Cgil: urge la riforma dell'Enpam

Previdenza | Redazione DottNet | 20/01/2020 14:03

Filippi: le retribuzioni del presidente dell'Ente di previdenza sarebbero risultate molto più alte del previsto grazie al cumulo di più incarichi

 "Non è più rinviabile una riforma complessiva della gestione dell'Enpam cosi come quella degli Ordini professionali". Lo dice il segretario nazionale della Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn Andrea Filippi, in riferimento alle notizie sulle retribuzioni del presidente dell'Ente di previdenza ed assistenza dei medici e degli odontoiatri, che sarebbero risultate molto più alte del previsto grazie al cumulo di più incarichi. "Da anni - aggiunge - chiediamo una maggiore trasparenza nel governo di enti che devono esclusivamente tutelare gli interessi dei professionisti".  Secondo Filippi, "in un momento di grande sofferenza della categoria, colpita anch'essa dalla crisi di questi anni e costretta a fare i conti con questione salariale, cattiva occupazione e sacche di precariato sempre più ampie, è necessario avviare un percorso di revisione complessiva delle retribuzioni degli enti ma soprattutto della loro organizzazione generale." Tra i tanti, prosegue, "segnaliamo un problema di sovrapposizioni nella gestione di Ordini, Enti Previdenziali Professionali ed ambiti prettamente sindacali. È necessaria evidentemente una revisione dell'incompatibilità delle cariche". E conclude: "Proponiamo un tavolo di confronto presso il Ministero della Salute per fare luce sulle criticità che di fatto, minando i principi di neutralità, indeboliscono le prerogative sindacali e quindi le rappresentanze dei professionisti. Per tutelare l'etica e la deontologia professionale e per consolidare l'alleanza con la cittadinanza è necessario avviare un percorso aperto e partecipato sui ruoli e sui compiti istituzionali dei protagonisti della governance".

Ultime News