Un farmaco infrange lo scudo di cellule del tumore al pancreas

Oncologia | Redazione DottNet | 14/10/2020 14:29

Il farmaco detto AMP945 attacca una proteina detta chinasi di adesione focale o focal adhesion kinase

Scienziati australiani hanno formulato un farmaco che promette una svolta nel trattamento del cancro del pancreas e agisce infrangendo uno 'scudo' fibroso attorno alle cellule cancerose, che le rende resistenti al trattamento. Il farmaco detto AMP945, formulato dal Cancer Therapeutics Cooperative Research Centre e da sottoporre fra breve a sperimentazioni umane, attacca una proteina detta chinasi di adesione focale o focal adhesion kinase (FAK). E ha dimostrato in sperimentazioni precliniche di agire sulla proteina stessa, permettendo potenzialmente sia di trattare sia di prevenire le malattie fibrotiche, oltre a rendere responsivi a farmaci tumori finora resistenti a trattamenti.  John Lambert, direttore esecutivo della compagnia di biotecnologia Amplia Therapeutics che commercializza lo AMP945, ha detto al quotidiano The Australian che i farmaci correntemente in uso per trattare il cancro pancreatico sono spesso inefficaci a causa dello scudo fibrotico. "Riteniamo che prendendo di mira il FAK sia possibile rimuovere quello scudo, permettendo ai farmaci anti-cancro di agire con efficacia". La sperimentazione umana di fase 1, in via di attuazione su 64 volontari in buona salute, sarà un test clinico randomizzato, controllato con placebo, per valutare la sicurezza, l'assorbimento e la tollerabilità del farmaco.

Ultime News