Canali Minisiti ECM

L'allarme dell'Oms: il 57% degli adolescenti ha consumato alcol e cresce l'abuso

Pediatria Redazione DottNet | 26/04/2024 15:36

Uso di e-cig per uno su cinque, leggero calo per la cannabis

Oltre la metà dei quindicenni in Europa (57%) ha sperimentato l'alcol e 1 su 5 ha recentemente utilizzato le e-cig. Preoccupa anche l'utilizzo di cannabis da parte del 12% dei giovani, in leggero calo rispetto al 14% del 2018. Emerge da un ultimo rapporto dell'Oms/Europa su un campione di 280mila adolescenti intervistati. Quello che si delinea, avverte l'Oms, e "un quadro preoccupante del consumo di sostanze da parte degli adolescenti", con una "riduzione del divario di genere nell'uso di sostanze". Le conseguenze a lungo termine di queste tendenze, afferma l'Organizzazione mondiale della sanità, "sono significative e i politici non possono permettersi di ignorare tali risultati allarmanti".

    L'alcol è la sostanza consumata più frequentemente, con il 57% dei quindicenni intervistati che l'ha provata almeno una volta e quasi 4 su 10 (37%) indicano di aver consumato alcol negli ultimi 30 giorni. Circa 1 adolescente su 10 (9%) di tutte le fasce d'età ha sperimentato un significativo stato di ubriachezza - essendo stato ubriaco almeno due volte - nel corso della sua vita, un tasso che sale in modo allarmante dal 5% all'età di 13 anni al 20% all'età di 15 anni, "dimostrando una tendenza in aumento nell'abuso di alcol tra i giovani".

pubblicità

"L’uso diffuso di sostanze nocive tra i bambini in molti paesi della regione europea e oltre rappresenta una grave minaccia per la salute pubblica - afferma Hans Henri P. Kluge, direttore regionale dell’Oms per l’Europa -. Considerando che il cervello continua a svilupparsi anche dopo i 25 anni, gli adolescenti devono essere protetti dagli effetti di prodotti tossici e pericolosi. Sfortunatamente, i bambini oggi sono costantemente esposti al marketing online mirato di prodotti dannosi, mentre la cultura popolare, come i videogiochi, li normalizza". L’oms/Europa, conclude, "sta lavorando con i paesi per garantire a tutti i giovani il miglior inizio possibile nella vita. Ciò significa proteggerli da prodotti tossici e che creano dipendenza, che potrebbero compromettere la loro qualità di vita negli anni a venire".
  

Commenti

I Correlati

Il taglio si farà sentire per chi lascerà il lavoro dal gennaio 2025 grazie al meccanismo che adegua i criteri di calcolo dell’assegno ogni biennio sulla base delle aspettative di vita

L'Italia ha mostrato un trend favorevole più pronunciato nelle fasce 0-20 anni, con una diminuzione di oltre il 5%, rappresentando il più rapido calo dei tassi di incidenza a livello globale

"Troppi cittadini devono muoversi per avere le migliori cure e affrontare costi notevoli"

"In merito alle dichiarazioni del sig. Butti, ci preme sottolineare che non ci risultano interlocuzioni avviate con noi e non siamo convinti che il Fascicolo Sanitario Elettronico e l'intelligenza artificiale rappresentino la soluzione"

Ti potrebbero interessare

Due su tre in Lombardia, Veneto e Piemonte

"Da algoritmi di Facebook e Instagram rischi per la salute mentale"

Kangaroo care, riduce mortalità e infezioni

Pediatria | Redazione DottNet | 14/05/2024 15:20

L’impegno della Società Italiana di Neonatologia per la più ampia diffusione in tutti i punti nascita italiani di questa cura essenziale in particolare per i neonati prematuri

Il primo appuntamento partenopeo si inserisce nella fase pilota del Progetto per un programma di screening nazionale nella popolazione pediatrica delle due patologie, promosso dall'Istituto Superiore di Sanità su incarico del Ministero della Salute

Ultime News

Aggiornato il simulatore, per la vecchiaia 67 anni fino al 2028

Il taglio si farà sentire per chi lascerà il lavoro dal gennaio 2025 grazie al meccanismo che adegua i criteri di calcolo dell’assegno ogni biennio sulla base delle aspettative di vita

L'équipe guidata da Antonio Bozzani, direttore della Chirurgia Vascolare del San Matteo, è la prima ad aver contribuito con l'arruolamento di due pazienti, entrambi pavesi di 72 e 85 anni

"Alcune norme rispondono parzialmente alle nostre richieste, altre sono da emendare"