Gb, contro la variante indiana si accelera sulle seconde dosi di vaccino

Infettivologia | Redazione DottNet | 17/05/2021 21:09

Ma non c'è certezza sull'efficacia dei vaccini. Intanto i casi aumentano anche tra coloro che hanno avuto solo la prima dose. Le aperture in Italia

I casi della variante indiana in Inghilterra sono più che raddoppiati in una settimana passando da 520 a 1313, secondo i dati della Public Health England. I casi sono concentrati nel nord-ovest e a Londra, ma sono stati identificati in tutte le aree del paese.  I casi totali censiti finora nel Regno Unito salgono a 2.323. In particolare in alcune città dell'Inghilterra (Bolton, Blackburn, Bedford) a forte presenza asiatica dove questo ceppo - più trasmissibile - è ora diventato prevalente. L'ha detto ai Comuni il ministro Matt Hancock, precisando tuttavia che non si registrano al momento impennate nei ricoveri e che il fenomeno è concentrato su persone più giovani non ancora vaccinate. Per farvi fronte, confermato l'incremento di test localizzati di massa e dei vaccini nelle zone più colpite.

Le misure del governo prevedono di anticipare il richiamo per la seconda dose del vaccino da 12 a otto settimane dopo il parere del Comitato congiunto su vaccinazioni e vaccinazioni. A Bolton e Blackburn con Darwen, due aree che, come detto, hanno visto un forte aumento nei casi di B.1.617.2, c'è una spinta per aumentare l'assunzione del vaccino velocizzando la consegna dei vaccini, estendendo l'orario di apertura dei centri di vaccinazione, aprendo siti pop-up e coinvolgimento diretto con le comunità locali. Negli hotspot sono in corso anche ulteriori test con il supporto dell'esercito e un aumento del sequenziamento del genoma dei casi positivi.

Il segretario alla sanità e all'assistenza sociale inglese, Matt Hancock, ha dichiarato: "È fondamentale che facciamo tutto il possibile e utilizziamo tutte le risorse di cui disponiamo per assicurarci di continuare a mantenere la nazione al sicuro". Ha detto ad Andrew Marr della BBC che c'erano 18 persone in ospedale a Bolton con la variante, la maggior parte di loro non avevano avuto il vaccino, nonostante fossero ammissibili. Ha detto che cinque persone erano finite in ospedale dopo aver subito una prima dose e una aveva ricevuto entrambe le dosi ma erano "fragili".

A Bolton lunghe file di persone si sono presentate in un sito mobile di vaccinazione nel fine settimana dopo che il consigliere conservatore Andy Morgan ha twittato che erano disponibili 4000 vaccini Pfizer e che i volontari erano pronti per le somministrazioni. Ci sono state segnalazioni secondo cui ragazzi di appena 17 anni stavano ricevendo il vaccino. Il Bolton Clinical Commissioning Group ha affermato che l'attenzione si è concentrata sui gruppi scelti, ma ha esortato chiunque non fosse sicuro di essere negli elenchi a recarsi al sito di vaccinazione per controllare. A febbraio il JCVI ha annunciato che potevano essere presi in considerazione fattori diversi dalla salute e dall'età. L'etnia e la vita in una famiglia multigenerazionale potrebbero significare che i giovani sono idonei per il vaccino.

Le regole di blocco sono state allentate in Inghilterra il 17 maggio, con gruppi di sei persone o due famiglie autorizzate a incontrarsi all'interno di case, pub, caffè e ristoranti per la prima volta dallo scorso autunno. Secondo la tabella di marcia del governo, le restanti restrizioni dovrebbero essere revocate il 21 giugno, come in Italia.

Hancock ha affermato che i ministri potrebbero ricorrere nuovamente a blocchi locali per cercare di ridurre le infezioni negli hotspot. Ma David Greenhalgh, leader del Bolton Council, ha invitato il governo a non "chiuderci a chiave, non portarci fuori dalla road map". Ha aggiunto: “La maggior parte dei nostri casi sono di adolescenti, 20 e 30 anni. Occorrono più vaccini e non altre restrizioni "

Il gruppo consultivo scientifico del governo per le emergenze ha affermato che è "altamente probabile" che la variante B.1.617.2 sia più trasmissibile della variante B.1.1.7 ed "è una possibilità realistica che sia fino al 50% più trasmissibile". Nella sua ultima serie di documenti, SAGE ha avvertito che nelle aree in cui il numero di infezioni stava aumentando rapidamente, ci si poteva aspettare un aumento ancora più rapido se le misure fossero state allentate. Hanno affermato che se la variante avesse un vantaggio di trasmissione del 40% -50%, avanzare con il passaggio 3 della tabella di marcia, cioè nuove aperture, potrebbe portare a una "sostanziale ripresa dei ricoveri simili o superiori ai picchi precedenti". SAGE ha detto che non c'erano ancora prove chiare per dimostrare che questa variante avesse un effetto maggiore sulla gravità della malattia o evitasse il vaccino.

L'Independent Scientific Advisory Group for Emergencies ha anche avvertito: "Alla luce della nuova variante, riteniamo che qualsiasi aumento degli assembramenti negli spazi interni (sia domestici che commerciali) sia altamente sconsigliabile, in particolare nelle aree con già comprovati livelli elevati di B. 1.617.2. " Ha elaborato un piano in sei punti per affrontare la variante, compreso un migliore supporto finanziario e sociale per le persone infette e contatti per autoisolarsi.  "Abbiamo raggiunto un'altra pietra miliare nella nostra road map di uscita dal lockdown, ma dobbiamo affrontare questo passaggio con una rinnovata dose di forte cautela", scrive da parte sua Johnson in un messaggio alla nazione diffuso stamane. Non senza ribadire che le varianti - per far fronte alle quali le autorità del Regno puntano per ora su un'accelerazione dei vaccini e su campagne di test a tappeto ad hoc - rimangono "sotto stretta osservazione". E che il governo è pronto a reimporre ulteriori "misure immediate" per "tenerle a bada" a seconda dello sviluppo dei dati.

Il BMA ha esortato le persone a essere caute e ad incontrarsi all'aperto ove possibile. Richard Jarvis, co-presidente del suo comitato di medicina per la salute pubblica, ha dichiarato: "Con segmenti chiave della popolazione ancora non vaccinati e gruppi di varianti, inclusa la variante indiana in rapido aumento, che stanno diventando una preoccupazione crescente, dobbiamo avvicinarci a questa prossima fase di allentamento. lockdown con la massima cautela". Sharon Peacock, direttore del Covid-19 Genomics UK Consortium, ha dichiarato: “È sempre più plausibile che B.1.617.2 andrà a sostituire B.1.1.7 in Inghilterra nel tempo, allo stesso modo in cui B.1.1. 7 hanno sostituito altre varianti alla fine dello scorso anno". Ha aggiunto: "Non ci sono prove al momento che i vaccini non funzionino, ma non ne sappiamo ancora abbastanza perché la maggior parte dei dati di laboratorio generati per questo lignaggio è per B.1.617.1 piuttosto che per B.1.617.2 - e ci sono importanti differenze genetiche tra i due".

Le aperture in Italia

In Italia la variante indiana non dà preoccupazioni, tanto che il coprifuoco è stato spostato alle ore 23 a stretto giro. Poi dal 7 giugno via al coprifuoco a partire dalle 24. Dal 21 giugno, secondo la medesima proposta, ci sarebbe il superamento totale del coprifuoco. Si va, secondo quanto si apprende da fonti di governo, verso una deroga ad hoc sul coprifuoco per la finale di Coppa Italia Atalanta-Juventus, prevista mercoledì 19 maggio alle 21:00. Dal 1 giugno i ristoranti e i bar potranno aprire a pranzo e a cena anche al chiuso. E' l'orientamento emerso, a quanto si apprende da più fonti di governo, dalla cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi. I matrimoni potranno ripartire dal 15 giugno, ma con il "green pass", e cioè certificazione di vaccinazione o tampone, per i partecipanti. Lo si apprende al termine della cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi.  Dal 1 giugno Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna saranno zona bianca.

E, con questo trend di contagi, dal 7 giugno anche Abruzzo, Veneto e Liguria entreranno in zona bianca. Nelle regioni in zona bianca valgono solo le regole di comportamento (mascherina, distanziamenti). Non c'è coprifuoco  Aperture delle palestre il 24 maggio, quella delle piscine al chiuso il 1 luglio. E' quanto prevede, si apprende da fonti di governo, la road map decisa dalla cabina di regia sulle riaperture. Secondo la stesso cronoprogramma l'apertura dei parchi tematici è prevista il 15 giugno. Gli esercizi commerciali in mercati e centri commerciali, gallerie e parchi commerciali nelle giornate festive e prefestive riapriranno dal 22 maggio, nel primo weekend successivo al decreto legge Covid. E' questa, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, la proposta in ingresso in Cdm. La presenza di pubblico è autorizzata per tutti gli eventi e competizioni sportive dal 1 giugno all'aperto e dal 1 luglio al chiuso nei limiti già fissati (capienza non superiore al 25% di quella massima e comunque non superiore a 1000 persone all'aperto e 500 al chiuso), e non più limitatamente alle competizioni di interesse nazionale.

Le attività in sale da ballo, discoteche e simili, all'aperto o al chiuso, restano sospese. E' quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi al termine della cabina di regia sul Covid."Basta essere trattati come untori, meritiamo rispetto. Riapre tutto fuorché le discoteche, è una cosa vergognosa e intollerabile: e non ci vengano a dire che siamo noi la causa della ripresa dei contagi, perché non è vero. Ci sono centinaia di famiglie che non sanno più come portare a casa la pagnotta. Finora siamo sempre stati buoni, adesso stiamo pensando ad azioni eclatanti". E' furibondo Gianni Indino, presidente del Silb, il sindacato dei locali da ballo dell'Emilia-Romagna, per la mancata indicazione di una data di riapertura delle discoteche, all'aperto e al chiuso. "Mi vergogno di vivere in un paese che non tiene nella giusta considerazione tutti i lavoratori e tutte le imprese nello stesso modo. Noi abbiamo sempre voluto cercare una soluzione condivisa, ma così non ci viene data nemmeno una speranza. Ma meritiamo rispetto e non siamo più intenzionati a subire" ha concluso.

CAMBIANO I PARAMETRI DEI COLORI - Cambiano i parametri delle zone rosse, arancioni e gialle: la guida non sarà più l'RT ma l'incidenza e un altro forte fattore è il tasso di ospedalizzazione, sia in terapia intensiva che in area medica. E' quanto emerge dalla cabina di regia sul Covid a Palazzo Chigi. Arriva una radicale semplificazione - spiegano fonti di governo - dei 21 criteri precedenti, che scendono a 12. E' allo studio, a quanto si apprende da fonti di governo, un possibile nuovo schema dei parametri di validità del Green Pass per chi ha fatto il vaccino. Due, in particolare, i parametri suscettibili di modifiche: la scadenza, a sei mesi dal vaccino, del pass (scadenza che potrebbe essere prolungata) e la valutazione di ottenere il pass già con una prima dose di vaccino. E' stato chiesto agli esperti, in merito, di effettuare approfondimenti medici. C'è, inoltre, l'impegno a muoversi comunque in coordinamento con i parametri decisi a livello Ue. Dal primo luglio riprenderanno in presenza i corsi di formazione, pubblici e privati. E' quanto rendono noto fonti di Palazzi Chigi al termine della cabina di regia Covid.

 

 

Ultime News