Diete a ridotto contenuto di carboidrati per la remissione del diabete

Nutrizione | Redazione DottNet | 24/05/2021 18:52

Ma le diete a bassissimo contenuto di carboidrati, in particolare quelle che inducono chetogenesi, sono controverse

Gli interventi dietetici che limitano l'assunzione di carboidrati per la gestione del diabete sono di particolare interesse per ricercatori, operatori sanitari e pazienti. Sulla base dell'evidenza di una certezza da moderata a bassa da 23 studi randomizzati (n = 1357), la sintesi delle prove suggerisce che i pazienti che aderiscono a diete a basso o molto basso contenuto di carboidrati per sei mesi potrebbero raggiungere la remissione del diabete senza conseguenze avverse. Ma la definizione di diete a basso e bassissimo contenuto di carboidrati, gli effetti sulla salute a lungo termine delle diete a basso contenuto di carboidrati e le definizioni operative di remissione del diabete sono dibattute, richiedendo ulteriori indagini, in particolare per i risultati di salute a lungo termine basati su prove di studi randomizzati.

Definizione di diete a basso o molto basso contenuto di carboidrati

La restrizione dei carboidrati ha una lunga storia di utilizzo nella gestione del diabete e organizzazioni autorevoli hanno recentemente evidenziato i potenziali benefici e rischi delle diete a basso contenuto di carboidrati. La definizione di tali diete, tuttavia, può variare ampiamente e può creare confusione sia per i pazienti che per i fornitori.

Negli ultimi decenni, si stima che l'assunzione media di carboidrati per gli adulti negli Stati Uniti oscilli tra il 39% e il 51% delle chilocalorie giornaliere (di seguito denominate calorie). Storicamente, organizzazioni autorevoli hanno raccomandato l'assunzione di carboidrati che varia dal 45% al ​​65% delle calorie giornaliere. Le diete con un apporto di carboidrati inferiore al 45% delle calorie giornaliere sono state quindi comunemente considerate come limitate di carboidrati.

Cosa si intende per dieta a basso contenuto di carboidrati può variare a seconda della fonte di riferimento. Ad esempio, nel 2015 è stata proposta una definizione formale, definendo una dieta a basso contenuto di carboidrati come quella in cui meno del 26% delle calorie giornaliere derivano da carboidrati (<130 g / giorno), ancora nella sua revisione della letteratura l'American Diabetes 2019 La dichiarazione di consenso dell'associazione sulla terapia nutrizionale per il diabete e il prediabete descrive "un modello alimentare a basso contenuto di carboidrati come una riduzione dei carboidrati al 26-45% delle calorie totali" (<225 g / giorno di una dieta a 2000 calorie). 1

Anche le definizioni di diete a bassissimo contenuto di carboidrati variano (p. Es., Soglie che vanno da <10% a <26% dell'apporto calorico giornaliero). 1Questa differenza è sostanziale perché è stato dimostrato che le diete con assunzioni di carboidrati sostanzialmente inferiori (p. Es., <10% delle calorie giornaliere) inducono chetosi nutrizionale.  In questo stato fisiologico, i corpi chetonici vengono prodotti e utilizzati come fonte di energia alternativa, soprattutto dal cervello,  con queste diete comunemente chiamate chetogeniche. Al contrario, le diete a bassissimo contenuto di carboidrati, definite come un apporto <26% delle calorie giornaliere, non inducono costantemente chetogenesi.

Fino a quando il consenso sulle definizioni non sarà chiaro, i ricercatori dovrebbero definire esplicitamente il loro uso dei termini diete a basso e molto basso contenuto di carboidrati, ei lettori della letteratura dovrebbero prendere nota di queste definizioni quando interpretano e applicano i risultati della ricerca. Inoltre, durante l'interpretazione dei risultati, i lettori dovrebbero cercare prove dell'aderenza alle restrizioni dei carboidrati e del modo in cui l'aderenza influisce sui risultati dello studio.

Perché questo è importante

Le diete a bassissimo contenuto di carboidrati, in particolare quelle che inducono chetogenesi, sono controverse. La polemica è principalmente legato al convenzionale, anche se discusso,  consigli nutrizionali che è legato alla suggerito conseguenze negative per la salute di una dieta ricca di grassi saturi, che si verifica spesso tra coloro che seguono diete carboidrati limitato. Recentemente abbiamo condotto la revisione più completa degli studi randomizzati tra i pazienti con diabete che hanno seguito una dieta a basso contenuto di carboidrati per sei e 12 mesi e non ha riscontrato alcun aumento statisticamente significativo o clinicamente importante degli eventi avversi totali o gravi. Tali risultati, tuttavia, erano scarsamente riportati e gli esiti cardiovascolari avversi maggiori potevano richiedere più tempo per svilupparsi. Finora, gli studi randomizzati di diete a basso contenuto di carboidrati per le persone con diabete sono limitati a pochi studi con una durata superiore a 12 mesi e anche questi studi non vanno oltre i 24 mesi. 6 Studi osservazionali a lungo termine con un follow-up medio di 25 anni suggeriscono una relazione a forma di U con gli estremi sia superiori che inferiori di assunzione di carboidrati, mostrando un aumento del rischio di mortalità, sebbene non si possa escludere confusione. 7

Oltre ai potenziali rischi per la salute negativi, i sostenitori delle diete a base vegetale hanno sollevato preoccupazioni ambientali ed etiche riguardo alle diete a ridotto contenuto di carboidrati, tipicamente ad alto contenuto di prodotti animali. Tuttavia, è possibile ottenere e personalizzare ampie restrizioni di carboidrati utilizzando una dieta vegetariana o vegana, sebbene le diete chetogeniche vegane siano più impegnative senza restrizione calorica.

Considerazioni aggiuntive: definizione della remissione del diabete

La remissione del diabete è un risultato importante per pazienti, medici e responsabili politici. Anche il modo in cui viene definita la remissione varia. In generale, tra le definizioni contemporanee di remissione del diabete, vengono considerati tre fattori: una soglia di emoglobina glicata (HbA1c), l'uso di farmaci antidiabetici e la durata della remissione. Sebbene un organismo internazionale di esperti sul diabete abbia pubblicato un documento di consenso nel 2009 nel tentativo di formalizzare le definizioni di remissione,  queste non sono mai state adottate formalmente. Inoltre, una revisione dell'ambito delle definizioni nel 2020 ha mostrato una continua eterogeneità nel modo in cui viene definita la remissione del diabete.  Ad esempio, le soglie di HbA1c più comunemente utilizzate erano <42 mmol / mol (6,0%) e <48 mmol / mol (6,5%). In termini di utilizzo del trattamento farmacologico, la cessazione di alcuni trattamenti benefici, come la metformina, potrebbe essere considerata non etica; quindi, c'è una certa resistenza alle definizioni che richiedono l'interruzione del trattamento farmacologico. Per quanto riguarda le durate di remissione proposte, queste possono variare da 30 giorni a cinque anni a seconda della fonte di riferimento.

Fino a quando la comunità di ricerca sul diabete non sarà d'accordo su una definizione formale di remissione, i ricercatori dovrebbero dichiarare esplicitamente le condizioni delle proprie definizioni. Dato il dibattito, i ricercatori potrebbero utilizzare diverse definizioni. Il nostro gruppo, ad esempio, ha tentato di gestire questa mancanza di consenso riportando risultati meta-analitici sulla remissione del diabete utilizzando quattro definizioni a priori tra studi che riportano risultati a sei e 12 mesi.

Conclusione

La terminologia, la valutazione e l'applicazione delle diete a ridotto contenuto di carboidrati per la remissione del diabete sono al centro dell'evidenza del processo decisionale informato tra pazienti, medici e responsabili politici. Fino a quando non si raggiunge un consenso, quando l'efficacia e la sicurezza delle diete a ridotto contenuto di carboidrati vengono valutate per la gestione del diabete, i ricercatori dovrebbero essere chiari nelle loro definizioni a priori di diete a basso e molto basso contenuto di carboidrati, nonché di remissione del diabete, e i consumatori della letteratura di ricerca dovrebbero essere consapevole di quali definizioni vengono utilizzate, pur essendo consapevole di qualsiasi analisi di sensibilità o sottogruppo utilizzata per confrontare i risultati tra le definizioni.

 

fonte: BMJ

Ultime News