Canali Minisiti ECM

Demenza, nuovo metodo la individua nove anni prima con la risonanza

Neurologia Redazione DottNet | 06/06/2024 12:28

È il risultato di un team della Queen Mary University of London reso noto su Nature Mental Health

Sviluppato un nuovo metodo basato sulle immagini di risonanza per prevedere la demenza con oltre l'80% di precisione fino a nove anni prima della diagnosi. È il risultato di un team della Queen Mary University of London reso noto su Nature Mental Health. Questo nuovo metodo fornisce un modo più accurato per prevedere la demenza rispetto ai test della memoria o alle misurazioni del deterioramento del volume del cervello, comunemente usati per diagnosticare la malattia.    Il test predittivo si basa sulle scansioni di risonanza magnetica funzionale (fMri) per rilevare i cambiamenti nella "rete di default" (Dmn) del cervello, un circuito neurale che collega le varie aree per svolgere specifiche funzioni cognitive ed è la prima rete neurale a essere influenzata dalla malattia di Alzheimer.   I ricercatori hanno utilizzato le immagini di risonanza di oltre 1.

pubblicità

100 volontari nella Biobanca britannica, per stimare la connettività effettiva tra dieci regioni del cervello che costituiscono la rete neurale in modalità default. Hanno assegnato a ciascun paziente un valore di probabilità di demenza basato sul livello di connettività riscontrato. Infine hanno confrontato queste previsioni con i dati medici di ciascun paziente. È emerso che il modello aveva previsto accuratamente l'insorgenza della demenza fino a nove anni prima di una diagnosi ufficiale e con una precisione superiore all'80%. Nei casi in cui i volontari avevano sviluppato la demenza, è stato anche riscontrato che il modello poteva prevedere con un margine di errore di due anni quanto tempo sarebbe trascorso prima della diagnosi.
   

Commenti

I Correlati

La ricerca italiana pubblicata sulla rivista scientifica 'Pnas'

La guida degli esperti sulla connessione tra salute orale e salute neurologica: ecco perché lavarsi i denti è un’abitudine essenziale

Risultati incoraggianti per le cure arrivano dallo studio internazionale coordinato da Arianna di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice all'Ucl Queen Square Neurology di Londra

Studio guidato dagli Usa con il contributo di Irccs Auxologico e università Statale di Milano

Ti potrebbero interessare

La ricerca italiana pubblicata sulla rivista scientifica 'Pnas'

Risultati incoraggianti per le cure arrivano dallo studio internazionale coordinato da Arianna di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice all'Ucl Queen Square Neurology di Londra

Studio guidato dagli Usa con il contributo di Irccs Auxologico e università Statale di Milano

Si è chiuso a Pavia presso la Fondazione Mondino il Congresso Nazionale “CONTINUARE A CURARE: modelli di lavoro interdisciplinari per supportare il passaggio all’età adulta nelle patologie neurologiche e psichiatriche complesse”

Ultime News

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Università Trieste e Monzino studiano un nuovo farmaco con Rna

Lo rivela uno studio a lungo termine pubblicato nella rivista Bmj Public Health e condotto da Bruce Whyte, del Glasgow Centre for Population Health