Canali Minisiti ECM

Snami: il futuro è l'assistenza primaria

Sindacato Redazione DottNet | 24/04/2024 11:20

Testa: "Molte le criticità relative alle case di comunità e ai Centri di Accoglienza Urgenze (CAU). Occorre una revisione delle strategie operative per garantire una presa in carico più efficace dei pazienti"

-Il Presidente nazionale SNAMI Angelo Testa è stato protagonista di una tavola rotonda per migliorare gli Accessi al Pronto Soccorso ed implementare il DM77 per una migliore presa in carico dei pazienti che si è tenuta nella capitale presso AGENAS.

Durante l'intervento, il Presidente Testa ha fornito un'analisi reale delle attuali sfide e opportunità nell'ambito dell'assistenza sanitaria d'urgenza. Ha sottolineato in particolare le criticità relative alle case di comunità e ai Centri di Accoglienza Urgenze (CAU), evidenziando la necessità di una revisione delle strategie operative per garantire una presa in carico più efficace dei pazienti.

pubblicità

Ha espresso profonde perplessità riguardo alla possibilità che i medici di famiglia siano presenti contemporaneamente nei loro studi e nelle case di comunità, sottolineando la necessità di chiarire e ottimizzare il ruolo dei professionisti della salute nelle diverse strutture sanitarie. Il Presidente ha in ultimo sollevato preoccupazioni riguardo i CAU, temendo che possano rappresentare non solo un costoso sdoppiamento dell'assistenza primaria, ma anche una soluzione errata a un problema che potrebbe richiedere approcci innovativi ed integrati.

"Rimaniamo impegnati-conclude il leader dello Snami- nella ricerca di soluzioni sostenibili e collaborative per affrontare le sfide attuali e prossime future nel settore sanitario ,esclusivamente per le azioni che siano sostenibili eticamente e fattivamente.

Commenti

I Correlati

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Ti potrebbero interessare

“La professione medica rimane sostanzialmente refrattaria a modelli organizzativi improntati a criteri meramente economici"

I sindacati in audizione al Senato, presso la Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale, sul disegno di legge 73/2024

"Alcune norme rispondono parzialmente alle nostre richieste, altre sono da emendare"

"In merito alle dichiarazioni del sig. Butti, ci preme sottolineare che non ci risultano interlocuzioni avviate con noi e non siamo convinti che il Fascicolo Sanitario Elettronico e l'intelligenza artificiale rappresentino la soluzione"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie