La vaccinazione eterologa funziona, studio svedese. Ipotesi terza dose mRna

Farmaci | Redazione DottNet | 15/07/2021 21:16

Dopo due dosi AstraZeneca efficace una terza somministrazione mRna

Uno studio svedede rivela che una dose eterologa di vaccino Moderna dopo aver ricevuto AstraZeneca fornisce una protezione maggiore, in particolare contro le varianti. E potrebbe essere un'ottima terza dose dopo le due ricevute in precedenza se adenovirus. A causa delle preoccupazioni sugli eventi trombotici dopo la vaccinazione con ChAdOx1 nCoV-19 (Oxford-AstraZeneca), diversi paesi europei hanno, infatti, raccomandato strategie di potenziamento dell'RNA messaggero eterologo (mRNA) per le persone di età inferiore ai 60 o 65 anni che hanno ricevuto una dose di ChAdOx1 nCoV-19 (AstraZeneca).  Ad oggi, i dati sulla sicurezza e l'immunogenicità di questi regimi sono limitati.

Attraverso uno studio clinico in corso sull'immunogenicità longitudinale dei vaccini contro il coronavirus 2019 (Covid-19), siamo stati in grado di valutare 88 operatori sanitari che avevano ricevuto una dose di vaccino ChAdOx1 nCoV-19 da 9 a 12 settimane prima. Tra questi partecipanti, 37 hanno scelto un boost omologo con ChAdOx1 nCoV-19 e 51 hanno scelto un boost eterologo con mRNA-1273 (Moderna). L'età media dei partecipanti era di 46 anni (range, da 28 a 62) e 40 anni (range, da 23 a 59), rispettivamente. I campioni di sangue sono stati ottenuti al momento del boost, da 7 a 10 giorni dopo il boost e 30 giorni dopo il boost. I livelli di IgG specifiche per la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) specifiche per la proteina (S) e per il dominio legante il recettore (RBD) sono stati valutati con l'uso di un test di immunoassorbimento enzimatico ed espressi come area sotto la curva.MT093571.1 è stata misurata in un saggio di immunofluorescenza, con risultati espressi come reciproco della diluizione inibitoria al 50% (ID 50 ); anche la neutralizzazione del siero dell'isolato SARS-CoV-2 originale dalla Svezia e della variante B.1.351 (o beta) è stata misurata in un test dell'effetto citopatico. I partecipanti allo studio hanno riportato informazioni sulla reattogenicità prima e dopo la somministrazione dell'iniezione di richiamo. Le caratteristiche demografiche dei partecipanti e tutti i dettagli dei metodi sono forniti nell'Appendice supplementare, disponibile su NEJM.org.

Il giorno della somministrazione, i due gruppi avevano livelli simili di IgG e anticorpi neutralizzanti SARS-CoV-2 S-specifici e RBD-specifici. I livelli di IgG S-specifici e RBD-specifici da 7 a 10 giorni dopo un boost di ChAdOx1 nCoV-19 erano 5 volte più alti rispetto al giorno del boost (P<0,001); da 7 a 10 giorni dopo un aumento dell'mRNA-1273, i livelli di IgG specifiche per S erano 115 volte più alti e i livelli di IgG specifiche per RBD erano 125 volte più alti rispetto al giorno dell'aumento (P <0,001). Dopo 30 giorni, i livelli di IgG S-specifiche sono rimasti simili a quelli tra i 7 ei 10 giorni in entrambi i gruppi.

La potente induzione di anticorpi specifici per SARS-CoV-2 S dopo un boost eterologo con mRNA-1273 è stata riflessa da un aumento del titolo di neutralizzazione del siero reciproco in vitro, con un ID 50 reciproco da 7 a 10 giorni dopo il boost che è stato 20 volte superiore a quello del giorno del boost (P<0,001). Al contrario, un boost omologo di ChAdOx1 nCoV-19 ha portato a un quasi raddoppio dell'ID 50 reciproco entro 7-10 giorni (P = 0,09). Un mese dopo il boost, in entrambi i gruppi si è verificato un ulteriore aumento degli anticorpi neutralizzanti (a livelli da 1,6 a 1,7 volte superiori ai livelli da 7 a 10 giorni), ma l'aumento non è stato significativo. Abbiamo verificato i nostri risultati per la neutralizzazione dell'isolato SARS-CoV-2 originale dalla Svezia in un altro laboratorio. Inoltre, abbiamo scoperto che un boost di mRNA-1273 aveva indotto anticorpi che potevano neutralizzare la variante B.1.351 di SARS-CoV-2; tuttavia, un boost di ChAdOx1 nCoV-19 non ha indotto potenti anticorpi neutralizzanti contro questa variante, un risultato coerente con i risultati di uno studio precedente.

In questa coorte relativamente piccola, l'aumento dell'mRNA-1273 ha portato a segnalazioni più frequenti di febbre, mal di testa, brividi e dolori muscolari rispetto all'aumento di ChAdOx1 nCoV-19. Tuttavia, non abbiamo riscontrato differenze significative tra i gruppi quando gli eventi sono stati classificati in base al livello di intensità (Fig. S2). Gli eventi avversi riportati sono in linea con quanto pubblicato in precedenza per i regimi vaccinali omologhi ChAdOx1 nCoV-19 o mRNA-127.

Concludiamo che il vaccino mRNA-1273 può stimolare efficacemente la memoria delle cellule B specifica per SARS-CoV-2 che è stata generata da una dose primaria di vaccino ChAdOx1 nCoV-19 da 9 a 12 settimane prima e che può fornire una migliore protezione contro la variante B.1.351 rispetto a un boost di ChAdOx1 nCoV-19. Questi dati suggeriscono anche che i vaccini mRNA (qui sotto forma di mRNA-1273) possono essere utili per strategie di vaccinazione in cui una terza dose deve essere somministrata a persone che hanno precedentemente ricevuto due dosi di ChAdOx1 nCoV-19.

 

fonte: The new england journal of medicine

Ultime News