La variante Delta corre in Italia: a fine agosto sarà il 90% dei contagi

Infettivologia | Redazione DottNet | 23/06/2021 20:46

Registrata nel nostro Paese una crescita esponenziale dall'1% del 18 maggio al 9% del 16 giugno. Boom di contagi anche nel Regno Unito

Sulla base delle prove scientifiche disponibili, "la variante Delta è più trasmissibile di altre varianti circolanti e stimiamo che entro la fine di agosto rappresenterà il 90% di tutti i virus SARS-CoV-2 in circolazione nell'Unione europea". Lo scrive il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) in un parere aggiornato sul rischio varianti del Covid. La variante Delta si sta diffondendo in Italia con un ritmo esponenziale: dall'1% rilevato il 18 maggio scorso dall'Istituto Superiore di Sanità, a metà giugno aveva raggiunto il 3,4% per salire al 9% pochi giorni dopo.

Quando i primi casi della variante SARS-CoV-2 Delta sono stati rilevati nel Regno Unito a metà aprile, la nazione si stava preparando ad aprirsi. Il numero di casi COVID-19, i ricoveri e i decessi stavano precipitando, grazie a mesi di blocco e a uno dei programmi di vaccinazione più veloci al mondo. Due mesi dopo, la variante, rilevata per la prima volta in India, ha catalizzato una terza ondata nel Regno Unito e costretto il governo a ritardare la piena riapertura della società originariamente prevista per il 21 giugno.

Dopo aver osservato l'ascesa sorprendentemente rapida della variante Delta nel Regno Unito (Il bollettino quotidiano del Regno Unito ha rilevato ieri 16.135 nuove infezioni da Covid-19. E' il numero di casi più alto dallo scorso 6 febbraio, quando ne furono registrati 18.262. Rispetto a mercoledì scorso i casi sono quasi raddoppiati - erano stai infatti poco di 9mila-. Le autorità sanitarie confermano però un incremento più contenuto del totale dei ricoveri ospedalieri, ora pari a 1508, grazie all'efficacia vaccinale e addirittura un calo dei morti, dai 27 di martedì a 19), altri paesi si stanno preparando all'impatto della variante, se non lo sentono già. Le nazioni con ampio accesso ai vaccini, come quelle in Europa e Nord America, sperano che i colpi possano smorzare l'inevitabile ascesa del Delta. Ma nei paesi senza grandi scorte di vaccini, in particolare in Africa, alcuni scienziati temono che la variante possa essere devastante. "Secondo me, sarà davvero difficile tenere fuori questa variante", afferma Tom Wenseleers, biologo evoluzionista e biostatistico presso l'Università Cattolica di Lovanio (KU Leuven) in Belgio. "È molto probabile che subentri del tutto su base mondiale".

 I dati depositati martedì sera dal Piano di sorveglianza genomica della Regione Campania mostrano un incremento fino al 25%. Lo ha detto all'ANSA il presidente del Ceinge-Biotecnologie Avanzate di Napoli, Pietro Forestieri. "Il quadro che emerge solo da questi dati, peraltro parziali, è preoccupante - ha osservato - considerando che dobbiamo aspettarci numeri progressivamente e costantemente più alti, con il deposito di ulteriori virus sequenziati".

"In Italia si fanno pochi sequenziamenti", ha rilevato Forestieri. "Sei-sette mesi fa si sequenziava circa il 10% dei tamponi positivi con l'intento di identificare nuove varianti, ma nel contesto epidemiologico attuale credo che andrebbero sequenziati tutti i positivi nell'intento di tracciare tempestivamente una variante emergente (la Colombiana, ad esempio). Non del tutto paradossalmente il sequenziamento, se fosse rapido, potrebbe sostituire il tampone molecolare. È chiaro che per fare questo dovrebbe essere coinvolto un numero maggiore di Centri, con know how e tecnologie adeguati". Il Ceinge è stato un centro pioniere in queste metodologie grazie alla strumentazione acquisita nel campo dei servizi per il sequenziamento del Dna (Ngs) per malattie genetiche ed oncologiche. "Avevamo già, per queste attività, cinque sequenziatori Ngs. In questa settimana - ha detto ancora - ne abbiamo acquisito uno di ultimissima generazione e ad alta produttività che, da solo, se fosse dedicato esclusivamente a questa attività, ci consentirebbe di ottenere la sequenza di almeno mille genomi completi a settimana". Diversi genomi sono già stati sequenziati dal Ceinge sin dal giugno 2020 e depositati nelle banche Ncbi - Ebi e Gisaid, compreso il primo rilevato in Campania e la variante Novara. "Siamo, oggi, in grado di predisporre un sequenziamento totale del virus, avendo a disposizione un eccellente gruppo di ricercatori, la migliore tecnologia e un team di bioinformatici di grande livello", ha rilevato Forestieri. Naturalmente, ha aggiunto, "il sequenziamento è un'attività che, accanto alle competenze, richiede tempo e fondi, che sono, però, degli investimenti e non delle spese". Una delle chiavi di volta nella lotta alla pandemia di Covid-19 è, infatti, "avere una chiara e più completa possibile conoscenza della diffusione delle varianti".

Delta, noto anche come B.1.617.2, appartiene a un ceppo virale identificato per la prima volta in India durante una feroce ondata di infezioni in aprile e maggio. Il lignaggio è cresciuto rapidamente in alcune parti del paese e ha mostrato segni di parziale resistenza ai vaccini. Ma è stato difficile per i ricercatori districare queste proprietà intrinseche della variante da altri fattori che hanno portato i casi confermati dell'India oltre i 400.000 al giorno, come i raduni di massa.

Dati delta

La variante Delta è stata collegata a una rinascita di COVID-19 in Nepal, nel sud-est asiatico e altrove, ma la sua diffusione nel Regno Unito ha fornito agli scienziati un quadro chiaro della minaccia che rappresenta. Delta sembra essere circa il 60% più trasmissibile rispetto alla già altamente infettiva variante Alpha (chiamata anche B.1.1.7) identificata nel Regno Unito alla fine del 2020.

Delta è moderatamente resistente ai vaccini, in particolare nelle persone che hanno ricevuto solo una singola dose. Uno studio di Public Health England pubblicato il 22 maggio ha rilevato che una singola dose di vaccino AstraZeneca o Pfizer ha ridotto del 33% il rischio di una persona di sviluppare sintomi COVID-19 causati dalla variante Delta, rispetto al 50% della variante Alpha. Una seconda dose del vaccino AstraZeneca ha aumentato la protezione contro Delta al 60% (rispetto al 66% contro Alpha), mentre due dosi di vaccino di Pfizer erano efficaci all'88% (rispetto al 93% contro Alpha). Prove preliminari provenienti da Inghilterra e Scozia suggeriscono che le persone infette da Delta hanno circa il doppio delle probabilità di finire in ospedale, rispetto a quelle infette da Alpha.

"I dati provenienti dal Regno Unito sono molto attendibili, tanto che abbiamo una buona idea di come si sta comportando la variante Delta", afferma Mads Albertsen, bioinformatico presso l'Università di Aalborg in Danimarca. "Questo è stato un aprire gli occhi." Anche la Danimarca, che, come il Regno Unito, è leader mondiale nella sorveglianza genomica, ha registrato un aumento costante dei casi causati dalla variante Delta, sebbene di gran lunga inferiore rispetto alla maggior parte degli altri paesi europei. È solo questione di tempo prima che la variante diventi dominante in Danimarca, afferma Albertsen, ma la speranza è che la sua espansione possa essere rallentata attraverso la vaccinazione, la sorveglianza e una migliore tracciabilità dei contatti. "Prenderà il sopravvento", dice, ma "si spera in pochi mesi e non troppo presto".

Intanto il governo danese sta allentando le restrizioni, non reimponendole: ristoranti e bar sono aperti da mesi alle persone che sono state vaccinate o hanno ricevuto un recente test negativo e, dal 14 giugno, le mascherine non sono più necessarie nella maggior parte dei casi. ambienti interni. "Ora va bene in Danimarca e stiamo tenendo d'occhio la variante Delta", afferma Albertsen. "Può cambiare abbastanza velocemente, come ha fatto nel Regno Unito". I casi della variante Delta nel Regno Unito raddoppiano all'incirca ogni 11 giorni. Ma i paesi con ampie scorte di vaccini dovrebbero essere rassicurati dal più lento aumento dei ricoveri ospedalieri, afferma Wenseleers. Un recente studio di Public Health England  ha rilevato che le persone che hanno ricevuto una dose di vaccino hanno il 75% in meno di probabilità di essere ricoverate in ospedale, rispetto alle persone non vaccinate, e quelle che sono completamente protette hanno il 94% in meno di probabilità di essere ricoverate.

Ultime News