Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Psoriasi: guselkumab mostra elevate percentuali di completa clearance cutanea in adulti con malattia da moderata a grave

Farmaci | Redazione DottNet | 16/09/2022 11:38

Nuovi dati presentati al congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) 2022 mostrano che i pazienti trattati con guselkumab, a meno di due anni dall’insorgenza della malattia, hanno più probabilità di raggiungere lo status di super-respondera

Janssen, azienda farmaceutica del gruppo Johnson & Johnson, ha presentato nuovi dati relativi a guselkumab, farmaco per il trattamento di psoriasi a placche (Pso) da moderata a grave, derivanti dallo studio di fase 3b GUIDE. Quest’ultimo ha lo scopo di comprendere quanto l’intervento precoce possa impattare sul decorso della malattia a lungo termine. Questi nuovi dati individuano la categoria dei "super-responder" in quei pazienti che, avendo ricevuto il trattamento con guselkumab, abbiano risposto con un punteggio PASI pari a 0d (Psoriasis Area and Severity Index) sia alla 20a che alla 28a settimana. Guselkumab è il primo anticorpo monoclonale, interamente umano, approvato che si leghi specificatamente alla subunità p19 dell'interleuchina (IL)-23 e ne inibisca l'interazione con il recettore IL-23.1

Al 31esimo Congresso della European Academy of Dermatology and Venereology (EADV) Janssen ha presentato 38 abstract relativi a dati degli studi GUIDE, VOYAGE 1 e VOYAGE 2.

"Attualmente, le persone con psoriasi vanno incontro ad un percorso di cura lungo e complicato, nel tentativo di trovare il regime più adatto a loro e al loro stile di vita", ha dichiarato Kilian Eyerich, M.D., Professor and Medical Director, Department of Dermatology, Medical Center – University of Freiburg in Breisgau, Germania. "Questi risultati suggeriscono che coloro che ricevono il trattamento subito dopo l'insorgenza della malattia possono registrare percentuali più elevate di guarigione dalla psoriasi."

Questi dati si basano su analisi che suggeriscono che gli adulti con Pso a placche da moderata a grave, che iniziano il trattamento con guselkumab a meno di due anni dall'insorgenza dei sintomi, hanno maggiori probabilità di raggiungere lo stato di super-responder (odds ratio [OR]=1,58; intervallo di confidenza [CI] al 95 per cento: 1,16-2,14), dopo aver adattato le differenze nelle caratteristiche di baseline.3 È stato inoltre riscontrato che le probabilità di risultare super-responder diminuiscono, in caso di utilizzo precedente di farmaci biologici (OR=0,47; 95 per cento CI: 0,28-0,78), in funzione dell’aumento dell’età (OR=0,98; 95 per cento CI: 0,97-0,99) e dell’indice di massa corporea (OR=0,95; 95 per cento CI: 0,93-0,98).2

"La psoriasi può causare sintomi difficili e dolorosi per i pazienti e può presentarsi con varie manifestazioni", ha dichiarato Lloyd Miller, M.D., Ph.D., Vice President, Immunodermatology Disease Area Stronghold, Janssen Research & Development, LLC. "Siamo impegnati a studiare e comprendere il decorso della malattia per contribuire allo sviluppo di terapie efficaci e all'ottimizzazione di quelle esistenti per ridurre il carico dei pazienti, migliorando quindi i sintomi e gli esiti associati alla malattia".

Per quanto riguarda gli studi quinquennali VOYAGE 1 e VOYAGE 2 le nuove analisi dei dati dimostrano che, con guselkumab:

- i livelli elevati della qualità di vita correlata alla salute (HRQoL), definiti dal punteggio del Dermatology Life Quality Index (DLQI) pari a 0 o 1e, raggiunti nei pazienti con completa o quasi completa clearance cutanea, sono rimasti ad un livello costante (intervallo 87,1-95,5 per cento per i pazienti che raggiungono PASI 100), misurati circa ogni 24 settimane, dalla settimana 100 alla settimana 252 di trattamento;3

- le risposte di clearance cutanea sono rimaste costanti fino a cinque anni nei pazienti con Pso del cuoio capelluto o delle unghie, indipendentemente dalla gravità della malattia al baseline.4

- In un'analisi a posteriori dei dati aggregati, la maggior parte dei pazienti con Pso da moderata a grave, ha ottenuto un miglioramento del punteggio PASI superiore al 90 per cento (>77,8 per cento tra testa, tronco, arti superiori e arti inferiori) o del 100 per cento (>70,2 per cento tra testa, tronco, arti superiori e arti inferiori). Questi dati sono stati duraturi e sono rimasti costanti fino alla settimana 252.5

Note:

a)   Vengono definiti super responder i partecipanti allo studio GUIDE che abbiano ricevuto il trattamento con guselkumab fino alla settimana 20 e abbiano risposto al trattamento con un punteggio PASI (Psoriasis Area and Severity Index) pari a 0d, sia alla settimana 20 che alla settimana 28.

b)  La completa clearance cutanea corrisponde ad un punteggio assoluto PASId pari a 0.

c)   Il punteggio PASI (Psoriasis Area and Severity Index) valuta la quantità di superficie coperta da placche di Pso in ogni regione del corpo e il grado di arrossamento, spessore e squamosità delle placche.6

d)  Il Prof. Kilian Eyerich è un consulente retribuito di Janssen. Non ha ricevuto alcun compenso per attività con i media.

e)   Il Dermatology Life Quality Index (DLQI) è un questionario autosomministrato ai pazienti per valutare l'impatto della psoriasi sulla qualità di vita. Più alto è il punteggio, più la malattia influisce negativamente sulla qualità di vita. I punteggi possono variare da 0-1, indicando effetti minimi sulla vita del paziente, fino a 21-30, indicando effetti particolarmente impattanti.7

GUIDE (NCT03818035 EudraCT 2018-001238-16)8,9

GUIDE è uno studio di fase 3b, multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, per valutare le strategie terapeutiche di guselkumab. Sono stati arruolati 880 pazienti con Pso a placche da moderata a grave. Nella prima parte di GUIDE, i pazienti che hanno ricevuto il trattamento con guselkumab fino alla settimana 20 e hanno mantenuto PASI 0 dalle settimane 20 alle 28 sono stati classificati come SR.

Il trattamento con guselkumab è stato ben tollerato e non sono state identificate nuove segnalazioni di sicurezza. Nella prima parte dello studio, la rinofaringite è stato l'evento avverso emergente dal trattamento (TEAE) più comunemente sperimentato dai pazienti (24,3 per cento, 214/880). La rinofaringite è stata anche l'evento avverso più frequente nei gruppi di studio nella seconda parte. Nel gruppo SR, tra coloro che avevano ricevuto il dosaggio di 8 settimane, il 17,6 per cento (26/148) ha riportato casi di rinofaringite, Nel gruppo non-SR, il 18,5 per cento (97/525) ha riportato rinofaringite con il dosaggio di 8 settimane.10

VOYAGE 1 (NCT02207231; EudraCT 2014-000719-15) 11,12

Questo studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e con un comparatore attivo su 837 pazienti è stato progettato per valutare l'efficacia e la sicurezza di guselkumab rispetto al placebo e ad adalimumab in adulti con Pso a placche da moderata a grave. I pazienti sono stati selezionati in modalità casuale a ricevere placebo alle settimane 0, 4 e 12, seguito dal crossover a guselkumab alle settimane 16 e 20 e poi ogni otto settimane (q8w); guselkumab 100 mg alle settimane 0, 4 e 12, seguito dal dosaggio q8w; o adalimumab 80 mg (n= 334) alla settimana 0, seguito da 40 mg alla settimana 1, poi dosaggio ogni due settimane (q2w) fino alla settimana 47, con crossover a guselkumab q8w alla settimana 52.13

Gli endpoint co-primari dello studio erano le proporzioni di pazienti che ricevevano guselkumab rispetto ai pazienti che ricevevano il placebo, raggiungendo IGA 0/1 (completa o quasi completa clearance cutanea) e PASI 90 alla settimana 16. Gli endpoint secondari sono stati valutati alla settimana 16, 24 e 48, con il monitoraggio della sicurezza durante tutto lo studio. Fino alla settimana 48, le regole di imputazione dei non rispondenti (NRI) sono state utilizzate per i dati mancanti (dopo l'applicazione delle regole di insuccesso del trattamento [TFR]).

Durante il periodo di estensione in aperto, iniziato alla settimana 52, tutti i pazienti hanno continuato il trattamento in aperto con guselkumab fino alla settimana 252. Le valutazioni dell'efficacia comprendevano le proporzioni di pazienti che raggiungevano PASI 90, PASI 100, IGA 0/1 e IGA 0 (clearance completa). L'efficacia è stata analizzata utilizzando regole di insuccesso pre-specificate per l'analisi primaria, mentre per le analisi secondarie sono state utilizzate definizione dei non-responder e rispetto della metodologia.

VOYAGE 2 (NCT02207244; EudraCT 2014-000720-18)14,15

VOYAGE2 è uno studio di fase 3, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo e comparatore attivo che è stato progettato per valutare l'efficacia e la sicurezza di guselkumab rispetto al placebo e ad adalimumab in adulti con psoriasi a placche da moderata a grave. I pazienti (N=992) sono stati randomizzati a ricevere iniezioni sottocutanee (SC) di guselkumab 100 mg (n=496) alle settimane 0, 4 e successivamente ogni 8 settimane; placebo (n=248) alle settimane 0, 4 e 12 seguito da crossover a guselkumab 100 mg alla settimana 16; oppure adalimumab 80 mg (n=248) alla settimana 0, 40 mg alla settimana 1, poi 40 mg ogni 2 settimane (q2w) fino alla settimana 23.16 Le settimane dalla 28 alla 72 hanno incorporato un disegno di studio di sospensione randomizzata. Durante il periodo open-label (settimane dalla 76 alla 252), tutti i pazienti hanno ricevuto guselkumab 100 mg ogni 8 settimane. Sono stati valutati i risultati raccolti dai medici e dai pazienti. L'efficacia è stata analizzata utilizzando regole di insuccesso del trattamento pre-specificate (i pazienti che hanno interrotto il trattamento a causa della mancanza di efficacia, del peggioramento della psoriasi o dell'uso di un trattamento proibito sono stati considerati non-responder). Sono stati combinati i dati dei pazienti randomizzati a guselkumab e dei pazienti originariamente randomizzati a placebo e passati a guselkumab alla settimana 16.16 I pazienti sono stati trattati e seguiti fino a 264 settimane.

Gli endpoint co-primari dello studio erano le proporzioni di pazienti che ricevevano guselkumab rispetto ai pazienti che ricevevano placebo e che raggiungevano IGA 0/1 [84% rispetto al 9%, rispettivamente; p<0,001 rispetto al placebo] e PASI 90 [70% rispetto al 2%, rispettivamente; p<0,001 rispetto al placebo] alla settimana 16. Ulteriori valutazioni di efficacia comprendevano le proporzioni di pazienti che ottenevano risposte PASI 75 e PASI 100, nonché punteggi IGA di 0, un punteggio Dermatology Life Quality Index (DLQI) di 0/1, un punteggio Psoriasis Signs and Symptoms Diary (PSSD) di 0, SF-36, la Hospital Anxiety and Depression Scale (HADs), e il Work Limitations Questionnaire (WLQ). L'efficacia è stata analizzata utilizzando regole di insuccesso pre-specificate per l'analisi primaria, mentre per le analisi secondarie sono state utilizzate definizione dei non-responder e rispetto della metodologia.

Bibliografia

1. European Medicines Agency. TREMFYA Summary of Product Characteristics. Available at:https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/tremfya-epar-product-information_en.pdf. Accessed August 2022.

2. Schäkel K, et al. Potential prognostic factors for early PASI 100 response in patients treated with guselkumab: results from the GUIDE study. Presented at AAD 2022, March 25-29

3. Griffiths CEM, et al. Sustained Improvement in Health-related Quality of Life by PASI Response in Patients with Moderate to Severe Psoriasis Treated with Guselkumab Through 5 Years in the VOYAGE 1 and 2 Trials. Presented at EADV 2022, Sept. 7-10.

4. Puig L, et al. Long-term Efficacy of Guselkumab in Patients with Baseline Nail or Scalp Psoriasis: Results from VOYAGE 1 and 2 through 5 Years. Presented at EADV 2022, Sept. 7-10.

5. Puig L, et al. Response to Guselkumab by Body Region in the Treatment of Moderate to Severe Psoriasis: 5-year Results from VOYAGE 1 and 2. Presented at EADV 2022, Sept. 7-10.

6. Feldman SR and Krueger GG. Psoriasis assessment tools in clinical trials. Ann Rheum Dis 2005;64(Suppl II):ii65-ii68.

7.Finlay AY and Khan GK. Dermatology Life Quality Index (DLQI)-a simple practical measure for routine clinical use. Clin Exp Dermatol 1994;19(3):210-216

8. Clinicaltrials.gov. A Study to Evaluate Further Therapeutic Strategies With Guselkumab in Participants With Moderate-to-Severe Plaque-Type Psoriasis (GUIDE). Identifier NCT03818035. https://clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT03818035. Accessed August, 2022.

9. EU Clinical Trials Register. A Phase 3b, Randomized, Double-blind, Active-controlled, Multicenter Study to Evaluate Further Therapeutic Strategies with Guselkumab in Patients with Moderate-to-Severe Plaque-Type Psoriasis. Available at: https://www.clinicaltrialsregister.eu/ctr-search/search?query=2018-001238-16. Accessed August 2022.

10. Schäkel K, et al. 16-week treatment interval of guselkumab is non-inferior to 8-week dosing for maintaining psoriasis control in super responders: GUIDE study primary result. Presented at EADV 2022, Sept. 7-10.

11. Clinicaltrials.gov. A Study of Guselkumab in the Treatment of Participants With Moderate to Severe Plaque-Type Psoriasis (VOYAGE 1). Identifier NCT02207231. https://www.clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02207231. Accessed August 2022.

12. EU Clinical Trials Register. A Phase 3, Multicenter, Randomized, Double-blind, Placebo and Active Comparator-controlled Study Evaluating the Efficacy and Safety of Guselkumab for the Treatment of Subjects with Moderate to Severe Plaque-type Psoriasis. Available at: https://www.clinicaltrialsregister.eu/ctr-search/trial/2014-000719-15/DE. Accessed August 2022.

13. Blauvelt, A. et al. Efficacy and safety of guselkumab, an anti-interleukin-23 monoclonal antibody, compared with adalimumab for the continuous treatment of patients with moderate to severe psoriasis: Results from the phase III, double-blinded, placebo- and active comparator-controlled VOYAGE 1 trial. J Am Acad Dermatol. 2017 Mar;76(3):405-417. 

14. Clinicaltrials.gov. A Study of Guselkumab in the Treatment of Participants With Moderate to Severe Plaque-Type Psoriasis With Randomized Withdrawal and Retreatment (VOYAGE 2). Identifier NCT02207244. https://www.clinicaltrials.gov/ct2/show/NCT02207244. Accessed February 2022.

15. EU Clinical Trials Register. A Phase 3, Multicenter, Randomized, Double-blind, Placebo and Active Comparator controlled Study Evaluating the Efficacy and Safety of Guselkumab for the Treatment of Subjects with Moderate to Severe Plaque-type Psoriasis with Randomized Withdrawal and Retreatment. Available at: https://www.clinicaltrialsregister.eu/ctrsearch/trial/2014-000720-18/DE. Accessed August 2022.

16. Reich, K. et al. Efficacy and safety of guselkumab, an anti-interleukin-23 monoclonal antibody, compared with adalimumab for the treatment of patients with moderate to severe psoriasis with randomized withdrawal and retreatment: Results from the phase III, double-blind, placebo- and active comparator–controlled VOYAGE 2 trial. J Am Acad Dermatol. 2017 Jan;76(3):418-431. 

17. National Psoriasis Foundation. About Psoriasis. https://www.psoriasis.org/about-psoriasis. Accessed August 2022.

18. National Psoriasis Foundation. Statistics. Available at: https://www.psoriasis.org/content/statistics. Accessed March 2022.

19. National Psoriasis Foundation. Life with Psoriasis. https://www.psoriasis.org/life-with-psoriasis/. Accessed August 2022.

20. Food and Drug Administration. TREMFYA® Prescribing Information. Horsham, PA. 2017. Available at: https://www.janssenlabels.com/package-insert/product-monograph/prescribing-information/TREMFYA-pi.pdf. Accessed August 2022.

21. Japan Pharmaceuticals and Medical Devices Agency. Tremfya Report on the Deliberation Results. Available at: https://www.pmda.go.jp/files/000234741.pdf. Accessed August 2022.

22. The Canadian Agency for Drugs & Technologies in Health. TREMFYA Prescribing Information. Available at: https://pdf.hres.ca/dpd_pm/00042101.PDF. Accessed August 2022.

 

 

Ultime News