Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Anaao, subito le trattative per il rinnovo del contratto: basta alibi. Gli aumenti di stipendio

Sindacato | Redazione DottNet | 12/08/2022 18:33

Di Silverio: "La categoria, stremata da anni di pandemia e da condizioni di lavoro non più sostenibili, non può essere schiacciata anche da meccanismi burocratici lenti e obsoleti, quali quelli oggi richiesti per arrivare all’apertura delle trattative"

L’Anaao Assomed ha inviato al Comitato di settore per la sanità la richiesta ufficiale di emanare in tempi rapidi l’atto di indirizzo che consente all’Aran di aprire le trattative per il rinnovo del contratto collettivo nazionale della dirigenza medica e sanitaria 2019-2021, peraltro già scaduto. "La firma definitiva dell’accordo quadro che definisce le aree di contrattazione - dichiara Pierino Di Silverio, Segretario Nazionale Anaao Assomed - elimina qualsiasi alibi per continuare a temporeggiare lasciando migliaia di medici e dirigenti sanitari dipendenti in uno stato di grave incertezza, nel silenzio più assordante del Governo e delle Regioni".

"La categoria, stremata da anni di pandemia e da condizioni di lavoro non più sostenibili, non può essere schiacciata anche da meccanismi burocratici lenti e obsoleti, quali quelli oggi richiesti per arrivare all’apertura delle trattative, il cui unico scopo sembra essere quello di ritardare ogni forma di riconoscimento economico e professionale agli operatori e di confronto sul miglioramento delle loro condizioni di lavoro". "Per questo l’Anaao Assomed – conclude Di Silverio - chiede che le metodologie e i tempi della contrattazione dei medici e dei dirigenti sanitari dipendenti vengano ripensati per garantire maggiore coerenza con le esigenze del mondo del lavoro. Il CCNL è lo strumento più importante per valorizzare e tutelare chi opera dentro la sanità pubblica: non averlo è grave e rinnovarlo sempre dopo la sua scadenza è oramai inaccettabile".

L'accordo prevede aumenti  degli stipendi tra 90 e 175 euro. Inoltre dovrebbero aumentare di 200 euro se dovesse essere confermata la proroga del bonus di 200 euro per i prossimi mesi.  200 euro di bonus sono netti ed esentasse, per cui da agosto a dicembre, i lavoratori del comparto sanità con redditi annui entro i 35mila euro avrebbero un ulteriore aumento di stipendio di 200 euro. Ma non solo: aumentano e in maniera differente gli stipendi dei lavoratori del comparto sanità, medici, infermieri e Oss, anche per effetto del taglio del cuneo fiscale.

Si pensa, infatti, all’attuazione di un nuovo taglio del cuneo fiscale, che potrebbe essere però rimandato nei prossimi mesi, e si pensa a raddoppiare da 0,8 a 1,6% lo sgravio fiscale per lavoratori dipendenti con redditi entro i 35 mila euro annui. Il raddoppio dello sgravio fiscale si tradurrebbe, secondo le stime, in un aumento dello stipendio per effetto di una riduzione delle tasse da pagare di circa 70-80 euro  e fino a 100 euro al mese, ulteriore aumento che si aggiungerebbe ai già definiti aumenti contrattuali e al bonus di 200 euro per i prossimi mesi. Tali aumenti si potranno avere, previa approvazione ufficiale delle relative misure che li prevederanno, solo nei prossimi mesi.

 

Ultime News