Buoni risultati contro le malattie gravi con anticorpi Covid

Farmaci | Redazione DottNet | 16/03/2021 17:17

Uno studio ha rilevato che un anticorpo contro il coronavirus sviluppato da Vir Biotechnology a San Francisco, in California, e GSK, con sede a Londra, ha ridotto le possibilità di ricovero o morte tra i partecipanti dell'85%

Due studi clinici suggeriscono che trattamenti anticorpali specifici possono prevenire decessi e ospedalizzazioni tra le persone con COVID-19 lieve o moderata, in particolare quelle ad alto rischio di sviluppare una malattia grave.

Uno studio ha rilevato che un anticorpo contro il coronavirus sviluppato da Vir Biotechnology a San Francisco, in California, e GSK, con sede a Londra, ha ridotto le possibilità di ricovero o morte tra i partecipanti dell'85%. In un altro studio, un cocktail di due anticorpi - bamlanivimab ed etesevimab, entrambi prodotti da Eli Lilly di Indianapolis, Indiana - ha ridotto il rischio di ospedalizzazione e morte dell'87%.

I risultati dello studio, entrambi annunciati il ​​10 marzo, provengono da studi clinici randomizzati, controllati con placebo, in doppio cieco, ma non sono ancora stati pubblicati. Si aggiungono a un numero crescente di prove che i trattamenti possono aiutare a respingere malattie gravi se somministrati precocemente, afferma Derek Angus, medico di terapia intensiva presso l'Università di Pittsburgh in Pennsylvania. Gli anticorpi "sembrano essere incredibilmente efficaci", dice. "Sono molto entusiasta dei risultati di queste prove."

La risposta naturale del corpo all'infezione virale è quella di generare una varietà di anticorpi, alcuni dei quali sono in grado di interferire direttamente con la capacità di replicazione del virus. Nei primi giorni della pandemia, i ricercatori si sono sforzati di identificare gli anticorpi più efficaci contro il coronavirus e di produrli alla rinfusa. Gli "anticorpi monoclonali" risultanti da allora sono stati testati in una varietà di contesti come trattamenti per COVID-19.

L'anticorpo di Vir e GSK, chiamato VIR-7831, è stato isolato per la prima volta nel 2003 da qualcuno che si stava riprendendo da una sindrome respiratoria acuta grave (SARS), causata da un coronavirus simile. Successivamente è stato scoperto che l'anticorpo si lega anche alla proteina "spike" di SARS-CoV-2.

Le aziende hanno anche annunciato che negli studi di laboratorio 1 , VIR-7831 era associato a varianti SARS-CoV-2, inclusa la variante 501Y.V2 a rapida diffusione (chiamata anche B.1.351) identificata per la prima volta in Sud Africa. Hanno attribuito la resilienza dell'anticorpo al suo bersaglio: una particolare regione della proteina spike che non tende ad accumulare mutazioni.

Basso assorbimento

VIR-7831 si aggiunge a un elenco di anticorpi monoclonali che sono stati testati contro COVID-19, alcuni dei quali, inclusa la combinazione di Lilly, sono già stati autorizzati per l'uso negli Stati Uniti e altrove. Ma c'è stato relativamente poco assorbimento da parte dei medici statunitensi e dei loro pazienti, afferma Angus.

Un problema, dice, è che sebbene i risultati siano stati comunicati alla stampa e presentati alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti, le aziende devono ancora pubblicare i dati degli studi clinici chiave su riviste sottoposte a revisione paritaria. I farmaci sono anche costosi e devono essere somministrati per infusione in una struttura specializzata, come un ospedale o un centro di cure ambulatoriali, un compito difficile quando le risorse mediche sono già state messe a dura prova da un'ondata di casi.

Un'altra sfida è stata la messaggistica mista. All'inizio della pandemia, alcuni studi clinici chiave che hanno coinvolto persone che erano state ricoverate in ospedale con COVID-19 non hanno riscontrato alcun beneficio dagli anticorpi monoclonali. Molti ricercatori avevano previsto quel risultato: si prevede che la terapia con anticorpi monoclonali funzioni meglio nelle prime fasi della malattia e i sintomi in fase avanzata del COVID-19 grave a volte sono guidati più dal sistema immunitario stesso che dal virus.

Anche così, quei fallimenti degli studi clinici hanno creato una narrativa che ha gareggiato con risultati positivi negli studi sulle infezioni più lievi, afferma Angus, alimentando lo scetticismo. "La gente diceva: 'Ma pensavo che non funzionasse'", dice. "È totalmente d'intralcio."

E sebbene gli studi sulle infezioni lievi abbiano mostrato risultati promettenti, sono troppo piccoli per consentire ai ricercatori di trarre conclusioni definitive, afferma Saye Khoo, farmacologo presso l'Università di Liverpool, nel Regno Unito, che guida la UK AGILE Coronavirus Drug Testing Initiative. Solo una piccola parte delle persone con COVID-19 lieve progredirà verso una malattia grave, il che significa che sebbene gli studi abbiano arruolato centinaia di partecipanti, il numero di coloro che sono stati ricoverati o deceduti è stato basso.

Ma ci vorrà una lunga attesa prima che tutti siano vaccinati e gli anticorpi monoclonali potrebbero fornire un ponte importante tra i vaccini e i trattamenti che sono stati trovati per le persone ricoverate, afferma Jens Lundgren, un medico di malattie infettive presso l'Università di Copenaghen e Rigshospitalet. "Non è un sostituto per i vaccini, ma è un piano B", dice, aggiungendo che i farmaci potrebbero essere particolarmente importanti per coloro che non possono montare una risposta immunitaria alla vaccinazione.

La velocità con cui sono stati sviluppati questi anticorpi monoclonali rappresenta una lezione per future pandemie, afferma Khoo. "Questi composti sono senza dubbio entusiasmanti", afferma. “Non dovremmo dimenticarlo, perché ci saranno altre pandemie in arrivo. Questa è stata una vera lezione su come essere preparati ".

 

fonte: Nature

Ultime News