Canali Minisiti ECM

Dall'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano i più prestigiosi progetti europei sulla ricerca oncologica

Oncologia Redazione DottNet | 20/06/2024 16:48

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

La ricerca non si ferma ma va oltre confine. È questo il motto che sintetizza i contenuti dell’edizione 2024 della Giornata della Ricerca dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, l’atteso appuntamento che ogni anno fotografa lo stato dell’arte delle attività di punta in cui è impegnato l’Istituto.

"La ricerca è da sempre la nostra mission e lo dimostra anche lo Statuto della nostra Fondazione: l’articolo 12 infatti sottolinea la supervisione da parte del Consiglio di Amministrazione di donazioni, finanziamenti e in generale dei flussi economici rivolti alla ricerca, al fine di migliorare la qualità di ogni tipo di ricerca svolta e della cura prestata nel nostro Istituto, mantenendone alti standard di qualità e di sicurezza" - dichiara Gustavo Galmozzi, Presidente dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano - "È anche nel nostro Statuto l’indicazione a facilitare la collaborazione con altre Istituzioni nazionali e internazionali e favorire l’avvio di studi globali con la comunità scientifica internazionale, affinché queste partnerhip siano essenziali al futuro dell’Istituto, per far avanzare la ricerca oncologica e migliorare le opzioni di trattamento disponibili."

pubblicità

"L'ambiente della ricerca clinica sta diventando sempre più complesso e competitivo. Il livello di attrattività dipende dall'adesione alle tempistiche previste, dalla qualità delle prestazioni nello studio, dal rispetto degli obiettivi di reclutamento, fattori su cui siamo chiamati a confrontarci a livello globale" - spiega Carlo Nicora, Direttore Generale dell’Istituto Nazionale dei Tumori - "Teniamo presente che l’Italia investe percentuali di PIL significativamente inferiori rispetto al resto dei Paesi economicamente sviluppati (circa il 2% sul PIL) eppure i ricercatori italiani appaiono produttivi e in grado di competere con comunità che hanno accesso a più fondi, pubblicando regolarmente sulle pagine delle più prestigiose riviste i risultati di studi clinici e traslazionali.

LE SFIDE DELLA RICERCA ONCOLOGICA E LE DIRETTIVE EUROPEe

Al centro dell’attenzione della Giornata della Ricerca 2024 ci sono i progetti avviati nel contesto europeo che vedono la partecipazione dell’INT come partner o come capofila, come lo Europe’s Beating Cancer Plan, finanziato dalla Commissione Europea con quattro miliardi di euro e l’UE Mission: Cancer, nell’ambito di Horizon Europe (il programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione per il periodo 2021-2027).

"Data la scarsità di fondi nazionali, la strategia attuale è quella di rivolgersi ai progetti di più ampio respiro nel contesto europeo, come lo Europe’s Beating Cancer Plan e l’UE Cancer Mission, che hanno l'obiettivo comune di migliorare la qualità nelle cure oncologiche dell’Unione, riducendo le disuguaglianze tra i diversi Paesi membri" - spiega Giovanni Apolone, Direttore Scientifico dell’Istituto Nazionale dei Tumori - "Diminuire la mortalità, aumentare la sopravvivenza e migliorare la qualità della vita dei soggetti colpiti da neoplasie: questi obiettivi possono essere raggiunti solo sostenendo le attività di ricerca e di assistenza sanitaria, promuovendo una più ampia partecipazione di tutti gli Stati membri e dei Paesi affiliati e coinvolgendo direttamente tutti gli stakeholder rilevanti nella co-progettazione e nell'implementazione del progetto, compresi i cittadini e i pazienti."

"L'Unione Europea sta riorganizzando tutti i settori dell'oncologia attraverso la Mission on Cancer e lo European Beating Cancer Plan. I Comprehensive Cancer Centers, rappresentati in Italia dagli IRCCS oncologici, sono al centro di questo nuovo modello organizzativo che mira a migliorare la prevenzione, la cura e la qualità della vita dei pazienti attraverso la ricerca e l'innovazione - commenta Ruggero De Maria, Presidente di Alleanza contro il cancro - Con Alleanza contro il cancro, l'Italia vanta una delle reti europee più competitive, incaricata di coordinare la costituzione della rete europea dei Comprehensive Cancer Centers. Grazie alla presenza di istituzioni storiche e prestigiose, come l'Istituto Nazionale Tumori, i ricercatori di Alleanza contro il cancro godono di una forte leadership a livello internazionale, come dimostrato dalla presidenza dell'OECI e di Digicore e dal coordinamento degli European Reference Network. Questa leadership consente loro di interagire autorevolmente con i colleghi degli altri Stati Membri nella creazione di nuovi network europei e nella capacità di influenzare le politiche sanitarie e di ricerca comunitarie." 

LA RICERCA INT IN SINTESI 

L’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano ha avuto un ruolo essenziale nella storia della ricerca oncologica e attualmente, a livello europeo, è tra i pochi comprehensive cancer center esistenti, ossia strutture interamente dedicate alla cura e ricerca sul cancro.

INT è affiliato a oltre una decina di organizzazioni internazionali per la ricerca e cura del cancro (OECI, UICC, EORTC) ed è membro nella rete Cancer Core Europe formata dai sette principali European Cancer Center e di OECI, un network che riunisce oltre cento Istituti oncologici europei.

Di seguito i dati 2023:

    • In INT sono stati attivati 141 progetti, di cui 31 europei (9 finanziati nel 2023) e 110 nazionali (24 finanziati nel 2023).
    • La produzione scientifica INT ha contato 835 pubblicazioni, di cui 333 (40%) con primo autore un ricercatore INT, e un impact factor complessivo di 7916,00. L’H-index istituzionale è stato di 368.
    • Al 31 dicembre 2023, gli studi clinici attivi sono stati 764, di cui 273 profit e 491 no profit. Suddivisi per disegno, si tratta di 446 studi sperimentali, 304 osservazionali e 14 registri. I pazienti coinvolti in studi clinici erano 516.623.
    • Gli studi clinici avviati nel 2023 sono stati 130, di cui 54 profit e 76 no profit, per complessivi 67.233 pazienti arruolati. Suddivisi per disegno, si tratta di 70 sperimentali (2979 pazienti) e 60 osservazionali (63.533 pazienti).
    • Il bilancio sezionale della ricerca INT nel 2023 ammonta a 57,3 milioni di euro. I finanziamenti ammontano complessivamente a 36,6 milioni, e sono così distribuiti: ricerca corrente 8,5 milioni di euro, piramide 7,7 milioni, progetti di ricerca 12 milioni, clinical trial 2,4 milioni, donazioni e liberalità 2,37 milioni, 5xMille 3,6 milioni.
    • Per quanto riguarda l’assistenza in INT, nel 2023 si contano 482 posti letto, 11.449 ricoveri ordinari, 5034 in day hospital e 1,2 milioni di prestazioni ambulatoriali del SSN. 

PREMIAZIONE BANDO GIOVANI RICERCATORI 2022 E 2023

La Giornata della Ricerca è infine anche l’occasione per testimoniare l’impegno di INT nel sostenere le nuove generazioni con un bando a loro dedicato. Verranno premiati per il 2022, Federico Nichetti (Area Ricerca Traslazionale), Alice Bernasconi (Area Ricerca epidemiologica), Alessandra Raimondi (Area Ricerca Clinica), Alessandro Cicchetti (Area Ricerca Clinica). Per il 2023 i premiati sono Deborah Lenoci (Area Ricerca Traslazionale), Federica Sabia (Area Ricerca epidemiologica) Morena Shkodra (Area Ricerca Clinica), Francesca Ligorio (Area Ricerca Clinica).

Commenti

I Correlati

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

I controlli sulle Asl restino alle Regioni ma che in caso di inadempienze si attivi il potere sostitutivo dello Stato. Smi: superare il tetto di spesa sul personale medico

Ti potrebbero interessare

Secondo i dati de “I Numeri del Cancro di AIOM”, in Italia i pazienti che vivono dopo una diagnosi di tumore della prostata sono 564.000

Lo rivela un nuovo studio condotto da ricercatori dello Human Technopole, dell'Institute of Cancer Research di Londra e del Royal Marsden NHS Foundation Trust

Andrea Pensotti ripercorre in modo sistematico ottant’anni di esperimenti a riprova dell’interesse accademico mai sopito per questo filone

IRST IRCCS fa parte di un consorzio internazionale finanziato dall’iniziativa Pathfinder della Commissione Europea

Ultime News

Esperti, organizzazione e comunicazione per aumentare coperture

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Università Trieste e Monzino studiano un nuovo farmaco con Rna