Cresce la preoccupazione per gli effetti collaterali del vaccino AstraZeneca

Farmaci | Redazione DottNet | 01/04/2021 20:54

La combinazione estremamente insolita di sintomi - coaguli di sangue diffusi e una bassa conta piastrinica, a volte associata a sanguinamento - è stata finora segnalata da almeno sette paesi

È stato un passo avanti e due indietro per il vaccino COVID-19 di AstraZeneca. Anche se la scorsa settimana l'azienda ha confutato le critiche alle sue affermazioni sull'efficacia, un problema più grande si profilava per il vaccino e per i molti milioni che dipendevano da esso. Le prove continuano ad accumularsi che un insolito disturbo della coagulazione osservato in dozzine di riceventi europei è un effetto collaterale reale, anche se raro. Un preprint ha dettagliato un meccanismo proposto e diversi gruppi scientifici hanno affermato che la preoccupazione è legittima e deve essere seriamente soppesata rispetto alla protezione COVID-19 del vaccino.

Questa settimana, Canada e Germania si sono uniti a Islanda, Svezia, Finlandia e Francia nel raccomandare contro l'uso del vaccino nei giovani, che sembrano essere a maggior rischio per il problema della coagulazione e hanno meno probabilità di sviluppare COVID-19 grave. L'approccio ha senso dato che sono disponibili altri vaccini, afferma Sandra Ciesek, virologa della Goethe University di Francoforte. “Non abbiamo un solo vaccino. Ne abbiamo diversi. "

Il vaccino di AstraZeneca incorpora il gene spike da SARS-CoV-2 in un altro virus non patogeno. Il mese scorso, molti paesi ne hanno sospeso l'uso a seguito delle prime segnalazioni di problemi di coagulazione nei riceventi, che hanno portato ad almeno 15 decessi in Europa. Alcuni ricercatori hanno liquidato i casi come normali livelli di fondo di coaguli di sangue. E la maggior parte dei paesi ha ripreso le vaccinazioni dopo che l'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha affermato che i benefici del vaccino superano i rischi, anche se non poteva escludere che i sintomi della coagulazione fossero collegati al vaccino.

Parallelamente, il rapporto iniziale dell'azienda sui risultati di una sperimentazione chiave su un vaccino nelle Americhe ha suscitato critiche inaspettate. In un comunicato stampa, AstraZeneca ha affermato che lo studio aveva dimostrato che il vaccino aveva un'efficacia del 79% nella prevenzione della malattia sintomatica. Ma il consiglio di amministrazione indipendente che ha supervisionato il processo ha protestato dicendo che i dati forniti dalla società erano "obsoleti" e potenzialmente fuorvianti. Due giorni dopo, AstraZeneca ha rivisto l'efficacia al 76%, lasciando gli osservatori sconcertati dalla controversia, ma soprattutto rassicurati.

Il potenziale effetto collaterale, d'altra parte, non sembra svanire. Un gruppo di esperti dell'EMA ne ha discusso il 29 marzo, ma l'agenzia non ha rilasciato alcun aggiornamento pubblico immediato; Il comitato di valutazione del rischio dell'EMA valuterà la questione la prossima settimana.

La combinazione estremamente insolita di sintomi - coaguli di sangue diffusi e una bassa conta piastrinica, a volte associata a sanguinamento - è stata finora segnalata da almeno sette paesi. Le società mediche di tutto il mondo hanno avvertito i membri di prestare attenzione al disturbo della coagulazione nei soggetti vaccinati e di segnalarlo. Le stime di incidenza vanno da una persona su 25.000 a cui è stato somministrato il vaccino AstraZeneca in Norvegia ad almeno una su 87.000 in Germania. "Le persone stanno assolutamente lavorando come un matto dietro le quinte per fornire maggiore chiarezza", afferma Saskia Middeldorp, internista vascolare presso il Radboud University Medical Center nei Paesi Bassi.

Finora, la maggior parte dei casi di coagulazione è stata osservata in donne di età inferiore ai 65 anni. Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che molti paesi europei hanno utilizzato l'iniezione solo in popolazioni più giovani e prioritarie, come operatori sanitari e insegnanti, la maggioranza dei quali sono donne. Inizialmente esitavano a darlo a persone di età superiore ai 65 anni perché i dati dei primi studi clinici dell'azienda includevano pochi in quel gruppo.

Il Regno Unito resta un enigma. Nonostante abbia somministrato più di 11 milioni di dosi di AstraZeneca, finora ha segnalato solo una manciata di casi sospetti di coagulazione. Ma il Regno Unito non ha limitato il vaccino ai gruppi più giovani, quindi l'età media dei destinatari potrebbe essere più alta. AstraZeneca non aveva commentato i casi di coagulazione mentre Science andava in stampa, tranne per dire che la rara serie di sintomi non appariva nelle sperimentazioni sui vaccini dell'azienda.

I ricercatori in Germania hanno proposto che alcuni componenti del vaccino inneschino una rara reazione immunitaria come quella osservata occasionalmente con l'eparina anticoagulante, in cui gli anticorpi attivano le piastrine per formare pericolosi coaguli in tutto il corpo. Questa settimana il team ha pubblicato le descrizioni dei casi di ciò che chiamano trombocitopenia immune protrombotica indotta da vaccino (VIPIT) sul server di preprint Research Square. Il team, guidato da Andreas Greinacher dell'Università di Greifswald, raccomanda anche un modo per testare il disturbo e un trattamento, che secondo loro dovrebbe aiutare ad alleviare le preoccupazioni sul vaccino.

Anche se VIPIT non è l'intera storia, molti altri ricercatori hanno detto a Science che ora sono convinti che il vaccino in qualche modo causi la rara serie di sintomi. Se fosse vero, questo potrebbe essere un duro colpo per un vaccino che è centrale nella spinta dell'Organizzazione mondiale della sanità per immunizzare il mondo. AstraZeneca sta lavorando con partner in tutto il mondo per produrre e distribuire miliardi di dosi nei paesi a basso e medio reddito.

La discussione su questo possibile effetto collaterale rischia di alimentare l'esitazione a breve termine sui vaccini, afferma Michael Bang Petersen, politologo dell'Università di Aarhus in Danimarca. Sottolinea, tuttavia, che una comunicazione chiara e trasparente sui possibili rischi è fondamentale per mantenere la fiducia del pubblico in tutti i vaccini COVID-19. "È molto importante non perdere la guerra perché siamo troppo ansiosi di vincere la battaglia a breve termine", dice.

 

fonte: science

Ultime News