Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

Schizofrenia: richiesta l'autorizzazione per paliperidone palmitato a somministrazione semestrale

Farmaci | Redazione DottNet | 16/12/2020 14:10

Janssen ha chiesto all’Agenzia Europea per i Medicinali un’estensione all’autorizzazione all’immissione in commercio relativa all’approvazione di Paliperidone Palmitato a somministrazione semestrale (PP6M) per la schizofrenia nei pazienti adulti

Janssen, l’azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, ha richiesto all’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) un’estensione all’autorizzazione all’immissione in commercio per l’approvazione di paliperidone palmitato a somministrazione semestrale (PP6M), da utilizzarsi come terapia di mantenimento di pazienti schizofrenici clinicamente stabili che assumono già paliperidone palmitato sospensione iniettabile a somministrazione mensile (PP1M)1 o trimestrale (PP3M)2. Se approvato, questo farmaco iniettabile a rilascio prolungato offrirà a pazienti schizofrenici adulti un regime terapeutico somministrato solo due volte l’anno, ovvero il più lungo intervallo di dosaggio disponibile per un farmaco antipsicotico nell’Area Economica Europea.3  

“L’impegno di Janssen nelle neuroscienze ha avuto inizio con la ricerca e lo sviluppo di nuove opzioni terapeutiche per la schizofrenia; la richiesta di oggi si basa quindi su un impegno lungo ormai 60 anni”, ha affermato Bill Martin, Responsabile per l’Area Terapeutica Globale, Neuroscienze, Janssen Research & Development, LLC. Abbiamo creato un regime di dosaggio unico affinché i pazienti affetti da schizofrenia e i loro team terapeutici possano focalizzarsi meno sugli intervalli tra un dosaggio e l’altro e più su altri aspetti del piano terapeutico, quali gli interventi psicosociali. Speriamo di potere lavorare presto con l’Agenzia Europea per i Medicinali, per aggiungere la formulazione semestrale alla nostra famiglia di prodotti a base di paliperidone palmitato.”

La richiesta di estensione si basa sullo Studio Route 6, uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, non inferiore, di Fase 3 che ha reclutato 702 pazienti adulti affetti da schizofrenia in 20 paesi diversi, tra cui Bulgaria, Repubblica Ceca, Francia, Ungheria, Italia, Polonia e Spagna.4 Di questi pazienti, l’81,3% ha completato la fase in doppio cieco di 12 mesi senza ricadute.5 I dati mostrano un’efficacia non inferiore del PP6M rispetto al PP3M riguardo all’endpoint primario dei tempi di recidiva alla fine della fase in doppio cieco (della durata di 12 mesi), in entrambi gli studi di analisi intention-to-treat e per-protocol.5 Il profilo di sicurezza osservato per il PP6M era coerente con gli studi precedenti sul PP1M e PP3M, e non sono emersi nuovi segnali di sicurezza.5 Tra gli effetti indesiderati più comuni correlati al trattamento che sono stati osservati nel corso dello studio relativo al gruppo trattato con il PP6M vi sono stati aumento di peso (8,4 %), dolore nel sito di iniezione (7,7 %), cefalea (6,7 %) e infezioni alle vie respiratorie superiori (5,0 %).5 Non sono state riscontrate reazioni avverse gravi inattese.5

“I farmaci antipsicotici svolgono un ruolo importante nel controllo dei sintomi della schizofrenia; tuttavia, l’inosservanza della terapia prescritta è diventata un problema riconosciuto a livello mondiale”, ha affermato Mathai Mammen, Responsabile Globale del settore di Ricerca e Sviluppo di Janssen, Johnson & Johnson. “Il tentativo di dare soluzione a questo complesso aspetto del trattamento è stato un elemento catalizzatore per la nostra ricerca e per lo sviluppo di farmaci iniettabili a rilascio prolungato per i pazienti affetti da schizofrenia”. Il PP6M va utilizzato solo dopo che i pazienti sono stati stabilizzati con una formulazione di paliperidone palmitato ad azione più breve, quale PP1M1 o PP3M 2, al fine di ridurre il numero delle iniezioni.

Janssen, l’azienda farmaceutica del Gruppo Johnson & Johnson, ha richiesto all’Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) un’estensione all’autorizzazione all’immissione in commercio per l’approvazione di paliperidone palmitato a somministrazione semestrale (PP6M), da utilizzarsi come terapia di mantenimento di pazienti schizofrenici clinicamente stabili che assumono già paliperidone palmitato sospensione iniettabile a somministrazione mensile (PP1M)1 o trimestrale (PP3M)2. Se approvato, questo farmaco iniettabile a rilascio prolungato offrirà a pazienti schizofrenici adulti un regime terapeutico somministrato solo due volte l’anno, ovvero il più lungo intervallo di dosaggio disponibile per un farmaco antipsicotico nell’Area Economica Europea.3

“L’impegno di Janssen nelle neuroscienze ha avuto inizio con la ricerca e lo sviluppo di nuove opzioni terapeutiche per la schizofrenia; la richiesta di oggi si basa quindi su un impegno lungo ormai 60 anni”, ha affermato Bill Martin, Responsabile per l’Area Terapeutica Globale, Neuroscienze, Janssen Research & Development, LLC. “Abbiamo creato un regime di dosaggio unico affinché i pazienti affetti da schizofrenia e i loro team terapeutici possano focalizzarsi meno sugli intervalli tra un dosaggio e l’altro e più su altri aspetti del piano terapeutico, quali gli interventi psicosociali. Speriamo di potere lavorare presto con l’Agenzia Europea per i Medicinali, per aggiungere la formulazione semestrale alla nostra famiglia di prodotti a base di paliperidone palmitato.”

La richiesta di estensione si basa sullo Studio Route 6, uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, non inferiore, di Fase 3 che ha reclutato 702 pazienti adulti affetti da schizofrenia in 20 paesi diversi, tra cui Bulgaria, Repubblica Ceca, Francia, Ungheria, Italia, Polonia e Spagna.4 Di questi pazienti, l’81,3% ha completato la fase in doppio cieco di 12 mesi senza ricadute.5 I dati mostrano un’efficacia non inferiore del PP6M rispetto al PP3M riguardo all’endpoint primario dei tempi di recidiva alla fine della fase in doppio cieco (della durata di 12 mesi), in entrambi gli studi di analisi intention-to-treat e per-protocol.5 Il profilo di sicurezza osservato per il PP6M era coerente con gli studi precedenti sul PP1M e PP3M, e non sono emersi nuovi segnali di sicurezza.5 Tra gli effetti indesiderati più comuni correlati al trattamento che sono stati osservati nel corso dello studio relativo al gruppo trattato con il PP6M vi sono stati aumento di peso (8,4 %), dolore nel sito di iniezione (7,7 %), cefalea (6,7 %) e infezioni alle vie respiratorie superiori (5,0 %).5 Non sono state riscontrate reazioni avverse gravi inattese.5

“I farmaci antipsicotici svolgono un ruolo importante nel controllo dei sintomi della schizofrenia; tuttavia, l’inosservanza della terapia prescritta è diventata un problema riconosciuto a livello mondiale”, ha affermato Mathai Mammen, Responsabile Globale del settore di Ricerca e Sviluppo di Janssen, Johnson & Johnson. “Il tentativo di dare soluzione a questo complesso aspetto del trattamento è stato un elemento catalizzatore per la nostra ricerca e per lo sviluppo di farmaci iniettabili a rilascio prolungato per i pazienti affetti da schizofrenia”. Il PP6M va utilizzato solo dopo che i pazienti sono stati stabilizzati con una formulazione di paliperidone palmitato ad azione più breve, quale PP1M1 o PP3M 2, al fine di ridurre il numero delle iniezioni.

Riferimenti bibliografici

[1] https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/xeplion-epar-product-information_en.pdf (last accessed November 2020).

2 https://www.ema.europa.eu/en/documents/product-information/trevicta-epar-product-information_en.pdf (last accessed November 2020).

3 Berwaerts J et al. Efficacy and safety of the 3-month formulation of paliperidone palmitate vs placebo for relapse prevention of schizophrenia: a randomized clinical trial. JAMA Psych. 2015; 72(8):830–9.

4 European Clinical Trials Register. Available at: https://www.clinicaltrialsregister.eu/ctr-search/trial/2017-001941-28/ES (last accessed November 2020).

5 Data on file. RF-148071

6 National Alliance on Mental Illness. Long-Acting Injectables. Available at: https://www.nami.org/Learn-More/Treatment/Mental-Health-Medications/Long-Acting-Injectables (last accessed November 2020).

7 Brissos S, et al. The role of long-acting injectable antipsychotics in schizophrenia: a critical appraisal. Ther Adv Pyschopharmacol. 2014 Oct; 4(5):198–219.

8 World Health Organization. Schizophrenia. Available at: https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/schizophrenia (last accessed November 2020).

9 Athanasopoulou C, et al. An analysis of online health information on schizophrenia or related conditions: a cross-sectional survey. BMC Med Inform Decis Mak. 2013; 13:98.

10 Higashi K, et al. Medication adherence in schizophrenia: factors influencing adherence and consequences of nonadherence, a systemic literature review. Ther Adv Psychopharmacol. 2013 Aug; 3(4):200–18.

11 Weiden PJ, et al. Partial compliance and risk of rehospitalization among California Medicaid patients with schizophrenia. Psychiatr Serv. 2004 Aug; 55(8):886–91.

 

 

Ultime News