Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Infezioni rivoluzionarie dopo la vaccinazione post-esposizione contro Mpox

Infettivologia | Redazione DottNet | 08/12/2022 13:51

Il 4% dei partecipanti che avevano ricevuto la vaccinazione post-esposizione con un vaccino contro il vaiolo di terza generazione ha avuto una successiva infezione da mpox

Durante l'attuale epidemia di vaiolo delle scimmie (recentemente ribattezzato mpox), è stata raccomandata la vaccinazione contro il vaiolo per prevenire l'infezione da mpox nelle persone che hanno avuto esposizione a mpox, ma le prove a sostegno di questa pratica sono limitate. Abbiamo condotto uno studio per valutare potenziali infezioni rivoluzionarie nei partecipanti che avevano ricevuto il vaccino contro il vaiolo dopo un'esposizione ad alto rischio a mpox.

Dal 27 maggio al 13 luglio 2022, abbiamo eseguito un'analisi osservazionale a centro singolo che ha coinvolto tutti i partecipanti consecutivi che avevano ricevuto un vaccino contro il vaiolo di terza generazione (JYNNEOS [Imvanex]) a una dose sottocutanea di 0,5 ml (un titolo nominale di 5 × 10 7 TCID 50 [50% dose infettiva coltura tissutale]) dopo un'esposizione a mpox ad alto rischio. Queste esposizioni sono state definite come contatto diretto pelle a pelle o con le mucose con una persona infetta, contatto indiretto, esposizione a goccioline respiratorie o tutte queste esposizioni (le definizioni sono fornite nella sezione Metodi nell'Appendice Supplementare , disponibile con il testo completo di questa lettera su NEJM.org). 3Il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti i partecipanti. Il comitato etico della Sorbonne Paris North University ha approvato lo studio.

Un totale di 276 partecipanti aveva ricevuto una dose di vaccino 11 giorni (intervallo interquartile, da 8 a 14) dopo l'esposizione. Un totale di 114 partecipanti (41%) ha avuto due tipi di esposizione sovrapposti: principalmente esposizione indiretta più esposizione a goccioline respiratorie (in 78 partecipanti [28%]) ed esposizione diretta più esposizione a goccioline respiratorie (in 28 partecipanti [10%]) - e 102 partecipanti (37%) hanno avuto tutti e tre i tipi di esposizione (esposizione diretta, esposizione indiretta ed esposizione a goccioline respiratorie). Tra i 276 partecipanti vaccinati, 233 (84%) erano uomini che avevano avuto rapporti sessuali con uomini, con una mediana di 8 partner sessuali (intervallo interquartile, da 3 a 13) nel mese precedente. Non sono stati identificati eventi avversi gravi o problemi di sicurezza. Dodici dei 276 partecipanti vaccinati (4%) hanno avuto una successiva infezione da mpox non grave confermata; di questi partecipanti, 4 (33%) avevano un'infezione da virus dell'immunodeficienza umana ben controllata (rispetto a 33 su 264 [12%] tra coloro che erano stati vaccinati e non infetti) e 2 (17%) avevano una storia di vaccinazione contro il vaiolo (come rispetto a 28 su 264 [11%] tra coloro che erano stati vaccinati e non infetti). L'infezione da Mpox si è sviluppata in 10 dei 12 partecipanti entro 5 giorni dalla vaccinazione, in 1 partecipante a 22 giorni e in 1 partecipante a 25 giorni. I partecipanti in cui l'infezione da mpox non si è sviluppata hanno ricevuto una seconda dose di vaccino dopo una mediana di 29 giorni (intervallo interquartile, da 28 a 33).

Le infezioni precoci possono essere spiegate dal ritardo tra l'esposizione e la vaccinazione (mediana, 11 giorni) perché l'incubazione di mpox varia da 5 a 21 giorni, ma queste infezioni aumentano anche la possibilità di un'esposizione precoce. I due partecipanti con infezioni da rottura a 22 e 25 giorni hanno indicato di non aver avuto una nuova esposizione, ma erano gli unici partecipanti che avevano un animale domestico (un gatto e un cane che erano entrambi asintomatici e che condividevano le case dei partecipanti ma non non dormire con loro). Il nostro studio ha diversi limiti. È stato condotto in un unico centro e non siamo stati in grado di valutare l'esposizione a mpox. Inoltre, lo studio aveva un progetto in aperto, non aveva un gruppo di controllo o misure di immunità indotta dal vaccino e aveva una validità esterna limitata. In questa popolazione di studio, il 4% dei partecipanti che avevano ricevuto la vaccinazione post-esposizione con un vaccino contro il vaiolo di terza generazione ha avuto una successiva infezione da mpox durante il primo mese dopo aver ricevuto la prima vaccinazione.

 

fonte: The new england journal of medicine

Ultime News