Studio identifica un nuovo target molecolare per le terapie oncologiche

Oncologia | Redazione DottNet | 24/05/2022 13:42

Il VEGF-A può aumentare l'espressione dei recettori della dopamina D2 sulle cellule endoteliali che possono quindi essere stimolate per fermare la crescita dei vasi sanguigni che alimentano la crescita e la diffusione di diverse malattie, tra cui il cancro del colon

I ricercatori dell'Ohio State University Comprehensive Cancer Center - Arthur G. James Cancer Hospital e del Richard J. Solove Research Institute (OSUCCC - James) hanno identificato un nuovo target di farmaci molecolari che potrebbe portare a nuovi farmaci antitumorali con minori effetti collaterali.

Precedenti studi hanno dimostrato che il fattore di crescita vascolare endoteliale-A (VEGF-A) - una potente citochina (proteina di segnalazione) - e la dopamina (un neurotrasmettitore/neuroormone) svolgono ruoli essenziali in molte funzioni fisiologiche e patologiche. In questo nuovo studio di laboratorio, il dottor Sujit Basu e colleghi hanno condotto un'ulteriore analisi preclinica del VEGF-A come obiettivo per lo sviluppo di nuovi approcci terapeutici del cancro.

Il team ha scoperto per la prima volta che il VEGF-A può aumentare l'espressione dei recettori della dopamina D2 sulle cellule endoteliali che possono quindi essere stimolate per fermare la crescita dei vasi sanguigni che alimentano la crescita e la diffusione di diverse malattie, tra cui il cancro del colon, l'endometriosi e l'ovaio sindrome da iperstimolazione. Tale crescita dei vasi sanguigni è chiamata angiogenesi. Questo studio è pubblicato sul Journal of Cell Science.

"Questa è una scoperta molto convincente che apre nuove strade per lo sviluppo di una nuova terapia anti-angiogenica efficace per il trattamento del cancro e di altre malattie in cui il VEGF-A è un noto motore della crescita e della diffusione della malattia", ha affermato Basu, che funge anche da professore presso l'Ohio State University College of Medicine ed è membro del Translational Therapeutics Program presso l'OSUCCC - James. Basu osserva che, a differenza degli agenti anti-angiogenici anti-VEGF-A attualmente disponibili, gli agonisti selettivi del recettore della dopamina D2 sono economici e hanno effetti collaterali ben consolidati e gestibili.

"Questi farmaci sono privi dei gravi effetti collaterali degli agenti anti-angiogenici anti-VEGF-A attualmente utilizzati nelle cliniche. Riteniamo che meritino ulteriori indagini come approccio terapeutico praticabile nel cancro e in altre malattie guidate dal percorso VEGF-A ", ha detto Basu. I ricercatori prevedono di iniziare a testare questi farmaci attraverso studi clinici nel prossimo futuro.

 

fonte: world pharma news

.

Ultime News