Canali Minisiti ECM

SICOB a Bari: appuntamento con lo spring meeting il 18 e il 19 maggio per una chirurgia bariatrica più inclusiva

Nutrizione Redazione DottNet | 17/05/2023 11:48

Si terrà in questi giorni a Bari l’incontro SICOB “Condividere per crescere”, che ha come obiettivo favorire l’integrazione delle nuove tecnologie per la chirurgia bariatrica.

La chirurgia bariatrica ha ormai abbandonato gli interventi invasivi e dolorosi del passato, questo perché il 98% dei chirurghi opera in laparoscopia.

La crescente integrazione tra chirurgia bariatrica ed endoscopia - oltre alla chirurgia robotica – favorisce sempre più un percorso di cura non invaviso e delicato per i pazienti del futuro. Rilevanti anche le attuali e più recenti terapie farmacologiche che facilitano la perdita di peso e riducono le percentuali di recupero ponderale. Il processo di cura è inoltre strutturato da un follow-up personalizzato che prevede un monitoraggio e un supporto al paziente nelle abitudini alimentari, attività fisica e psicoterapia. Questo processo aiuta a mantenere il peso e a ridurre drasticamente le comorbidità, che include rischi quali diabete e persino il cancro, a patto che il paziente venga educato a seguire un perfetto regime di riabilitazione nel tempo. Questa soluzione si rivela vincente anche per le donne che riescono a ritrovare la fertilità compromessa proprio dall’obesità.

Chirurgia bariatrica: le dichiarazioni della SICOB

pubblicità

 “Il titolo di questo incontro, “Condividere per crescere” indica un nostro intento ben preciso, che è quello di implementare sempre più l’integrazione tra la chirurgia dell’obesità, le nuove tecnologie come la chirurgia robotica e l’endoscopia, i farmaci, la corretta nutrizione, la psicoterapia e la multidisciplinarietà per favorire il benessere del paziente”. Dichiara Antonio Braun, Delegato Regionale per la Puglia della SICOB, Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità e Malattie Metaboliche, Direttore Dipartimento di Chirurgia Bariatrica di GVM Care & Research in Puglia e Presidente dello Spring Meeting SICOB in programma il 18 e 19 maggio a Bari.

L’incontro di Bari vuole sottolineare l'importanza dell’armonizzazione delle discipline coinvolte nel percorso verso il dimagrimento. Sull’endoscopia, il Presidente Braun afferma: “Oggi l’endoscopia è di rilevante supporto alla chirurgia in quanto si possono così evitare nuovi interventi in caso di recupero ponderale grazie alla metodica endobariatrica che può ridurre per esempio l’ampiezza di un by-pass gastrico o di una sleeve. In futuro, in casi selezionati, se i pazienti non potessero candidarsi alla laparoscopia per elevati rischi legati all’intervento, le procedure endoscopiche potrebbero persino sostituirla. Questo per esempio vale per i pazienti cardiopatici, per i pazienti fragili e per chi, essendo avanti negli anni, dovrebbe evitare l’intervento chirurgico. Questi pazienti un tempo non sarebbero stati operabili e avrebbero avuto una aspettativa di vita breve e aggravata da varie comorbidità. Con l’innovazione della chirurgia bariatrica, sempre più sofisticata e delicata, i pazienti non candidabili diventeranno sempre meno “.

Anche il follow-up personalizzato, come accennato prima, prevede un percorso diintegrazione tra dieta, attività fisica, psicoterapia e farmacologia, ma va seguito attentamente per non riprendere peso, come conferma Giuseppe Navarra, Presidente Eletto SICOB:E’ statisticamente provato che chi dopo l’intervento si “distrae” dal percorso terapeutico, negli anni successivi tende a riprendere peso. La letteratura scientifica ci dice chiaramente che dopo la sleeve gastrectomy si tende a riprendere peso nel 28% dei casi (con un range che va dal 14 al 37%). Chi si sottopone ad un by-pass gastrico tende a riprenderlo nel 4% dei casi. Per questo è fondamentale continuare a farsi seguire; gli specialisti della SICOB sono a disposizione dei pazienti nei 133 Centri sul territorio, tutti gratuiti o in convenzione con il SSN”.

Questo approccio si rivela efficace anche nei casi di infertilità per le donne: la maggior parte degli studi scientifici infatti riporta una prevalenza di irregolarità del ciclo mestruale nelle donne con obesità del 30%-36%, che si traduce in termini pratici in una riduzione del tasso di fertilità: “I dati del Nurses' Health Study – chiarisce il Prof. Stefano Bettocchi, presente al meeting- confermano quindi che le donne con indice di massa corporea superiore a 30 mostravano un rischio 2,7 volte più elevato di infertilità rispetto a quelle normopeso. Tra le donne obese trattate per infertilità il tasso di gravidanza è minore rispetto a quelle normopeso; infatti, dopo il trattamento di fecondazione il rischio di interruzione spontanea di gravidanza è molto elevato. Questo perché l’obesità influisce negativamente anche sulle procedure di fecondazione assistita e le donne con obesità hanno una probabilità 1,3 volte maggiore di abortire spontaneamente”.

Gli standard di sicurezza sono ormai altissimi grazie alle nuove tecnologie e ancora una volta lo dimostra il convegno di Bari, che punta moltissimo anche sulla formazione. Questo può rassicurare non solo il paziente ma anche i giovani chirurghi, come conclude il Prof. Marco Antonio Zappa, Presidente SICOB:Noi vogliamo rassicurare non solo i pazienti, ma anche motivare e spingere i giovani medici che affrontano oggigiorno una vera e propria crisi vocazionale. Il messaggio chiaro per coloro che si avvicinano alla chirurgia è che la laparoscopia ha rinnovato profondamente la chirurgia e la renderà sempre più sicura e riproducibile. Se oggi il rischio di mortalità è precipitato allo 0,08 %, grazie alle nuove tecnologie si abbasserà sempre più. Anche le curve di apprendimento dei giovani chirurghi si velocizzano. Oggiprosegue il Professor Zappa - un giovane chirurgo può partecipare attivamente a molti interventi in maniera diretta e molto più intuitiva. Nei centri di Eccellenza ad alto flusso un giovane specializzando può partecipare anche a 10 interventi al giorno. Grazie alla interattività ed all’ aiuto dei monitor, non solo lo staff chirurgico ha sempre tutto sotto controllo, ma tutti gli interventi sono registrati e puntualmente rivisti. In questo modo si apportano continui miglioramenti alle procedure, per cui i giovani chirurghi invece di impiegare 5 anni, dopo 8-10 mesi hanno già una alta formazione, cosa impensabile con la chirurgia tradizionale. Per essere ancora più persuasivi verso i nostri giovani- conclude il Presidente Zappa - abbiamo deciso di ospitarne a Bari 160, completamente a carico nostro. In sede di Congresso metteremo a loro disposizione anche dei simulatori con i quali potranno iniziare ad esercitarsi prima di entrare in una vera sala operatoria”.


 

Commenti

I Correlati

Dalla robotica alle Linee Guida della SICOB e alle Reti assistenziali, fino ai Percorsi Diagnostici Terapeutici Assistenziali

"La situazione italiana rispecchia quello che accade nel mondo. Molti obesi patologici non sanno di essere affetti da una malattia"

Congresso di Napoli: Obesità, ernia e reflusso curabili in un unico intervento, un'evoluzione della "sleeve gastrectomy"

Studio condotto dall’Università dello Utah. I pazienti sottoposti all'intervento hanno un rischio inferiore del 25% di sviluppare il cancro

Ti potrebbero interessare

L'acqua del rubinetto è sicura, i parametri rispettati al 99%

Impatto positivo anche dal taglio dei consumi di carne rossa

Fondazione Aletheia, causa la contrazione annua del pil europeo del 3,3%

Nel corso dell’iniziativa si è posto l’accento sul ruolo della filiera agroalimentare, non solo per l’approvvigionamento di prodotti alimentari, ma soprattutto per promuovere il benessere e l’alimentazione in chiave sostenibile

Ultime News

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Università Trieste e Monzino studiano un nuovo farmaco con Rna

Lo rivela uno studio a lungo termine pubblicato nella rivista Bmj Public Health e condotto da Bruce Whyte, del Glasgow Centre for Population Health