Allarmante aumento della resistenza ai farmaci anti-Hiv

Infettivologia | Redazione DottNet | 01/08/2019 11:04

Lo segnala un rapporto dell' Organizzazione mondiale della sanità (Oms), pubblicato sul sito di 'Nature'

Allarmante aumento della resistenza ai farmaci anti-Hiv. A segnalarlo è un rapporto dell' Organizzazione mondiale della sanità (Oms), pubblicato sul sito di 'Nature'. L' indagine rivela che, negli ultimi 4 anni, 12 Paesi tra Africa, Asia e America hanno superato i livelli considerati accettabili di resistenza a due farmaci che costituiscono la spina dorsale del trattamento per l' Hiv: efavirenz e nevirapina. L' Oms ha condotto verifiche dal 2014 al 2018 in alcuni centri selezionati a caso in 18 Paesi, esaminando i livelli di resistenza ai farmaci nelle persone che avevano iniziato il trattamento per l' Hiv in quel periodo. Oltre il 10% degli adulti esaminati ha sviluppato una resistenza a questi medicinali in 12 Paesi.

Al di sopra di questa soglia, non è considerato sicuro prescrivere gli stessi prodotti al resto della popolazione, perché la resistenza potrebbe aumentare. "Penso che abbiamo in qualche modo superato il limite", afferma Massimo Ghidinelli, specialista in malattie infettive presso la Pan American Health Organization di Washington DC. Complessivamente, il 12% delle donne intervistate presentava una forma di Hiv resistente ai farmaci, rispetto all' 8% degli uomini. Particolarmente preoccupante, si legge nel rapporto, è l' alto livello di resistenza nei neonati con Hiv nell' Africa sub-sahariana. Tra il 2012 e il 2018, circa la metà dei bebè in nove Paesi di quest' area presentava una forma di Hiv resistente a efavirenz, nevirapina o entrambi. Le cause della resistenza ai farmaci rimangono "inafferrabili", afferma Silvia Bertagnolio, specialista in malattie infettive presso l' Oms a Ginevra, coautrice del rapporto. L' esperta suggerisce però che la resistenza potrebbe svilupparsi quando le persone interrompono il trattamento. Ad esempio, molte donne sieropositive potrebbero aver assunto antiretrovirali durante la gravidanza per prevenire l' infezione dei loro bambini, ma essersi fermate dopo il parto.

L' Oms aveva raccomandato questa pratica fino al 2015, suggerendo in seguito alle donne in gravidanza e in allattamento di utilizzare i farmaci per tutta la vita. Ma c' è anche la questione dello stigma. "Ha un ruolo enorme", dice Bertagnolio: i pazienti potrebbero smettere per non essere visti prendere le loro medicine. Dal canto suo l' Oms ha raccomandato di utilizzare dolutegravir come farmaco per l' Hiv. La probabilità che il virus sviluppi mutazioni e, alla fine, una resistenza è più bassa con questo antiretrovirale, afferma Roger Paredes, dell' ospedale universitario tedesco Trias i Pujol di Barcellona, in Spagna. "Dobbiamo incoraggiare una transizione mondiale a dolutegravir", aggiunge.

 

fonte: nature

Ultime News