Decreto semplificazione: stretta su Intramoenia. Novità per Mmg

Professione | Redazione DottNet | 04/12/2018 20:18

Il provvedimento che dovrà essere approvato dal Consiglio dei Ministri contiene nuove regole sulla formazione e sulla Medicina generale

E' pronto il nuovo Piano nazionale di governo delle liste d'attesa (Pngla) per gli anni 2018/2020 che comporterà anche una stretta sull'Intramoenia. Previste quattro classi di priorità per le prestazioni ambulatoriali (visite e analisi), con l'indicazione dei tempi massimi da rispettare, superati i quali la Asl dovra' intervenire con l'intramoenia che costera' ai cittadini solo il ticket. Le categorie sono: Urgente entro 72 ore; Breve entro 10 giorni; Differibile entro 30 giorni per le visite o 60 giorni per le analisi; Programmata entro 120 giorni. Quattro classi anche per i ricoveri: A (casi gravi) entro 30 giorni; B (casi clinici complessi) entro 60 giorni; C (casi meno complessi) entro 180 giorni; D (casi non gravi) entro 12 mesi. Il piano conferma la possibilità di ricorrere all'intramoneia "aziendale" a carico dell'azienda come strumento "eccezionale e temporaneo" per abbattere le liste d'attesa.

Il propone di condividere un percorso per il governo delle liste di attesa, finalizzato a garantire un "appropriato, equo e tempestivo accesso dei cittadini ai servizi sanitari che si realizza con l'applicazione di rigorosi criteri di appropriatezza, il rispetto delle Classi di priorità, la trasparenza e l'accesso diffuso alle informazioni da parte dei cittadini sui loro diritti e doveri". Per la sua piena attuazione verrà istituito, presso la Direzione Generale della Programmazione Sanitaria del Ministero della Salute, l'Osservatorio Nazionale sulle Liste di Attesa composto da rappresentanti del Ministero della Salute, dell'Agenas, delle Regioni, dell'Istituto Superiore di Sanità e dalle Organizzazioni civiche di tutela del diritto alla salute.

Le misure sono previste nello schema del Decreto "semplificazione e sostegno allo sviluppo", che dovra' passare l'esame del Consiglio dei Ministri. Si introduce una stretta sull'attività libero professionale: le Regioni, anche avvalendosi del supporto dell'Agenas, individuano per tutti gli operatori che operano nel Ssn uno o più referenti scelti tra i responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che curino il monitoraggio e il controllo dell'attività intramoenia di ogni singolo professionista.

Il referente verificherà l'applicazione del piano nazionale di governo delle liste di attesa. I dati del monitoraggio dovranno essere comunicate semestralmente dalle regioni e province autonome di Trento e di Bolzano al Ministero della salute per la verifica e il controllo, anche sulla scorta di eventuali segnalazioni da parte degli utenti del Servizio sanitario nazionale. In caso di disservizio, le Regioni dovranno presentare un piano, in caso contrario si potrà arrivare al blocco dell'attività intramoenia. Previste anche misure per favorire l'accesso dei giovani alla professione. Gli specializzandi all'ultimo anno potranno partecipare ai bandi della loro disciplina per l'accesso alla dirigenza medica. Le misure però riguardano anche la medicina generale.

Il decreto, infine, prevede anche misure per favorire l’accesso dei giovani alla professione. Gli specializzandi all’ultimo anno – compresa la medicina generale - potranno partecipare ai bandi della loro disciplina per l’accesso alla dirigenza medica. Anche i medici iscritti al corso di formazione in Mg potranno, fino al 31 dicembre 2021, partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali.

Vengono stralciate dalla Medicina generale, la Medicina penitenziaria (per cui dovrà essere previsto un corso ad hoc) e la Medicina di emergenza territoriale.

Infine chi non è in possesso di specializzazione ma ha maturato almeno 5 anni di servizio con contratti flessibili potrà partecipare entro il 31 dicembre 2019 ai concorsi per la Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza’ anche senza avere la specializzazione.

Vediamo il dettaglio delle novità annunciate

Comma 14-bis.  Impegna le Regioni ad assicurare che i Cup gestiscano le offerte di prestazioni di tutti gli erogatori che operano nel Ssn - compresi gli Irccs, le Aou e le strutture private accreditate - mediante l’implementazione e l’ammodernamento delle infrastrutture tecnologiche legate ai sistemi di prenotazione elettronica  per l’accesso alle strutture sanitarie.

Comma 14-ter.  Le Regioni, anche avvalendosi del supporto dell’Agenas, individuano per tutti gli operatori che operano nel Ssn uno o più referenti scelti tra i responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza, che curino il monitoraggio e il controllo dell’attività intramoenia di ogni singolo professionista.
 
Comma 14-quater.  Per il monitoraggio e l’attività di controllo di cui al comma 14-ter le Regioni potranno stipulare, nell’ambito delle disponibilità finanziarie vigenti,  protocolli d’intesa con il Comando dei Carabinieri per la tutela della salute e con la Guardia di finanza.
 
Comma 14-quinquies.  I dati di monitoraggio di cui al comma 14-ter, saranno comunicati semestralmente dalle Regioni al Ministero della Salute che espleterà attività di verifica e controllo degli stessi, anche sulla base di eventuali segnalazioni pervenute dagli utenti del Ssn, ai fini della garanzia dei Lea. Eventuali difformità rispetto a quanto previsto dal decreto semplificazioni e dal Piano nazionale liste d’attesa, saranno comunicate dal Ministero della Salute alla Regione interessata. Entro 60 giorni la Regione dovrà presentare un  piano finalizzato alla risoluzione del disservizio, che dovrà essere approvato dal Ministero entro 30 giorni dal ricevimento. La mancata presentazione o il diniego dell’approvazione del piano entro i termini previsti comporterà il  blocco dell’attività intramoenia relativa alla disciplina oggetto del disservizio nell’ambito della struttura sanitaria di riferimento fino all’approvazione del piano  e comunque non oltre il trentesimo giorno successivo alla sua presentazione, ad eccezione delle sole prestazioni già prenotate.
 
14-sexies.Con intesa Stato Regioni saranno definiti i termini e le modalità per includere il rispetto dei tempi di erogazione delle prestazioni sanitarie  nell’ambito degli elementi da valutare per l’accesso alla  ripartizione delle quote premiali del Fondo sanitario nazionale.

Articolo 10 (Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico)
Viene modificato il Dlgs 288/2003, e più in particolare l’articolo 13 sul  riconoscimento degli Irccs. Viene dunque specificato che l'istituzione di nuovi Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico dovrà essere coerente e compatibile, non solo con la programmazione sanitaria della Regione interessata, ma anche con ladisciplina comunitaria relativa agli organismi di ricerca. 
 
Articolo 11 (Disposizioni urgenti in materia di personale sanitario, di formazione specifica in medicina generale e di formazione specialistica)
 
Accesso a concorsi in Medicina d'Urgenza anche per chi non ha specializzazione
Il personale medico che alla data di entrata in vigore del decreto ha maturato almeno 5 anni di servizio, anche non continuativi, negli ultimi 10 anni con contratti a tempo determinato, co.co.co o altre forme di lavoro flessibile nonché con incarichi di natura convenzionale presso i servizi di emergenza-urgenza ospedalieri e territoriali del Ssn, accede alle procedure concorsuali indetta dal Ssn entro il 31 dicembre 2019, per la Medicina e chirurgia d’accettazione e d’urgenza’ anche senza avere la specializzazione.
 
Possibilità accesso a incarichi convenzionali a iscritti corso formazione in Medicina generale.
Fino al 31 dicembre 2021 i laureati in Medicina iscritti al corso di formazione possono partecipare all’assegnazione degli incarichi convenzionali. L’assegnazione è in ogni caso subordinata rispetto ai medici già in possesso del diploma e agli altri medici già aventi diritto all’iscrizione alla graduatoria regionale. Resta fermo che i medici devono essere in possesso dell’attestato d’idoneità all’esercizio dell’emergenza sanitaria territoriale. Se nel frattempo non si ottiene il diploma entro il termine previsto ci sarà la cancellazione dalla graduatoria e la decadenza dalla graduatoria.
 
Le Regioni in ogni caso possono prevedere limitazioni del massimale di assistiti in carico in modo da non pregiudicare la didattica.
 
Entro 60 giorni in sede di rinnovo dell’Acn sono individuati i criteri di priorità per l’inserimento nelle graduatorie regionali dei medici iscritti al corso di formazione per gli incarichi convenzionali nonché la remunerazione. Nelle more della definizione dei criteri si applicano quelli previsti dall’Acn vigente per sostituzioni e incarichi provvisori.
 
Equivalenza a titoli rilasciati da altri Stati membri per la medicina generale.
Viene poi modificato anche il Dlgs 368/99 e si prevede che il titolo in medicina generale potrà essere rilasciato a un medico che ha completato una formazione complementare rilasciato dalle autorità competenti di uno stato membro della Ue. Le modalità di valutazione della formazione complementare e dell’esperienza acquisita dal richiedente in sostituzione del diploma di formazione in medicina generale sarà un decreto del Ministro della Salute da emanarsi entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto legge.
 
Stop a limiti per la formazione in Medicina generale.
Vengono poi abrogate le parti del Dlgs 368/99 in cui si prevede che la formazione comporti un congruo numero di periodi di formazione a tempo pieno sia per la parte dispensata in un centro ospedaliero, che per la parte effettuata in un ambulatorio di medicina generale riconosciuto o in un centro riconosciuto nel quale i medici dispensano cure primarie. Abrogata anche la parte in cui si specifica che i periodi di formazione a tempo pieno, sopraindicati, siano di numero e durata tali da preparare in modo adeguato all'effettivo esercizio della medicina generale.
 
Stralcio da Medicina generale della Medicina penitenziaria e della Medicina d’emergenza territoriale.
Sono poi stralciate dalla medicina generale, la medicina penitenziaria e medicina di emergenza territoriale che entrano a far parte della medicina convenzionata con mmg, pediatri e specialisti ambulatoriali. In ogni caso con specificità nell’ambito dell’Acn della medicina generale dovrà essere disciplinato l’accesso alle funzioni di medico dell’emergenza sanitaria territoriale secondo graduatorie per titoli predisposte annualmente dalle Regioni.
 
Sulla medicina penitenziaria dovrà essere previsto un corso formativo ad hoc.
 
Per quanto riguarda le nuove aree (medicina penitenziaria ed emergenza territoriale) si dovrà prevedere all’interno dell’Acn della medicina generale la possibilità, per chi ha un’anzianità complessiva di almeno 5 anni la possibilità di accedere, mediante concorso per quote riservate, al corso di formazione in medicina generale.
 
Specializzandi all’ultimo anno possono accedere a concorsi per accesso a Dirigenza medica.
Previsto infine che i medici specializzandi all’ultimo anno possono essere ammessi ai concorsi per l’accesso alla dirigenza medica. L’eventuale assunzione è in ogni caso subordinata al conseguimento del titolo di specializzazione e all’esaurimento della graduatoria dei medici già specialisti alla data di scadenza del bando.

Ultime News