Canali Minisiti ECM

Oms: Tra il 2030 e il 2050 previsti 250mila morti in più all’anno per le ricadute sulla salute del cambiamento climatico

Sanità pubblica Redazione DottNet | 25/05/2023 18:06

Ghebreyesus: "La crisi climatica è una crisi sanitaria, che alimenta le epidemie, contribuisce a tassi più elevati di malattie non trasmissibili e minaccia di sopraffare la nostra forza lavoro sanitaria e le infrastrutture sanitarie"

Il cambiamento climatico influisce sui determinanti sociali e ambientali della salute: aria pulita, acqua potabile sicura, cibo sufficiente e alloggi sicuri.
Tra il 2030 e il 2050, si prevede che i cambiamenti climatici causeranno circa 250.000 morti in più all'anno, a causa di malnutrizione, malaria, diarrea e stress da caldo. Si stima che entro il 2030 i costi dei danni diretti alla salute (esclusi i costi in settori determinanti per la salute come l'agricoltura, l'acqua e i servizi igienico-sanitari) saranno compresi tra 2 e 4 miliardi di dollari all'anno.

Le aree con infrastrutture sanitarie deboli, soprattutto nei paesi in via di sviluppo, saranno le meno in grado di far fronte senza assistenza per prepararsi e rispondere. La riduzione delle emissioni di gas a effetto serra attraverso scelte migliori in materia di trasporti, cibo ed energia può portare a un miglioramento della salute, in particolare attraverso una riduzione dell'inquinamento atmosferico.

Questo il quadro, queste le sfide al centro di una tavola rotonda svoltasi ieri nell’ambito dell’Assemblea mondiale dell’Oms sul ruolo delle comunità sanitarie nell'azione per il clima. "Le ragioni più urgenti per un'azione urgente per il clima sono gli impatti non in futuro, ma in questo momento, sulla salute", ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS, aprendo la tavola rotonda. "La crisi climatica – ha aggiunto - è una crisi sanitaria, che alimenta le epidemie, contribuisce a tassi più elevati di malattie non trasmissibili e minaccia di sopraffare la nostra forza lavoro sanitaria e le infrastrutture sanitarie".

Il cambiamento climatico sta emergendo come una delle più grandi sfide per la salute del 21° secolo. Sta portando eventi meteorologici estremi più mortali, aumentando le malattie non trasmissibili e sta facilitando l'emergere e la diffusione di malattie infettive. Inoltre, sta influenzando la nostra forza lavoro e le nostre infrastrutture sanitarie, riducendo contemporaneamente la capacità di raggiungere la copertura sanitaria universale, un obiettivo fondamentale per il mandato dell'OMS.

Ulteriori ritardi nell'azione aumenteranno in modo significativo i rischi per la nostra salute, mineranno decenni di miglioramenti nella salute globale e contravverranno ai nostri impegni collettivi per garantire il diritto umano alla salute per tutti. La Direttrice, Ambiente, cambiamenti climatici e salute, OMS Maria Neira ha indicato tre sfide che la comunità sanitaria si trova davanti. La sfida iniziale e principale consiste nell'affrontare la vasta gamma di ripercussioni sulla salute derivanti dalla crisi del cambiamento climatico, sottolineando la necessità di salvaguardare il benessere umano. La seconda sfida riguarda la costruzione di sistemi sanitari resilienti in grado di affrontare efficacemente le complessità del 21° secolo, garantendo un'assistenza sanitaria ottimale in un panorama in continua evoluzione. Infine, Neira ha evidenziato i vantaggi per la salute derivanti dalla transizione verso una società a basse emissioni di carbonio, illustrando l'interazione fondamentale tra sostenibilità ambientale e benessere umano.

La dott.

pubblicità

ssa Vanessa Kerry, amministratore delegato di Seed Global Health, ha sottolineato che invece di concentrarsi su una prospettiva più terribile, potremmo assumere un tono più ottimista. "Davanti a noi – ha detto - c'è una scelta, un percorso per creare una cascata di benefici per proteggere il nostro pianeta, i nostri mezzi di sussistenza, la nostra salute, ricchezza e benessere". "Se adottiamo una risposta al cambiamento climatico incentrata sulla salute – ha aggiunto - con investimenti più intelligenti, possiamo avere un impatto catalitico su più settori".

John Kerry, inviato presidenziale speciale degli Stati Uniti per il cambiamento climatico, ha ringraziato l'OMS per aver lanciato l'allarme sulla crisi climatica e ha dichiarato: "Non esiste un modo educato per dirlo, la crisi climatica sta uccidendo le persone". Ha sottolineato che sia per il presidente Biden che per lui stesso, questo decennio è un decennio per intraprendere un'azione decisiva. Con una mossa rivoluzionaria, Adnan Z. Amin, Ceo di COP28, la Conferenza delle Nazioni Unite sul clima, ha annunciato l'inclusione di una "Giornata della salute" come parte integrante dell'agenda della conferenza di quest'anno.

Questa "Giornata della salute" dedicata, che comprende una riunione dei ministri della Salute e del clima, fungerà da piattaforma per deliberare sull'intricata relazione tra cambiamento climatico e salute pubblica. Si tratta di un significativo spostamento dell'attenzione, che evidenzia il riconoscimento della salute come pilastro centrale nella discussione sul clima al più alto livello alla prossima Conferenza, l'evento annuale che riunisce i governi mondiali sotto gli auspici della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). Il direttore generale dell'OMS ha ulteriormente delineato “le azioni chiave dell'OMS per mitigare e costruire la resilienza alla crisi climatica in primo luogo, per promuovere azioni che riducano le emissioni di carbonio e migliorino la salute; in secondo luogo, costruire sistemi sanitari migliori, più resilienti ai cambiamenti climatici e sostenibili dal punto di vista ambientale; e terzo, proteggere la salute dall'ampia gamma di impatti del cambiamento climatico. “Abbiamo bisogno di energia rinnovabile nelle strutture sanitarie; finanziamenti dedicati al settore sanitario per la resilienza climatica; e un maggiore utilizzo di elettricità affidabile, economica e verde”, ha detto Tedros.

Tra i relatori c'erano anche il dottor Hussain Al Rand, sottosegretario aggiunto per il settore della sanità pubblica, ministero della salute e della prevenzione degli Emirati Arabi Uniti; Sig. Ahmed Naseem, Ministro della Sanità della Repubblica delle Maldive; Ambasciatrice Katharina Stasch Rappresentante Permanente, Missione Permanente della Repubblica Federale Tedesca presso le Nazioni Unite; Dott. Omnia El Omrani, inviato per i giovani per il presidente della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici COP27; Michel Demaré, Presidente, Astrazeneca / membro fondatore della Sustainable Markets Initiative.

Commenti

I Correlati

Quasi tutti ne hanno sentito parlare (95%), la metà (50%) ha avuto esperienza diretta o indiretta, ma solo il 64% degli italiani intervistati dice di essere ben informato sulla radioterapia

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Ti potrebbero interessare

Quasi tutti ne hanno sentito parlare (95%), la metà (50%) ha avuto esperienza diretta o indiretta, ma solo il 64% degli italiani intervistati dice di essere ben informato sulla radioterapia

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Coro unanime dai sindacati: Di Silverio (Anaao): "è la fine dell'indivisibilità dei diritti civili e sociali". Onotri (Smi): "la sanità dipenderà dalla capacità fiscale delle Regioni". Cartabellotta (Gimbe): "Frattura Nord-Sud"

Il Rapporto State of Global Air, pubblicato da Health Effects Institute e realizzato con Unicef. Bambini al di sotto dei 5 anni sono particolarmente vulnerabili

Ultime News

Quasi tutti ne hanno sentito parlare (95%), la metà (50%) ha avuto esperienza diretta o indiretta, ma solo il 64% degli italiani intervistati dice di essere ben informato sulla radioterapia

La Profilassi Pre-Esposizione (PrEP) permette di evitare l’infezione, ma la forma orale attualmente disponibile presenta criticità diverse: i pochi centri di riferimento, la limitata erogazione sul territorio, i rischi legati all’aderenza e allo stig

Protagonista senza precedenti il trattamento con radioterapia concomitante, cioè integrata da subito con la chemioterapia e seguita da immunoterapia o terapia target

Patologie valvolari sempre più diffuse e sottostimate negli over 65. L’aspettativa di vita aumenta e la necessità di re-interventi è sempre più concreta