle malattie cardiovascolari  al diabete. Hanno anche intrapreso la sfida di studiare a lungo il COVID - una condizione in cui le persone manifestano sintomi mesi dopo che un'infezione acuta da SARS-CoV-2 sembra essersi risolta - e recentemente hanno pubblicato risultati che hanno sorpreso alcuni ricercatori. Il team ha scoperto che la vaccinazione precedente riduce il rischio di sviluppare COVID a lungo dopo l'infezione solo di circa il 15%, che è sostanzialmente inferiore rispetto ad altre stime , che suggerivano che i vaccini dimezzassero il rischio.

Parte del problema è la definizione di COVID lungo, che è stato collegato a più di 200 sintomi, la cui gravità può variare da scomoda a debilitante. La sindrome può durare mesi o anni e ha una tendenza angosciante a riapparire, a volte mesi dopo un'apparente guarigione. Finora, non c'è accordo su come definire e diagnosticare il COVID lungo. Il tentativo dell'Organizzazione mondiale della sanità di raggiungere un consenso, pubblicato nel 2021, non si è rivelato popolare tra i sostenitori o i ricercatori dei pazienti e gli studi continuano a utilizzare una serie di criteri per definire la condizione. Le stime della sua prevalenza possono variare dal 5 al 50%.

Uno studio su una condizione così complessa deve essere sufficientemente ampio per riflettere la gamma di sintomi e il possibile impatto di caratteristiche come l'età e la gravità dell'infezione acuta da SARS-CoV-2. È qui che analisi come quella di Al-Aly offrono una serie di vantaggi: i dati provenienti da grandi reti sanitarie possono fornire campioni di dimensioni enormi. Lo studio di Al-Aly sul lungo COVID dopo un'infezione "svolta" - quella successiva alla vaccinazione - includeva record di oltre 13 milioni di persone. Sebbene il 90% di queste persone fossero uomini, ciò ha comunque lasciato 1,3 milioni di donne nell'analisi, osserva Al-Aly, più di quanto molti altri studi possano raccogliere.

"Se sul ruolo protettivo della vaccinazione restano pochi dubbi, bisogna però sottolineare, e il report dell'Accademia lo fa, che molto rimane da capire sul long Covid", ammette Mantovani. "Alcuni progressi interessanti sono stati tuttavia compiuti nella comprensione dei fattori che ne possono essere all'origine. Se il primo è lo stato di salute generale di partenza di chi viene infettato ce ne sono altri che entrano in gioco. Uno - osserva - è la persistenza silente, per esempio nell'intestino o nel sistema nervoso, del virus, che può risvegliarsi e/o innescare reazioni immunitarie. Un altro ruolo può rivestirlo la riattivazione di altri virus quiescenti dentro di noi, come quello di Epstein-Barr o il Citomegalovirus". "Infine vi sono indicazioni di deviazioni della risposta immunitaria, cioè fenomeni autoimmunitari, indotti da Sars-CoV-2. Nel frattempo si stanno cominciando a identificare alcuni biomarcatori di gravità del Long Covid, come citochine, interferoni e Ptx3, una molecola scoperta per la prima volta da noi", conclude Mantovani.

 

 

Ultime News