Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Un test del sangue svela quanto sarà grave il Covid

Infettivologia | Redazione DottNet | 31/08/2022 11:10

Il dato emerge da uno studio coordinato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) americano pubblicato su Annals of Internal Medicine

I livelli della proteina nucleocapside di SarsCoV2 presenti nel sangue dei pazienti con Covid nelle prime fasi dell'infezione predicono il rischio di aggravamento della malattia. È il dato che emerge da uno studio coordinato dal National Institute of Allergy and Infectious Diseases (Niaid) americano pubblicato su Annals of Internal Medicine. La proteina nucleocapside (spesso identificata con N) è una delle proteine costitutive del virus SarsCoV2. È usata da molti test antigenici rapidi per verificare la positività a Covid. Nel nuovo studio, che si inserisce all'interno del trial ACTIV-3 trial, è stata valutato in 2.540 pazienti ricoverati per Covid il legame tra i livelli di proteina al momento del ricovero e l'evoluzione della malattia.  La ricerca ha mostrato che i pazienti con alti livelli di questa proteina (maggiori di 1.000 nanogrammi per litro) avevano una peggiore funzionalità polmonare già al momento dell'arrivo in ospedale; la salute dei polmoni, inoltre, tendeva a peggiorare già al quinto giorno di ricovero indipendentemente dalla gravità della malattia all'ingresso in ospedale. Sulla base di questi dati, secondo i ricercatori, è plausibile pensare che i livelli della proteina nucleocapside siano un indicatore di quanto il virus SarsCov2 si stia moltiplicando nell'organismo.  La misurazione di questo marcatore, aggiungono, potrebbe essere utile sia per selezionare meglio i partecipanti ai futuri studi clinici su possibili nuovi trattamenti, sia per guidare la terapia nei pazienti attuali, indirizzando verso un approccio più aggressivo quelli che hanno livelli più alti di proteina N.

Ultime News