Canali Minisiti ECM

Aborto: le associazioni contro il Campus Bio-Medico, impone l'obiezione

Sanità pubblica Redazione DottNet | 31/01/2020 09:51

"Revocare l'accreditamento della Scuola di specializzazione in Ostetricia e Ginecologia del Campus Bio-Medico di Roma se non sarà assicurata agli specializzandi una formazione completa che comprenda l'interruzione volontaria della gravidanza e la con

"Revocare l'accreditamento della Scuola di specializzazione in Ostetricia e Ginecologia del Campus Bio-Medico di Roma se non sarà assicurata agli specializzandi una formazione completa che comprenda l'interruzione volontaria della gravidanza e la contraccezione"

Revocare l'accreditamento della Scuola di specializzazione in Ostetricia e Ginecologia del Campus Bio-Medico di Roma "se non sarà assicurata agli specializzandi una formazione completa che comprenda l'interruzione volontaria della gravidanza e la contraccezione".  È la richiesta di Amica (Associazione medici italiani contraccezione e aborto) a cui hanno aderito anche associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica e Uaar, unione degli atei, agnostici e razionalisti. "La preparazione fornita dalla Scuola del Campus è parziale e incompleta, oltre a non tener conto del principio di laicità", ha spiegato Anna Pompili, presidente dell'associazione Amica, in una conferenza stampa organizzata alla Camera. Le associazioni contestano la "Carta delle finalità" del Campus, che prevede un impegno per il personale, per gli studenti e per i frequentatori dell'Ateneo "a rispettare la vita dell'essere umano dal momento iniziale del concepimento fino alla morte naturale", considerando (si legge ancora nell'articolo 10) "l'aborto procurato e la cosiddetta eutanasia come crimini in base alla legge naturale".

pubblicità

Per Mirella Parachini, dell'associazione Luca Coscioni, "l'obiezione di coscienza non esonera il personale medico di intervenire qualora ci sia rischio per la vita della donna. È una questione di salute". Secondo Adele Orioli, responsabile iniziative legali dell'Uaar, "nessuno ce l'ha con il Campus Bio-Medico, ce l'abbiamo con le istituzioni. Da un Paese che si definisce democratico, civile e laico, pretendiamo che le istituzioni garantiscano equamente la libertà di scelta". Andrea Filippi, segretario di Cgil Medici, afferma che si tratta di una questione "di buonsenso e di rispetto della legge, con lo Stato che è garante della salute dei cittadini". La deputata del Pd Lia Quartapelle ha presentato a tal proposito un'interrogazione ai ministri della Salute e dell'Istruzione: "Bisogna evidenziare tutti i casi in cui la legge 194 non viene applicata pienamente - dice - ciò non vuol dire essere contro qualcuno o qualcosa, ma vuol dire essere a difesa di un diritto, della formazione completa e della salute delle donne".

Commenti

I Correlati

A base di 17-Ohpc, sono usati anche per prevenire l'aborto

L'obiettivo è aiutare le donne ad affrontare il momento delicato del post partum

Laiga: "Se si vuole dare un concreto aiuto alla maternità dopo la nascita, sarebbe più sensato investire tali soldi per rimediare ai gravi tagli al personale sanitario degli ultimi anni"

La stimolazione ovarica rappresenta il primo passo nei percorsi di procreazione assistita e un approccio personalizzato in questa fase può contribuire a fare la differenza per l’esito dei trattamenti

Ti potrebbero interessare

Eleonora Selvi, Presidente Fondazione Longevitas: Il 90 per cento degli adulti è a rischio di sviluppare il Fuoco di Sant’Antonio. La prevenzione vaccinale è investimento nel futuro sostenibile della nostra società sempre più longeva

I dati dicono che l’utenza prevalente della RSA è sempre più costituita da anziani over 85 non autosufficienti che necessitano di un’assistenza attenta al profilo clinico e psicologico, soprattutto in termini di contrasto alla solitudine

Saranno 29 i membri della Commissione che discuteranno sul trattamento, definito dal decreto Schillaci-Roccella,"troppo disomogeneo in Italia"

"Le 125 pagine del documento, che dovrebbe rappresentare la guida istituzionale di riferimento per la strategia di controllo dei tumori in Italia, sono totalmente disattese"

Ultime News

Eleonora Selvi, Presidente Fondazione Longevitas: Il 90 per cento degli adulti è a rischio di sviluppare il Fuoco di Sant’Antonio. La prevenzione vaccinale è investimento nel futuro sostenibile della nostra società sempre più longeva

Rimosse 5 combinazioni e aggiunte 4 nuove combinazioni di patogeni resistenti agli antibiotici

Giodice: “Quella che vivono quotidianamente le persone affette da Esofagite Eosinofila o altre patologie gastrointestinali eosinofile è una vera e propria odissea, alla ricerca di cure, ricerca e sostegno che faticano ad arrivare da parte delle Istit

A base di 17-Ohpc, sono usati anche per prevenire l'aborto