Canali Minisiti ECM

Dengue: 197 casi in Italia, sei volte in più rispetto al 2023

Infettivologia Redazione DottNet | 16/05/2024 15:33

L'Organizzazione mondiale della sanità annuncia che un nuovo vaccino - chiamato Tak-003 - contro la dengue è in fase di prequalificazione

In aumento in Italia i casi di infezione da virus dengue che, secondo l'Istituto Superiore di Sanità, salgono a 197 nel primo trimestre dell'anno, ovvero 6 volte in più rispetto allo stesso periodo del 2023. La maggior parte delle infezioni, trasmesse dalle punture di zanzare, risultano contratte durante i viaggi all'estero, in particolare in Brasile e alle Maldive, e possono essere asintomatiche in più del 50% dei casi o caratterizzate da una malattia febbrile moderata, la febbre da dengue (DF), fino ad arrivare, in circa il 5% dei casi sintomatici, alle forme più gravi.

 "La trasmissione locale della Dengue in Italia, così come in altri Paesi europei, è un evento raro. La maggioranza dei casi è contratta all'estero. - sottolinea Anna Teresa Palamara, che dirige il dipartimento di Malattie Infettive dell'Iss - Tuttavia, le condizioni climatiche e la presenza di una zanzara in grado di trasmettere il virus rendono possibile la trasmissione in alcuni mesi dell'anno, nel contesto di una elevata circolazione in molti Paesi del mondo. L'attenzione nei confronti di questa infezione è alta nel nostro Paese - continua- con un monitoraggio attento dei casi diagnosticati in Italia da parte delle Regioni/PA, del ministero della Salute e dell'Istituto Superiore di Sanità. Consigliamo a chi intraprende viaggi internazionali, di verificare se è nota la trasmissione di questo virus nelle aree visitate e di adottare tutte le misure di prevenzione raccomandate". 

pubblicità

Tra le misure consigliate: proteggersi dalle punture di zanzara con repellenti e indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe, quando si è all'aperto, soprattutto all'alba e al tramonto, usare zanzariere alle finestre, svuotare di frequente i contenitori con acqua stagnante. Al rientro in Italia, in caso si manifestino sintomi, "consigliamo di rivolgersi rapidamente al proprio medico di riferimento", conclude Palamara.

 L'Oms valuta un nuovo vaccino contro la dengue

L'Organizzazione mondiale della sanità annuncia che un nuovo vaccino - chiamato  Tak-003  - contro la dengue è in fase di prequalificazione, ossia di valutazione dei requisiti relativi a qualità, sicurezza ed efficacia. Lo rende noto la stessa Oms, precisando che si tratta di un vaccino  basato sul virus vivo attenuato e relativo ai quattro sierotipi del virus che causano la malattia, trasmessa dalla puntura di una zanzara infetta. Il nuovo vaccino prevede la somministrazione in due dosi con un intervallo di tre mesi ed è destinato ai bambini di età compresa tra 6 e 16 anni che vivono in zone in cui la dengue è molto diffusa. Tak-003 è già approvato in Italia e anche in altri paesi. Si tratta del secondo vaccino contro la dengue ad essere prequalificato dall’Oms, dopo il vaccino CYD-TDV.

"La prequalificazione è un passo importante nell'espansione dell'accesso globale ai vaccini contro la dengue, poiché ora può essere acquistato dalle agenzie delle Nazioni Unite,", ha affermato il direttore della regolamentazione dell'Omse Prequalificazione, Rogerio Gaspar . Si ritiene infatti che i casi di dengue siano destinati a espandersi geograficamente a causa del cambiamento climatico e dell'urbanizzazione. Secondo l'Oms è importante dunque che altri sviluppatori di vaccini si facciano avanti per la valutazione, "in modo da poter garantire che i vaccini raggiungano tutte le comunità bisognose", ha aggiunto Gaspar. Il numero più alto di casi di dengue, i cui sintomi più comuni sono febbre e dolori articolari, sono stati segnalati nel 2023 nelle Americhe, con 4,5 milioni di casi inclusi 2.300 decessi. L'Oms stima che ogni anno nel mondo si contano tra i 100 e i 400 milioni di casi di dengue. Circa 3,8 miliardi di persone vivono in paesi in cui la dengue è endemica, la maggior parte in Asia, Africa e nelle Americhe.

Commenti

Rispondi

I Correlati

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Ti potrebbero interessare

Il rischio di trasmissione del virus ormai è prossimo allo zero

La disponibilità della PREP, il trattamento antiretrovirale per tutte le persone con HIV sono già una realtà consolidata nella Capitale; l’ulteriore espansione di esperienze community based potrebbe diffondere il test precoce

Il 30 giugno cesserà l'obbligo di indossare la mascherina per i lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie all'interno dei reparti che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi

Ciccozzi: "Con la sua capacità di causare focolai significativi tra gli uccelli e il potenziale di trasmissione agli esseri umani, richiede una vigilanza costante e un'efficace risposta coordinata"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie