Varianti Omicron più contagiose, reinfezioni in crescita. È davvero il caso di abbandonare la mascherina?

Infettivologia | Redazione DottNet | 12/05/2022 18:12

L'interrogativo se lo pone il British Medical Journal in un interessante articolo: l'efficacia delle mascherine aumenta in proporzione alle persone che le indossano

Cancellare l'obbligo di mascherina in aereo (In Italia però è ancora valido sui voli nazionali fino al 15 giugno n.d.r.), passando alla semplice raccomandazione, "è un errore concettuale. Con una circolazione virale così intensa e un virus così contagioso, nel momento in cui si è all'interno di un aereo, che, per quanto abbia filtri per l'aria, prevede una vicinanza tra le persone, i rischi di contagio sono elevati", dice all'Adnkronos Salute Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza per l'emergenza coronavirus, commentando le indicazioni delle agenzie europee sulle mascherine in aereo. Anche perché allo stato attuale delle conoscenze (come si evince dalla tabella in basso redatta da Gimbe) le nuove sotto-varianti di Omicron sembrano avere una maggior trasmissibilità rispetto a BA.2 e, soprattutto, una maggior capacità di evadere la protezione immunitaria, sia da vaccino, sia da pregressa infezione: questo determina una probabilità più elevata di reinfezione, oltre ad una maggiore resistenza di queste varianti agli anticorpi monoclonali. Per quanto riguarda l’efficacia vaccinale sull’ospedalizzazione, se per queste nuove sotto-varianti non sono ancora disponibili dati, la somministrazione della dose booster resta di cruciale importanza al fine di mantenere una copertura adeguata contro Omicron e Omicron 2.

A conferma di ciò, dal 24 agosto 2021 al 4 maggio 2022 in Italia sono stati segnalati quasi 400 mila casi di reinfezione (3,3% del totale). Tuttavia l’incidenza delle reinfezioni, stabile intorno all’1% fino al 6 dicembre 2021 (data di riferimento per l’inizio della diffusione della variante Omicron), è rapidamente salita al 3% a inizio gennaio 2022, mantenendosi su questi valori fino a fine marzo 2022, per poi crescere ulteriormente nelle ultime settimane, sino a raggiungere il 5%. Il rischio di reinfezione colpisce in particolare i più giovani (fascia d’età 12-49 anni), le donne rispetto agli uomini, le persone con prima diagnosi di COVID-19 notificata da oltre 210 giorni, le persone non vaccinate o vaccinate con almeno una dose da oltre 120 giorni, gli operatori sanitari rispetto al resto della popolazione.

In questo contesto, s'interroga il British Medical Journal in un interessante articolo, è davvero giunto il monento di abbandonare le mascherine? L'uso obbligatorio delle mascherine nelle aree pubbliche interne e sui trasporti pubblici come misura di mitigazione per prevenire la trasmissione di covid-19 è stato abolito tra febbraio e aprile 2022 in Danimarca, Svezia, Paesi Bassi e Regno Unito. Ciò è in contrasto con molti altri paesi europei, tra cui Austria, Germania, Francia, Italia, Portogallo e Spagna, che mantengono i requisiti della maschera facciale in alcuni contesti, compresi i trasporti pubblici. Con la variante omicron BA.2 che si sta ancora diffondendo rapidamente, l'incertezza su quali future varianti potrebbero emergere e la mitigazione relativa alla ventilazione ancora limitata in molte aree, rimuovere tutti i mandati della maschera potrebbe non essere saggio a questo punto. Due ragioni suggerite per questo cambiamento di politica sono il presunto affaticamento da pandemia del pubblico e la riluttanza a portare avanti le misure di protezione,  e la proposta che la rimozione dei mandati delle maschere offre un'opportunità per rafforzare l'immunità del gregge attraverso infezioni diffuse da omicron. Nessuno di questi argomenti regge al vaglio.

La fatica pandemica si basa sull'idea che l'adesione del pubblico alle strategie di riduzione del rischio diminuisce nel tempo con l'insorgere della stanchezza. Questa teoria è stata spesso contraddetta da sondaggi e studi che hanno rilevato che l'adesione del pubblico alle misure di protezione è stata elevata per gran parte della pandemia . Se il pubblico è, tuttavia, ora esasperato dalle misure pandemiche, potrebbero non essere necessariamente le regole covid stesse. Invece, le popolazioni potrebbero essere diventate più scettiche nei confronti dei loro governi a causa di una rottura percepita nel contratto sociale e di una mancanza di coerenza percepita, trasparenza, comunicazione o giustificazione per il processo decisionale. Come ha sottolineato lo scrittore James Baldwin, la fedeltà deve essere reciproca e il pubblico si stanca se non lo è. Il rapporto tra il pubblico e il loro governo è stato minato da alti funzionari governativi che ostentano regole nel Regno Unito e altrove,  l'incapacità di implementare una ventilazione adeguata, la mancanza di una guida chiara e coerente sull'uso della maschera dove l'esposizione era inevitabile, e trascurando di rendere finanziariamente accessibili a tutti mascherine e altre misure (isolamento e quarantena, ad esempio).

La rimozione indiscriminata dei mandati delle mascherine esacerba questa disconnessione tra i governi ei loro cittadini riducendo la qualità della vita e l'indipendenza di una parte considerevole della popolazione. Dobbiamo ricordare che la multimorbilità è comune, è legata a disuguaglianze strutturali e aumenta il rischio di una grave malattia da covid-19.  Per molte persone, trovarsi regolarmente in spazi interni ad alto rischio come sui trasporti pubblici, negli edifici governativi, nei negozi di alimentari o negli studi medici non è sempre facoltativo. Rimuovendo la mascherina diffusa che si indossa negli spazi che le persone devonoutilizzare senza ridurre altrimenti i livelli di esposizione, i governi stanno effettivamente spingendo le persone a rischiare la propria salute e il proprio benessere. Il fatto che questa esclusione de facto delle persone vulnerabili dalla vita pubblica sia stata relativamente incontrastata è solo perché molte società si sono già abituate all'esclusione, alla povertà, alle malattie e alla morte di coloro che hanno maggiori probabilità di essere danneggiati dal covid-19.

Per alcuni commentatori, la variante omicron probabilmente più mite è percepita come un'opportunità per promuovere l'immunità del gregge attraverso l'infezione e compensare il ritardo dello sforzo vaccinale globale. Tuttavia, è sempre preferibile che l'immunità di gregge sia un prodotto con un'elevata copertura vaccinale, in particolare perché riduce anche il rischio di complicanze e sequele a lungo termine da covid-19 (covid lungo). Molti paesi europei hanno ampie fasce della popolazione non vaccinate, comprese le persone che svolgono occupazioni ad alto rischio e che si trovano ad affrontare la privazione economica, con dati che mostrano che ci sono spesso gradienti socioeconomici nell'adozione del vaccino.

Sebbene la precedente infezione da covid-19 sembri fornire protezione contro la reinfezione acuta da omicron, ha un limite e non sappiamo ancora quanto durerà.  Nonostante l'elevata prevalenza dell'infezione da omicron questo inverno, la successiva sottolinea BA.2 si è diffusa rapidamente in Danimarca  e nel Regno Unito, mantenendo un numero elevato di casi, pressione sui servizi sanitari e disgregazione sociale. È quindi altamente incerto quanta protezione potrebbe fornire l'attuale infezione con omicron contro qualsiasi variante futura. Inoltre, il contagio, a prescindere dalla variante coinvolta, espone le persone al rischio di covid a lungo, di cui stiamo ancora cercando di comprendere appieno l'onere e la prevalenza.

I dati che abbiamo finora mostrano che le maschere sono efficaci nel prevenire la trasmissione, in particolare all'interno. Tuttavia, l'efficacia aumenta con la proporzione di persone che li indossano. Le mascherine sono tra le misure non farmaceutiche più efficaci che abbiamo per covid-19  ma non sono adottate in modo coerente dalle comunità, ostacolando una chiara valutazione dell'impatto. Inoltre, gli investimenti insufficienti nelle indagini sulle epidemie, nel tracciamento dei contatti e nella segnalazione hanno reso più difficile catturare l'effetto protettivo delle mascherine negli ambienti del mondo reale.

La decisione di revocare qualsiasi misura di mitigazione del covid-19 dovrebbe essere presa attraverso un processo di dibattito pubblico trasparente, inclusivo e basato sull'evidenza considerando il quadro di responsabilità per ragionevolezza (che stabilisce un processo equo per il processo decisionale che coinvolga pubblicità, pertinenza, rivedibilità, ed esecuzione). Il processo decisionale dovrebbe considerare esplicitamente il diritto di ogni persona di essere protetto da danni evitabili e ragionevolmente prevedibili, mirare a ridurre la discriminazione e rafforzare l'autonomia individuale.

L'uso diffuso della mascherina dovrebbe rimanere parte dell'arsenale che ci aiuta a proteggere la salute delle persone e a ridurre l'onere sociale ed economico del covid-19, soprattutto se emergono nuove varianti che presentano un rischio di malattia più elevato e mettono a dura prova i servizi sanitari. Sarà difficile per i governi fare marcia indietro ora e reintrodurre i mandati delle mascherine nei luoghi chiusi pubblici e affollati. Ma l'attuale politica consentirà al covid-19 di diffondersi più facilmente, aumentando gli effetti dannosi del covid-19, inclusa la perpetuazione delle iniquità e dell'esclusione. Per attutire questi danni, i governi europei dovrebbero impegnarsi costantemente per dimostrare il valore aggiunto dell'indossare mascherine in spazi interni ad alto rischio con un'ampia popolazione che si mescola, cercando al contempo di mitigare l'impatto ambientale delle mascherine usa e getta e rendere l'uso della maschera finanziariamente accessibile a tutti.

 

 

Ultime News