Long Covid nei bambini e negli adolescenti

Infettivologia | Redazione DottNet | 20/01/2022 17:00

Distinguere i sintomi a lungo termine causati dall'infezione da SARS-CoV-2 dai sintomi correlati alla pandemia rimane una sfida

I sintomi che coinvolgono quasi tutti i sistemi di organi sono stati segnalati dopo l'infezione da SARS-CoV-2. Le stime della prevalenza del long covid (chiamato anche condizione post-covid-19, postumi post-acuti di covid-19 o sindrome da covid cronico) variano considerevolmente, in parte a causa della confusione sulla definizione. Il termine long covid comprende un'ampia gamma di sintomi, comprese le complicanze oggettive del covid-19 (fibrosi polmonare, disfunzione miocardica), condizioni di salute mentale e sintomi più soggettivi e non specifici simili a quelli osservati nella sindrome da stanchezza cronica post-virale (mialgica encefalomielite). La maggior parte degli studi fino ad oggi presenta limitazioni sostanziali, tra cui piccole coorti, assenza di gruppi di controllo, acquisizione non standardizzata dei sintomi, mancanza di correzione per condizioni mediche preesistenti, infezione segnalata dai partecipanti e variazione nel follow-up, nonché selezione, bias di mancata risposta, classificazione errata e richiamo.

Nei bambini e negli adolescenti, il covid-19 acuto è meno grave che negli adulti. La preoccupazione di molti genitori si è quindi concentrata maggiormente sui potenziali effetti a lungo termine dell'infezione da SARS-CoV-2. Purtroppo sono disponibili meno dati sul long covid nei giovani rispetto agli adulti.  La frequenza ampiamente citata di uno su sette nei bambini si basa su uno studio con un tasso di risposta del 13%.

Lo studio collegato di Magnusson e colleghi (doi: 10.1136/bmj-2021-066809) ha utilizzato i dati del registro nazionale norvegese per stimare l'impatto del covid-19 sull'uso sanitario a lungo termine tra 1,3 milioni di bambini e adolescenti. Gli autori hanno identificato un aumento a breve termine dell'uso delle cure primarie (ma non specialistiche) dopo il covid-19 in tutte le fasce di età studiate. Questo aumento era correlato a condizioni respiratorie e generali o non specifiche, principalmente nelle quattro settimane successive all'infezione. L'aumento dell'uso delle cure primarie è durato fino a sei mesi tra i bambini di età compresa tra 1 e 5 anni. In particolare, il covid-19 nei bambini ha avuto un impatto complessivo limitato sui servizi sanitari.

I punti di forza dello studio includono il suo design basato sulla popolazione, l'inclusione di gruppi di controllo negativi e non testati per SARS-CoV-2 e il confronto con l'uso dell'assistenza sanitaria pre-pandemia. Una limitazione inevitabile è che i bambini asintomatici o quelli con sintomi lievi potrebbero non essere stati testati. Inoltre, potrebbero essersi verificati cambiamenti nei modelli di test in diversi gruppi di età e nel tempo e i bambini risultati positivi per SARS-CoV-2 potrebbero anche aver avuto una maggiore esposizione ad altri virus respiratori. Infine, l'ansia che circonda questa infezione precedentemente sconosciuta nei bambini potrebbe aver indotto i fornitori di cure primarie e i genitori a programmare visite di follow-up non necessarie dopo un risultato positivo del test.

Lo studio di Magnusson e colleghi evidenzia la difficoltà di determinare con precisione il rischio di long covid nei bambini e negli adolescenti e l'urgente necessità di ulteriori studi rigorosi. I rapporti suggeriscono che più della metà dei bambini che non hanno avuto covid-19 hanno manifestato sintomi come mal di testa, affaticamento, disturbi del sonno e difficoltà di concentrazione durante la pandemia. Distinguere i sintomi a lungo termine causati dall'infezione da SARS-CoV-2 dai sintomi correlati alla pandemia rimane una sfida. Un ampio studio nel Regno Unito ha rilevato che quasi tutti i sintomi riportati dai bambini risultati positivi per SARS-CoV-2 sono stati segnalati anche da coloro che sono risultati negativi. noltre, non è stata segnalata alcuna differenza tra i due gruppi in termini di salute mentale, benessere generale o compromissione delle attività. Anche altri studi con gruppi di controllo hanno riportato differenze minime nei sintomi persistenti tra i bambini con infezione da SARS-CoV-2 e quelli senza. Ciò sottolinea l'importanza di gruppi di controllo appropriati, compresi i bambini con altre infezioni e quelli ricoverati in ospedale per altri motivi.

Oltre all'incertezza sulla reale prevalenza del long covid, restano senza risposta diverse altre importanti domande. Innanzitutto, quali sono i fattori di rischio per lo sviluppo del covid lungo? Sebbene alcuni studi sugli adulti abbiano suggerito che la gravità dell'infezione iniziale, il ricovero ospedaliero, il sesso femminile, l'etnia bianca, la mezza età e l'asma sono fattori di rischio per sintomi persistenti, la meta-analisi più recente e completa ha concluso che i dati erano insufficienti per determinare l'influenza di questi fattori. In secondo luogo, quali sono i meccanismi molecolari, immunologici e psicologici alla base del lungo covid? I meccanismi suggeriti includono gli effetti diretti del virus (compresa la latenza virale, l'attivazione persistente del sistema immunitario,e apoptosi neuronale) ed effetti indiretti legati a problemi di salute mentale come stress post-traumatico e isolamento sociale. In terzo luogo, gli effetti a lungo termine del covid-19 sono specifici dell'infezione da SARS-CoV-2 o sono simili alle sindromi post-virali osservate dopo altre infezioni virali? In quarto luogo, si può prevenire il covid a lungo? Studi recenti sugli adulti suggeriscono che la vaccinazione contro il covid-19 è associata a un minor rischio di molte, ma non tutte, sequele in quelli con infezioni rivoluzionarie da SARS-CoV-2. Infine, qual è il trattamento ottimale? Anche se il rischio di long covid è basso, l'elevata incidenza di infezioni da SARS-CoV-2, in particolare con la variante omicron, significa che un gran numero di bambini potrebbe richiedere un trattamento.

Attualmente un terzo di tutti i bambini e gli adolescenti riporta emozioni negative, come tristezza o ansia, evidenziando il bilancio della pandemia in questa fascia di età. Vaccinare i giovani potrebbe aiutare a ridurre alcuni dei danni indiretti causati dalla ripetizione dei test e dall'isolamento, i blocchi, la chiusura delle scuole e la riduzione delle attività sociali. Poiché SARS-CoV-2 rimane prevalentemente un'infezione lieve nella popolazione pediatrica, l'incidenza del covid lungo è un fattore critico nell'equazione rischio-beneficio per le decisioni politiche e dei genitori sui vaccini covid-19 per i bambini.

 

fonte: BMJ

Ultime News