Canali Minisiti ECM

Artrite psoriasica, minima attività di malattia migliora la qualità della vita

Neurologia Redazione DottNet | 08/05/2023 14:26

Nei pazienti con PsA il mancato raggiungimento dell'attività minima di malattia entro un anno è legato a peggiori Pro (Patient repoted outcome, outcome riferiti dai pazienti, come la funzionalità fisica, il dolore e la valutazione globale di malattia

Nei pazienti con PsA il mancato raggiungimento dell'attività minima di malattia entro un anno è legato a peggiori Pro (Patient repoted outcome, outcome riferiti dai pazienti, come la funzionalità fisica, il dolore e la valutazione globale di malattia)

Artrite psoriasica, per migliorare il suo impatto sulla qualità di vita è necessario raggiungere precocemente la minima attività di malattia (Mda) - definita in base alla riduzione di un insieme di sintomi della patologia (articolazioni tumefatte e dolenti, entesite, psoriasi) - e mantenerla nel tempo.

Secondo uno studio pubblicato su 'Rheumatic and Musculoskeletal Diseases' nei pazienti con PsA il mancato raggiungimento dell'attività minima di malattia entro un anno è legato a peggiori Pro (Patient repoted outcome, outcome riferiti dai pazienti, come la funzionalità fisica, il dolore e la valutazione globale di malattia). "Studi precedenti di letteratura - scrivono i ricercatori dell'Erasmus University Medical Center e Maasstad Hospital di Rotterdam e dell'Albert Schweitzerplaats di Dordrecht (Paesi Bassi) - hanno dimostrato che i pazienti con PsA che raggiungono la Mda presentano livelli minori di fatigue (astenia) e una migliore qualità di vita correlata alla salute (HRQoL), nonché un miglioramento del benessere mentale e della produttività lavorativa rispetto ai pazienti che non raggiungono la Mda. E' stata inoltre dimostrata l'importanza di raggiungere la Mda entro il primo anno per migliorare la HRQoL a 12 mesi. Ciò detto, fino ad ora non esistevano studi con dati a lungo termine a sostegno di questa tesi".

pubblicità

L'impatto della Mda è stato valutato utilizzando i dati di pazienti con PsA di nuova diagnosi, naïve ai farmaci antireumatici modificanti la malattia (Dmard) e con oligoartrite (2-5 articolazioni interessate) o poliartrite (più di 5 articolazioni) al basale, provenienti dalla coorte olandese Depar (Dutch southwest early PsA cohoRt). Lo studio ha coinvolto 240 pazienti classificati in tre gruppi: pazienti con raggiungimento della Mda a 9 e a 12 mesi dalla diagnosi di PsA (Mda mantenuta); pazienti con raggiungimento della Mda entro il primo anno, ma senza mantenimento di questo stato a 9 e a 12 mesi (Mda non mantenuta); pazienti senza raggiungimento della Mda entro un anno. "Per ridurre l'impatto della PsA sulla qualità di vita dei pazienti - affermano gli autori - è necessario un trattamento intensivo precoce che si concentri su tutti gli aspetti della malattia, comprese le comorbidità associate. Nei pazienti che non raggiungono la minima attività della malattia, nonostante l'intensificazione precoce della terapia, dobbiamo guardare oltre i Dmard biologici ed essere consapevoli delle comorbidità e di altri fattori che influenzano la capacità di questi pazienti di raggiungere la Mda".

Sono oltre 300mila le persone in Italia che hanno ricevuto una diagnosi di questa patologia infiammatoria cronica, che coinvolge la pelle, le articolazioni e i tendini, e si sviluppa quando il sistema immunitario attacca i tessuti e le cellule sane. Una patologia progressiva e debilitante, che - secondo la Società italiana di reumatologia (Sir) - si manifesta in un paziente con psoriasi su tre. La sintomatologia della PsA provoca manifestazioni cliniche molto differenti perché, oltre a colpire le articolazioni, i tendini e la schiena, a volte non risparmia organi come l'intestino o l'occhio, oltre naturalmente alla cute.

Commenti

I Correlati

Schillaci: "Questo governo, per la prima volta, interviene in modo concreto per rafforzare la capacità del servizio sanitario di erogare le cure nei tempi giusti, chiamando in causa tutti gli attori in campo"

Sono state segnalate neoplasie secondarie maligne originate da cellule T, incluse neoplasie maligne positive al recettore dell’antigene chimerico (CAR)

Coghe: "Un progetto che nasce dall'idea del professor Gavino Faa, incaricato dall'Aou di Cagliari di occuparsi della stesura di un sistema di digital patology da sviluppare all'interno dell'azienda"

La Corte Costituzionale con sentenza n.130 depositata il 23 giugno 2023 aveva dichiarato anticostituzionale il differimento e la rateizzazione del TFR e del TFS dei dipendenti pubblici in quanto contrasta con il principio della giusta retribuzione

Ti potrebbero interessare

L’esposizione agli inquinanti dell’aria, alle polveri sottili e in particolare al PM 2,5, provoca alterazioni delle loro connessioni cerebrali con conseguenti disturbi dell’attenzione e problemi mentali

La ricerca italiana pubblicata sulla rivista scientifica 'Pnas'

Risultati incoraggianti per le cure arrivano dallo studio internazionale coordinato da Arianna di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice all'Ucl Queen Square Neurology di Londra

Studio guidato dagli Usa con il contributo di Irccs Auxologico e università Statale di Milano

Ultime News

Il voto, espresso tra il 12 e il 15 luglio, ha visto la partecipazione di un numero altissimo di medici e odontoiatri; un’affluenza importante nonostante il caldo da bollino rosso

Schillaci: "Questo governo, per la prima volta, interviene in modo concreto per rafforzare la capacità del servizio sanitario di erogare le cure nei tempi giusti, chiamando in causa tutti gli attori in campo"

Uno dei primi casi documentati al mondo di intervento all'aorta ascendente e alla valvola aortica senza 'aprire' chirurgicamente il torace del paziente

Chirurgia mini-invasiva e robotica le armi contro la stenosi del canale lombare