Covid-19: l'Africa è una bomba a orologeria

Infettivologia | Redazione DottNet | 10/04/2020 12:39

Oms, oltre 10mila casi e 500 morti. Ricciardi, 'è solo l'inizio'

 Una crescita "esponenziale" di contagi da Covid-19 nelle ultime settimane, con oltre 10mila casi ufficiali e 500 morti. L'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) lancia l'allarme per l'Africa, un continente dove il nuovo coronavirus sta già portando danni enormi a fronte di Paesi non preparati e non attrezzati contro una simile emergenza.  Se il virus "è stato lento nel raggiungere il continente rispetto ad altre parti del mondo - avverte l'Oms - l'infezione è cresciuta esponenzialmente nelle ultime settimane e continua a diffondersi".

Il SarsCov2 ha raggiunto il continente africano attraverso viaggiatori di ritorno provenienti da Asia, Europa e Stati Uniti. Il primo caso di Covid è stato registrato in Egitto il 14 febbraio. Da allora, un totale di 52 Paesi africani ha riportato casi. Ma se inizialmente i contagi erano circoscritti principalmente nelle capitali e grandi città, "un significativo numero di Paesi sta ora segnalando casi in molte province".  L'Oms esprime quindi "preoccupazione" per l'impatto della pandemia su Paesi con "sistemi sanitari fragili" e che vivono "emergenze complesse". Per questo, è il monito, "la comunità internazionale dovrebbe estendere a questi Paesi un supporto tecnico e finanziario, per migliorare le capacità di risposta e minimizzare la diffusione dell'epidemia". L'Oms ricorda quindi il proprio impegno in Africa per fornire dispositivi essenziali, addestrare gli operatori sanitari e predisporre piani di indirizzo rispetto alla "sfida" preoccupante dei contesti locali.  La situazione in Africa "è molto preoccupante - afferma all'ANSA Walter Ricciardi, consulente del ministro della Salute e rappresentante per l'Italia all'Oms - perchè la capacità di riposta di questi Paesi è molto ridotta. Purtroppo prevedo ci sarà una escalation massiccia dei casi, siamo solo al'inizio.  Potremo solo mitigare gli effetti e poi sperare in un'accelerazione per il vaccino, unica vera arma".

Inoltre, dal momento che "è impossibile azzerare i flussi migratori, sarà necessario, tanto più in questo contesto di pandemia, una politica di gestione degli arrivi coordinata a livello europeo".  Parla di "bomba ad orologeria" ed "enorme polveriera" il virologo dell'Università di Milano Fabrizio Pregliasco: "I numeri sono certamente sottostimati e l'Africa rappresenta un rischio anche per i 'casi di ritorno', che - avverte - potrebbero innescare nuovamente la catena del contagio nonostante le misure restrittive in atto nei Paesi europei".

Ultime News