Idrocortisone per migliorare la sopravvivenza senza displasia broncopolmonare

Pneumologia | Redazione DottNet | 28/03/2022 14:04

Il trattamento non ha comportato una sopravvivenza sostanzialmente più alta senza displasia broncopolmonare moderata o grave rispetto al placebo

La displasia broncopolmonare è una complicanza prevalente dopo un parto estremamente pretermine. L'infiammazione con ventilazione meccanica può contribuire al suo sviluppo. Non è noto se il trattamento con idrocortisone dopo la seconda settimana postnatale possa migliorare la sopravvivenza senza displasia broncopolmonare e senza effetti avversi sullo sviluppo neurologico.

METODI

Abbiamo condotto uno studio su bambini che avevano un'età gestazionale inferiore a 30 settimane e che erano stati intubati per almeno 7 giorni a 14-28 giorni. I bambini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere idrocortisone (4 mg per chilogrammo di peso corporeo al giorno ridotti in un periodo di 10 giorni) o placebo. Sono state specificate soglie di estubazione obbligatorie. L'outcome primario di efficacia era la sopravvivenza senza displasia broncopolmonare moderata o grave a 36 settimane di età postmestruale e l'outcome primario di sicurezza era la sopravvivenza senza compromissione dello sviluppo neurologico moderato o grave a 22-26 mesi di età corretta.

RISULTATI

Sono stati arruolati 800 bambini (peso medio alla nascita [±DS], 715±167 g; età gestazionale media, 24,9±1,5 settimane). La sopravvivenza senza displasia broncopolmonare moderata o grave a 36 settimane si è verificata in 66 su 398 bambini (16,6%) nel gruppo idrocortisone e in 53 su 402 (13,2%) nel gruppo placebo (rapporto di frequenza aggiustato, 1,27; intervallo di confidenza al 95% [CI ], da 0,93 a 1,74). Gli esiti a due anni erano noti per il 91,0% dei bambini. La sopravvivenza senza compromissione dello sviluppo neurologico moderato o grave si è verificata in 132 bambini su 358 (36,9%) nel gruppo idrocortisone e in 134 su 359 (37,3%) nel gruppo placebo (rapporto di frequenza aggiustato, 0,98; IC al 95%, da 0,81 a 1,18). L'ipertensione che è stata trattata con i farmaci si è verificata più frequentemente con l'idrocortisone rispetto al placebo (4,3% contro 1,0%). Altri eventi avversi sono stati simili nei due gruppi.

CONCLUSIONI

In questo studio che ha coinvolto neonati pretermine, il trattamento con idrocortisone iniziato dal giorno 14 al giorno 28 postnatale non ha comportato una sopravvivenza sostanzialmente più alta senza displasia broncopolmonare moderata o grave rispetto al placebo. La sopravvivenza senza compromissione dello sviluppo neurologico moderato o grave non differiva sostanzialmente tra i due gruppi.

 

fonte: the new england journal of medicine

Ultime News