Canali Minisiti ECM

Follow up di quindici anni per il cancro alla prostata. Chirurgia o radioterapia

Oncologia Redazione DottNet | 15/03/2023 21:13

La mortalità specifica per cancro alla prostata era bassa indipendentemente dal trattamento assegnato

Tra il 1999 e il 2009 nel Regno Unito, 82.429 uomini di età compresa tra 50 e 69 anni hanno ricevuto un test dell'antigene prostatico specifico (PSA). Il cancro alla prostata localizzato è stato diagnosticato in 2664 uomini. Di questi uomini, 1643 sono stati arruolati in uno studio per valutare l'efficacia dei trattamenti, con 545 assegnati in modo casuale a ricevere un monitoraggio attivo, 553 a sottoporsi a prostatectomia e 545 a sottoporsi a radioterapia.

METODI

pubblicità

A un follow-up mediano di 15 anni (intervallo da 11 a 21), abbiamo confrontato i risultati in questa popolazione rispetto a morte per cancro alla prostata (l'esito primario) e morte per qualsiasi causa, metastasi, progressione della malattia e inizio di terapia di deprivazione androgenica a lungo termine (outcome secondari).

RISULTATI

Il follow-up è stato completato per 1610 pazienti (98%). Un'analisi di stratificazione del rischio ha mostrato che più di un terzo degli uomini aveva una malattia a rischio intermedio o alto alla diagnosi. La morte per cancro alla prostata si è verificata in 45 uomini (2,7%): 17 (3,1%) nel gruppo di monitoraggio attivo, 12 (2,2%) nel gruppo di prostatectomia e 16 (2,9%) nel gruppo di radioterapia (P=0,53 per il confronto generale). La morte per qualsiasi causa si è verificata in 356 uomini (21,7%), con numeri simili in tutti e tre i gruppi. Le metastasi si sono sviluppate in 51 uomini (9,4%) nel gruppo di monitoraggio attivo, in 26 (4,7%) nel gruppo prostatectomia e in 27 (5,0%) nel gruppo radioterapia. La terapia di deprivazione androgenica a lungo termine è stata iniziata in 69 uomini (12,7%), 40 (7,2%) e 42 (7,7%), rispettivamente; la progressione clinica si è verificata rispettivamente in 141 uomini (25,9%), 58 (10,5%) e 60 (11,0%). Nel gruppo di monitoraggio attivo, 133 uomini (24,4%) erano vivi senza alcun trattamento per il cancro alla prostata alla fine del follow-up. Non sono stati osservati effetti differenziali sulla mortalità cancro-specifica in relazione al livello basale di PSA, stadio o grado del tumore o punteggio di stratificazione del rischio. Nessuna complicazione del trattamento è stata segnalata dopo l'analisi a 10 anni.

CONCLUSIONI

Dopo 15 anni di follow-up, la mortalità specifica per cancro alla prostata era bassa indipendentemente dal trattamento assegnato. Pertanto, la scelta della terapia comporta la valutazione dei compromessi tra benefici e rischi associati ai trattamenti per il carcinoma prostatico localizzato.

fonte: the new england journal of medicine

Commenti

I Correlati

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

In occasione della Giornata Nazionale contro le leucemie AIL presenta cinque progetti di Ricerca Indipendente finanziati a SIE, SIES, GITMO, FIL e AIEOP

Fagioli (Ospedale Regina Margherita di Torino): “Oggi l’80% dei pazienti guarisce, ma necessaria attenzione agli adolescenti, che arrivano tardi alla diagnosi”

Primo in Italia e in Europa l’Istituto dei tumori di Napoli dà il via al progetto HVAS, innovativa iniziativa per diminuire i disagi ai pazienti portatori di picc, quel catetere che serve per iniettare nelle vene i medicinali delle chemio

Ti potrebbero interessare

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Presentato presso la Camera dei deputati un innovativo modello, sviluppato da C.R.E.A. Sanità con il contributo di Roche Italia, che valuta i costi-benefici e la sostenibilità dello screening polmonare nel nostro Paese

La Generazione X potrebbe registrare un aumento pro-capite dell'incidenza dei principali tipi di cancro maggiore rispetto a qualsiasi altro gruppo nato tra il 1908 e il 1964

Revisione su 42.500 pazienti: "In 7 di questi rilevata presenza costrutto Car, persone trattate vanno monitorate a vita"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie