Canali Minisiti ECM

La coesina è una possibile nuova arma contro il tumore

Oncologia Redazione DottNet | 03/03/2021 13:28

Il composto attiva un meccanismo che riduce la crescita cellulare

 In alcune neoplasie si trovano mutazioni nei geni che codificano per il complesso proteico noto come coesina, su cui si è concentrata l'attenzione in un nuovo studio dell'Istituto di ricerca genetica e biomedica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Irgb), in collaborazione con l'Universita' di Otago e dell'University of Otago e l'Australian National University. "La coesina - evidenzia Antonio Musio, ricercatore Cnr-Irgb- contribuisce a una corretta divisione cellulare, all'organizzazione tridimensionale del nucleo e alla regolazione dell'espressione genica". Quando la coesina non funziona correttamente, la cellula si destabilizza, cresce in maniera incontrollata e si trasforma in tumorale. Tuttavia, i suoi molteplici ruoli offrono anche l'opportunità di inibire la crescita delle cellule tumorali interferendo con le vie biochimiche che dipendono dalla funzione della coesina stessa.Nella ricerca, i cui risultati sono stati pubblicati su eLife, Musio spiega che stata studiata "l'efficacia di 3.009 composti chimici, di cui 2.399 approvati dalla Fda, nell'inibire la crescita delle cellule tumorali con mutazioni a carico della coesina. Dallo screening ne sono stati selezionati 206 e particolarmente interessante si è rivelato il composto LY2090314. Inibendo il gene GSK3, tale composto attiva la via biochimica di Wnt, una famiglia di glicoproteine, determinando un'efficace riduzione della crescita cellulare". Il processo è stato dimostrato sia in cellule tumorali umane in coltura sia in un animale di laboratorio, lo zebrafish, Danio rerio. "Il fine di tali studi è aprire la strada allo sviluppo di terapie-conclude il ricercatore- in questo ambito la coesina potrebbe rappresentare un bersaglio molecolare per impedire il processo neoplastico".Il lavoro è stato sostenuto, per la parte italiana, da Fondazione Airc.

pubblicità

fonte:  eLife

Commenti

I Correlati

Sono state segnalate neoplasie secondarie maligne originate da cellule T, incluse neoplasie maligne positive al recettore dell’antigene chimerico (CAR)

Coghe: "Un progetto che nasce dall'idea del professor Gavino Faa, incaricato dall'Aou di Cagliari di occuparsi della stesura di un sistema di digital patology da sviluppare all'interno dell'azienda"

Quasi 2 anni in più liberi dalla progressione della malattia

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Ti potrebbero interessare

Secondo i dati de “I Numeri del Cancro di AIOM”, in Italia i pazienti che vivono dopo una diagnosi di tumore della prostata sono 564.000

Lo rivela un nuovo studio condotto da ricercatori dello Human Technopole, dell'Institute of Cancer Research di Londra e del Royal Marsden NHS Foundation Trust

Andrea Pensotti ripercorre in modo sistematico ottant’anni di esperimenti a riprova dell’interesse accademico mai sopito per questo filone

IRST IRCCS fa parte di un consorzio internazionale finanziato dall’iniziativa Pathfinder della Commissione Europea

Ultime News

Il voto, espresso tra il 12 e il 15 luglio, ha visto la partecipazione di un numero altissimo di medici e odontoiatri; un’affluenza importante nonostante il caldo da bollino rosso

Schillaci: "Questo governo, per la prima volta, interviene in modo concreto per rafforzare la capacità del servizio sanitario di erogare le cure nei tempi giusti, chiamando in causa tutti gli attori in campo"

Uno dei primi casi documentati al mondo di intervento all'aorta ascendente e alla valvola aortica senza 'aprire' chirurgicamente il torace del paziente

Chirurgia mini-invasiva e robotica le armi contro la stenosi del canale lombare