Canali Minisiti ECM

Il professor Giuseppe Argenziano è il nuovo Presidente Sidemast

Dermatologia Redazione DottNet | 08/05/2023 15:34

Il neo-presidente: “Ho in mente tanti progetti, ma uno su tutti è quello che mi preme di più: trovare il modo di riunificare le varie anime associative della dermatologia italiana sotto un'unica casa comune che possa, quindi, farsi rappresentanza, vo

Il neo-presidente: “Ho in mente tanti progetti, ma uno su tutti è quello che mi preme di più: trovare il modo di riunificare le varie anime associative della dermatologia italiana sotto un'unica casa comune che possa, quindi, farsi rappresentanza, voce e azione per tutti i dermatologi italiani"

Il Professor Giuseppe Argenziano è il nuovo Presidente della SIDeMaST, la Società Italiana di Dermatologia e delle Malattie Sessualmente Trasmesse.  L’elezione è avvenuta nel corso del Consiglio Direttivo tenutosi il 4 maggio a seguito delle dimissioni del Prof. Giuseppe Monfrecola.  

Giuseppe Argenziano, napoletano, è Professore Ordinario e Direttore della Clinica Dermatologica dell’Università della Campania "Luigi Vanvitelli". Il suo preminente filone di ricerca scientifica e attività didattico-assistenziale si identifica nel campo della dermatologia oncologica, ed in particolare nella diagnosi precoce del melanoma mediante i più innovativi sistemi di diagnostica non invasiva. La sua attività di ricerca inizia nel 1997 ed in circa 25 anni pubblica più di 800 articoli scientifici in riviste recensite da Pubmed, guadagnando il primo posto fra gli autori di pubblicazioni scientifiche indicizzate nel campo della dermoscopia (Scopus, 2023). Figura inoltre nella top 50 degli autori più produttivi in ambito dermatologico (Scopus 2010-2014).

pubblicità

Nel 2015 riprende servizio presso la UOC di Clinica Dermatologica della Seconda Università di Napoli nel ruolo di professore associato e nel 2016 è chiamato al ruolo di Professore Ordinario e Responsabile della stessa struttura. Sotto la sua guida, il gruppo multidisciplinare per la gestione dei pazienti con tumori cutanei arriva a gestire nel 2019 più di 600 nuovi pazienti con melanoma, diventando il centro di riferimento leader per la regione Campania. 

"In primo luogo - dichiara il neo-presidente nella sua lettera di saluto ai Soci - sento il bisogno di ringraziare i membri del Consiglio Direttivo SIDeMaST che mi hanno dato l'onore e l'onere di presiedere una società di così grande valore storico nell'ambito della nostra branca. Io cercherò di rappresentare i membri della nostra società con la usuale passione e tenacia che hanno sempre contraddistinto le mie giornate di lavoro. Ho in mente tanti progetti, ma uno su tutti è quello che mi preme di più: trovare il modo di riunificare le varie anime associative della dermatologia italiana sotto un'unica casa comune che possa, quindi, farsi rappresentanza, voce e azione per tutti i dermatologi italiani". 

"La dermatologia è una branca medico-chirurgica in grande espansione, - prosegue il Prof. Argenziano - e questo per vari motivi. Il primo è rappresentato dal fatto che oggi solo i giovani medici più brillanti e motivati riescono ad accedere alle nostre scuole di specializzazione. Questo significa che avremo generazioni future di dermatologi di grandi capacità, che avranno quindi il potenziale di migliorare sempre più, non solo la qualità dell'assistenza offerta ai pazienti, ma anche quella della ricerca in campo dermatologico. Il secondo motivo di grande espansione della dermatologia è rappresentato dallo sviluppo sempre crescente di tutta una nuova generazione di farmaci biotecnologici, terapie target ed immunoterapie che, di fatto, ha cambiato il volto della terapia di tante malattie della cute, infiammatorie e neoplastiche".  

"La dermatologia italiana - conclude il Presidente - è quindi chiamata a raccogliere queste sfide, e l'unico modo per affrontarle è quello di essere uniti nella sostanza ma anche nella rappresentanza dei nostri organi associativi.  Nella speranza di incontrarvi presto al prossimo congresso nazionale SIDEMAST di Napoli, Vi abbraccio affettuosamente"

 

Commenti

I Correlati

Il voto, espresso tra il 12 e il 15 luglio, ha visto la partecipazione di un numero altissimo di medici e odontoiatri; un’affluenza importante nonostante il caldo da bollino rosso

La Corte Costituzionale con sentenza n.130 depositata il 23 giugno 2023 aveva dichiarato anticostituzionale il differimento e la rateizzazione del TFR e del TFS dei dipendenti pubblici in quanto contrasta con il principio della giusta retribuzione

L’Inps con la Circolare n. 69 del 29 maggio 2024, ha fornito tutte le indicazioni per l’applicazione del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione, reintrodotto nell’ordinamento dalla Legge 30 dicembre 2023, n. 213

"In piazza per la messa in discussione del ruolo della professione e la perdita del potere d’acquisto degli stipendi che il Censis ha quantificato in -6,1% in sette anni, tra il 2015 e il 2022"

Ti potrebbero interessare

Lo indica lo studio pubblicato sulla rivista Jama Dermatology e condotto presso l'Università di San Francisco su due ampi campioni di individui

L’assunzione del principio attivo Baricitinib, il primo approvato nel 2022 per i pazienti adulti con alopecia areata grave si è dimostrata ancora più efficace sui pazienti curati nella vita reale rispetto a quelli trattati negli studi registrativi

Numerosi studi hanno dimostrato la connessione tra cambiamenti climatici ed incremento della dermatite atopica ed anche tra inquinamento ambientale e aumento della patologia

L'allarme degli esperti, 'meglio usare antisettici locali'

Ultime News

Il voto, espresso tra il 12 e il 15 luglio, ha visto la partecipazione di un numero altissimo di medici e odontoiatri; un’affluenza importante nonostante il caldo da bollino rosso

Schillaci: "Questo governo, per la prima volta, interviene in modo concreto per rafforzare la capacità del servizio sanitario di erogare le cure nei tempi giusti, chiamando in causa tutti gli attori in campo"

Uno dei primi casi documentati al mondo di intervento all'aorta ascendente e alla valvola aortica senza 'aprire' chirurgicamente il torace del paziente

Chirurgia mini-invasiva e robotica le armi contro la stenosi del canale lombare