Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Covid, cosa comporta la variante Kraken che cresce in Italia. E intanto arriva Orthrus

Infettivologia | Redazione DottNet | 23/01/2023 14:17

Omicron il 10 gennaio scorso aveva una prevalenza stimata al 100%, con la sottovariante Ba.5 largamente predominante e una quota di ricombinanti Omicron/Omicron pari al 3,6%

In Italia il 10 gennaio scorso la variante Omicron aveva una prevalenza stimata al 100%, con la sottovariante BA.5 largamente predominante e una quota di ricombinanti omicron/omicron pari al 3,6%. Sono questi i risultati dell'indagine rapida condotta dall'Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler. Sono 12 i casi di Kraken rilevati. Come in altri Paesi europei aumentano i sequenziamenti del sotto-lignaggio CH.1.1 nota come Orthrus in crescita nel Regno Unito (2.6% rispetto a 1.0% dell'indagine precedente del 13 dicembre), "le cui caratteristiche sono oggetto di investigazione".

Ma vediamo se e quanto c'è da preoccuparsi, secondo quanto pubblicato da BMJ

Causa malattie più gravi?

Questo è ancora in fase di revisione. Secondo l'OMS, tuttavia, XBB.1.5 "non porta alcuna mutazione nota per essere associata a un potenziale cambiamento di gravità". Ciò sembra essere supportato dall'ECDC, che ha affermato che non ci sono indicazioni che XBB.1.5 sarà più grave delle altre sottolinee omicron che sono circolate.

Gli attuali vaccini covid proteggono da XBB.1.5?

Le stime specifiche sull'efficacia del vaccino non sono ancora disponibili per XBB.1.5, ma l'OMS ha avvertito che potrebbe avere la "più alta fuga immunitaria fino ad oggi". Le sue prove suggeriscono persone che hanno avuto tre o quattro dosi di un vaccino mRNA covid-19 (come Moderna o Pfizer) più un'infezione da BA.5, o tre dosi del vaccino cinese Coronavac più una precedente infezione da BA.1, BA. 5, o BF.7 "non inducono titoli di neutralizzazione elevati contro XBB.1.5.5."  L'ECDC ha anche avvertito che i suoi predecessori, XBB e XBB.1, hanno mostrato "riduzioni significative della capacità neutralizzante del siero delle persone vaccinate". Nonostante ciò, l'agenzia ha affermato che i vaccini disponibili "rimangono ancora efficaci contro malattie gravi a causa delle varianti omicron precedenti e attuali dominanti nell'UE, anche se vi sono alcune prove di un calo nel tempo". on è ancora chiaro se potrebbe essere necessario un vaccino di richiamo specifico per XBB, ma gli esperti hanno invitato gli eleggibili a ottenere vaccini di richiamo disponibili ove possibile.

XBB.1.5 è motivo di preoccupazione?

Sebbene gran parte delle prove relative a XBB.1.5 sia ancora in fase di raccolta e revisione, gli esperti hanno affermato che al momento non è necessario allarmarsi per questa variante.  Il professore di infezione e immunità di Ashall presso l'Università di Oxford Andrew Pollard, che ha guidato il team che ha sviluppato il vaccino Oxford AstraZeneca, ha dichiarato al BMJ : “Dovremmo essere cauti nel non far temere che ogni nuova variante preannunci una nuova crisi nella pandemia. Non c'è motivo di pensare che XBB.1.5 sia più preoccupante di altre varianti che vanno e vengono nel panorama in continua evoluzione dei mutanti covid-19.  Pollard ha affermato che, almeno nel Regno Unito, l'attenzione deve essere rivolta a garantire che il sistema sanitario possa far fronte non solo al covid-19, ma a tutti i pazienti.  “Oggi nel Regno Unito il problema non sono le nuove infezioni da covid-19, che è solo uno dei tanti virus non pandemici che ci fanno ammalare, ma la cronica carenza di capacità, finanziamenti e personale nel nostro sistema sanitario e di assistenza sociale . Dobbiamo pianificare le pressioni invernali previste dalle infezioni e dobbiamo sviluppare le risorse per accogliere una popolazione anziana in crescita nei decenni a venire ", ha affermato. "Questi non sono problemi facili da risolvere ma, a differenza delle pandemie, non sono facilmente risolvibili con progressi scientifici o soluzioni a breve termine, ma con una visione a lungo termine per la nostra salute condivisa al di là del divario politico".

Kraken è dominante negli Usa: secondo l'ultima proiezione dei Centers for Disease Control and Prevention, nell'ultima settimana è stata responsabile del 49,1% dei contagi, seguita da BQ.1.1 al 26,9% e BQ.1 al 13,3. Quasi scomparse le altre sottovarianti. Tornando all'Italia, è ancora in discesa l'incidenza dei casi di Covid e l'indice di trasmissibilita'. La prima passa a 88 ogni 100.000 abitanti (13/01/2023 -19/01/2023) rispetto a 143 ogni 100.000 abitanti (06/01/2023 -12/01/2023). Nel periodo 28 dicembre 2022-10 gennaio 2023, l'Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,89 (range 0,74-1,06), in diminuzione rispetto alla settimana precedente quando era 0,91 e sotto la soglia epidemica. Lo indica il monitoraggio settimanale Iss-Ministero della Salute. Il tasso di occupazione in terapia intensiva da parte dei malati di Covid è in calo al 2,3% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 19 gennaio) rispetto al 3,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 12 gennaio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 7,9% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 19 gennaio) rispetto al 10,1% (rilevazione giornaliera Ministero della Salute al 12 gennaio).  Nessuna Regione e provincia autonoma è classificata a rischio alto per l'evoluzione dei casi di Covid e per l'impatto sulle strutture sanitarie. Sono 4 quelle a rischio moderato e sono, secondo la scheda che ANSA ha potuto visionare, l'Emilia Romagna, il Piemonte, Bolzano e la Puglia. Infine diciassette classificate a rischio basso.

I dati del Ministero
Nella settimana 13-19 gennaio 2023 sono stati 51.897 i nuovi casi positivi di Covid con una variazione di -38,3% rispetto alla settimana precedente (quando erano 84.076); 495 i deceduti con una variazione di -14,1% rispetto alla settimana precedente (erano 576). I tamponi sono stati 687.233 con una variazione di -10,5% rispetto alla settimana precedente (erano 767.718) Il tasso di positività del 7,6% con una variazione di -3,4% rispetto alla settimana precedente (11,0%). Sono i dati settimanali riferiti dal ministero della Salute.

Intanto si fa strada un'altra variante, Orthrus. In accordo con quanto rilevato in altri Paesi europei, "si osserva un aumento nella proporzione di sequenziamenti attribuibili al sotto-lignaggio CH.1.1, ribattezzato 'Orthrus' (2.6% contro 1% dell’indagine precedente), le cui principali caratteristiche sono oggetto di investigazione. Stime preliminari condotte nel Regno Unito, hanno evidenziato un vantaggio di crescita di CH.1.1 rispetto al sotto-lignaggio attualmente predominante BQ.1.18".

Ultime News