Varianti SARS-CoV-2: studio sull'immunità da precedente infezione

Infettivologia | Redazione DottNet | 22/06/2021 13:57

Il rischio anche se basso c'è. L'importanza del monitoraggio

L'emergere di due varianti della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) - B.1.1.7 nel Regno Unito e B.1.351 in Sudafrica - ha destato la preoccupazione che queste varianti possano sfuggire all'immunità derivante da precedenti infezione o vaccinazione. Nel tentativo di misurare la resistenza di queste varianti alla neutralizzazione provocata dall'infezione o dalla vaccinazione, abbiamo generato pseudovirus SARS-CoV-2 basati sul virus della stomatite vescicolare ricombinante contenenti la proteina spike del ceppo di riferimento Wuhan-1 (wild-type), il Mutazione D614G e varianti B.1.1.7 e B.1.351.

Successivamente abbiamo valutato la resistenza dello pseudovirus alla neutralizzazione utilizzando siero convalescente ottenuto da 34 pazienti 5 mesi dopo l'infezione con malattia da coronavirus 2019 (Covid-19) e siero da 50 partecipanti ottenuti da 2 a 3 settimane dopo aver ricevuto la seconda dose di vaccini a virus inattivato - BBIBP -CorV (Sinopharm)  o CoronaVac (Sinovac)  — che sono stati sviluppati in Cina. Abbiamo prima determinato il titolo anticorpale neutralizzante del siero contro lo pseudovirus wild-type e osservato titoli medi geometrici simili (GMT) nel siero ottenuto da pazienti convalescenti e da vaccinati, che suggerivano una bassa risposta anticorpale dopo l'inoculazione di due dosi indotta da BBIBP-CorV o CoronaVac.In particolare, titoli di neutralizzazione non rilevabili sono stati osservati in 4 su 34 campioni di siero convalescenti, in 6 su 25 campioni di siero BBIBP-CorV e in 4 su 25 campioni di siero CoronaVac.

Successivamente abbiamo valutato l'attività neutralizzante del siero convalescente e del siero vaccinato contro le varianti D614G, B.1.1.7 e B.1.351 rispetto allo pseudovirus wild-type. Il siero convalescente era significativamente più efficace (di un fattore di 2,4; intervallo di confidenza al 95% [CI], da 1,9 a 3,0) nel neutralizzare lo pseudovirus D614G, ha avuto un effetto simile a quello del virus wild-type nel neutralizzare il B.1.1 .7, ed era significativamente meno efficace (di un fattore 0,5; 95% CI, da 0,4 a 0,7) nel neutralizzare lo pseudovirus B.1.351. Inoltre, 9 dei 30 campioni di siero convalescente hanno mostrato una completa perdita di attività neutralizzante contro B.1.351. Per i campioni di siero del vaccino BBIBP-CorV, sebbene i GMT di neutralizzazione contro le varianti non fossero significativamente differenti dai GMT contro il virus wild-type, 20 campioni di siero hanno mostrato una perdita completa o parziale di neutralizzazione contro B.1.351. Per i campioni di siero vaccinati CoronaVac, abbiamo osservato una marcata diminuzione dei GMT nella neutralizzazione del siero di B.1.1.7 (di un fattore di 0,5; 95% CI, da 0,3 a 0,7) e B.1.351 (di un fattore di 0,3 ; 95% CI, da 0,2 a 0,4). Inoltre, la maggior parte dei campioni di siero ha mostrato una perdita completa o parziale di neutralizzazione contro B.1.351.

I nostri risultati suggeriscono che B.1.1.7 ha mostrato poca resistenza all'attività neutralizzante del siero convalescente o vaccinato, mentre B.1.351 ha mostrato una maggiore resistenza alla neutralizzazione sia del siero convalescente (di un fattore 2) che del siero vaccinato (di un fattore da 2,5 a 3,3) rispetto al virus wild-type. La maggior parte dei campioni di siero vaccinato che sono stati testati ha perso attività neutralizzante, un risultato coerente con i risultati di altri studi recenti sulla neutralizzazione da parte del siero convalescente o del siero ottenuto da destinatari di vaccini con RNA messaggero o BBIBP-CorV.  nostri risultati evidenziano anche l'importanza del monitoraggio virale sostenuto e della valutazione dell'efficacia protettiva dei vaccini nelle aree in cui circolano varianti.

fonte: the new england journal of medicine

Guo-Lin Wang, Ph.D.
Istituto di microbiologia ed epidemiologia di Pechino, Pechino, Cina

Zhuang-Ye Wang, B.Med.
Centro di Dezhou per il controllo e la prevenzione delle malattie, Dezhou, Cina

Li-Jun Duan, B.Sc.
Istituto di microbiologia ed epidemiologia di Pechino, Pechino, Cina

Qing-Chuan Meng, B.Med.
Ningjin County Community Health Service Center, Dezhou, Cina

Ming-Dong Jiang, M.Med.
Jing Cao, M.Med.
Centro di Dezhou per il controllo e la prevenzione delle malattie, Dezhou, Cina

Lin Yao, B.Med.
Ka-Li Zhu, B.Med.
Wu-Chun Cao, Ph.D.
Mai-Juan Ma, Ph.D.
Istituto di microbiologia ed epidemiologia di Pechino, Pechino, Cina

Ultime News