Canali Minisiti ECM

Mieloma multiplo: approvazione europea per la terapia CAR-T ciltacabtagene autoleucel a partire dalla seconda linea di trattamento

Farmaci Redazione DottNet | 24/04/2024 11:12

Si tratta della prima terapia a base di CAR-T mirata all’antigene di maturazione delle cellule B (BCMA) approvata dalla Commissione europea per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo recidivato e refrattario che abbiano ricevuto almeno una l

Si tratta della prima terapia a base di CAR-T mirata all’antigene di maturazione delle cellule B (BCMA) approvata dalla Commissione europea per il trattamento di pazienti con mieloma multiplo recidivato e refrattario che abbiano ricevuto almeno una linea di terapia precedente

Johnson & Johnson annuncia che la Commissione europea ha approvato l’estensione di indicazione per ciltacabtagene autoleucel (cilta-cel) - terapia innovativa a base di cellule T con recettore dell'antigene chimerico (CAR-T) - per il trattamento di pazienti adulti con mieloma multiplo recidivato e refrattario (RRMM),che hanno ricevuto almeno una precedente terapia, inclusi un agente immunomodulante e un inibitore del proteasoma, nei quali si è verificata progressione della malattia durante l’ultima terapia e sono refrattari a lenalidomide.1

Cilta-cel è una terapia a base di CAR-T diretta contro l'antigene di maturazione delle cellule B (BCMA), una proteina altamente espressa sulle cellule del mieloma.1 Con questa approvazione, cilta-cel diventa la prima terapia CAR-T diretta al BCMA approvata in Europa per il trattamento di pazienti idonei già alla prima ricaduta.1

pubblicità

Il mieloma multiplo è un tumore raro del sangue, ad oggi incurabile. Nel nostro paese, si contano ogni anno circa 6.000 nuove diagnosi.2 La maggior parte delle persone con mieloma ha una recidiva di malattia dopo il primo trattamento.3 Con il progredire della malattia, il susseguirsi delle recidive e dei trattamenti, il mieloma diventa sempre più difficile da trattare, con periodi di remissione sempre più brevi e con un aumento dei tassi di tossicità e comorbidità.4 A causa della frequenza e aggressività delle ricadute è necessario sviluppare nuove terapie in grado di colpire la malattia attraverso diversi meccanismi d’azione e, soprattutto, in fasi più precoci del percorso terapeutico.3

«Cilta-cel è una terapia cellulare altamente innovativa e personalizzata che continua a mostrare risultati positivi in pazienti che necessitano di nuove opzioni terapeutiche», dichiara Edmond Chan, MBChB, M.D. (Res), EMEA Therapeutic Area Lead Haematology, Johnson & Johnson Innovative Medicine. «L'approvazione di oggi rappresenta un importante passo avanti per i pazienti con mieloma multiplo idonei a questo trattamento, che ora possono beneficiare di cilta-cel in una fase terapeutica più precoce, dove può essere ancora possibile trasformare i risultati e cambiare la traiettoria della malattia».

L'estensione di indicazione per questa terapia si basa sui risultati dello studio di fase 3 CARTITUDE-4 (NCT04181827), pubblicati sul The New England Journal of Medicine.5 Lo studio ha valutato l'efficacia e la sicurezza di cilta-cel in pazienti con mieloma multiplo recidivato e refrattario alla lenalidomide (n=419),6 che avevano ricevuto almeno una linea di terapia precedente (range, 1-3), tra cui un inibitore del proteasoma e un agente immunomodulante.1 I pazienti sono stati randomizzati a ricevere una sequenza di aferesi, terapia ponte (bridge therapy), linfodeplezione e cilta-cel (n=208) o lo standard di cura (SOC), che comprendeva daratumumab, pomalidomide e desametasone (DPd) o pomalidomide, bortezomib e desametasone (PVd) (n=211).1

A un follow-up mediano di 15,9 mesi, una singola infusione di cilta-cel è stata associata a un rischio significativamente inferiore di progressione della malattia o di morte rispetto al SOC (hazard ratio [HR]: 0,26; intervallo di confidenza al 95 per cento [CI], 0,2-0,4).1 La durata mediana della sopravvivenza libera da progressione (mPFS) non è stata raggiunta nel braccio cilta-cel ed è stata di 11 mesi in quello SOC. A 12 mesi, il tasso stimato di PFS è stato del 76 per cento nel braccio cilta-cel (95 percento CI, 69-81) e del 49 per cento nel braccio SOC (95 per cento CI, 42-55).1 I pazienti nel braccio cilta-cel hanno raggiunto un tasso di risposta globale (ORR) dell'85 per cento e il 73 per cento ha ottenuto una risposta completa (CR) o migliore (>CR).1 Tra i pazienti nel braccio SOC, l'ORR è stato del 67 per cento e la risposta completa o migliore (≥CR) del 22 per cento.1 Il tasso complessivo di negatività della malattia minima residua (MRD) è stato più alto nel braccio cilta-cel (61per cento) rispetto al braccio SOC (16 per cento).1 A un follow-up mediano di 28,7 mesi, non è stato possibile stimare la sopravvivenza globale (OS) mediana in nessuno dei due bracci dello studio (cilta-cel: 95 percento CI, NE-NE; SOC: 95 per cento CI, 34-NE), ma vi è una tendenza a favore di cilta-cel (HR: 0,57; 95 per cento CI, 0,4-0,8).1

«I pazienti con mieloma multiplo refrattario alla lenalidomide tendono a manifestare una resistenza precoce ai trattamenti standard, portando ad un peggioramento esponenziale della loro malattia dopo ogni linea di terapia aggiuntiva», commenta il Professor Jesús San Miguel, Director of Clinical & Translational Medicine, Universidad de Navarra.† «Una singola infusione di cilta-cel ha dimostrato di riuscire a ridurre significativamente il rischio di progressione o di morte rispetto alle opzioni terapeutiche attualmente disponibili, già dopo la prima ricaduta».

I risultati relativi agli eventi avversi (AE) sono stati pubblicati sul The New England Journal of Medicine (n=208 in ciascun braccio). In particolare, gli AE di grado 3 o 4 più comuni in entrambi i gruppi sono stati di tipo ematologico, tra cui neutropenia (cilta-cel: 90 per cento; SOC: 82 per cento), trombocitopenia (cilta-cel: 41 per cento; SOC: 19 per cento) e anemia (cilta-cel: 36 per cento; SOC: 14 per cento).6 Gli effetti collaterali gravi sono stati segnalati in 92 pazienti (44percento) nel braccio cilta-cel e in 81 pazienti (39 per cento) nel braccio SOC.6 Le infezioni si sono verificate nel 62 per cento e nel 71 percento dei pazienti nei bracci cilta-cel e SOC, rispettivamente.5 Complessivamente, 39 pazienti nel braccio cilta-cel e 46 pazienti nel braccio SOC sono deceduti; dieci pazienti trattati con cilta-cel e cinque trattati con il SOC sono deceduti a causa di AE associati al trattamento.6 La sindrome da rilascio di citochine (CRS) si è verificata nel 76 per cento (un percento di grado 3 o 4) dei 176 pazienti che hanno ricevuto cilta-cel.6

Oltre all'estensione di indicazione, la Commissione europea ha anche approvato la conversione dell'autorizzazione all'immissione in commercio (AIC) condizionata per cilta-cel in un'AIC standard, in quanto gli obblighi dell'approvazione condizionata sono stati soddisfatti.1

«In J&J siamo spinti dall’ambizione di far progredire la ricerca scientifica, con l’obiettivo di rispondere alle esigenze dei pazienti in ogni fase di questa malattia complessa», conclude Jordan Schecter, M.D., Vice President, Disease Area Leader, Multiple Myeloma, Johnson & Johnson Innovative Medicine. «Cilta-cel è solo uno dei tasselli attraverso i quali stiamo cercando di ridefinire il panorama di trattamento del mieloma multiplo con lo scopo di ottenere remissioni durature per i pazienti. La nostra mission è rendere il cancro una condizione gestibile, persino curabile e l'approvazione di oggi rappresenta un importante passo avanti nel raggiungimento di questo obiettivo».

L'approvazione della Commissione europea per cilta-cel segue l'approvazione della Food and Drug Administration (FDA) statunitense del 5 aprile 2024 per un’indicazione analoga.7

Le terapie CAR-T necessitano di un processo produttivo molto complesso, per ottimizzare il quale J&J ha affrontato una serie di investimenti finalizzati alla realizzazione e apertura di un nuovo sito produttivo dedicato a queste terapie a Gent, in Belgio. Una volta finalizzato, sarà uno dei più grandi stabilimenti per la produzione di terapie cellulari CAR-T. In aggiunta, J&J sta prevedendo anche una serie di partnership strategiche volte favorire la disponibilità di queste terapie, come il recente accordo con Legend e Novartis per la commercializzazione e produzione di cilta-cel.

Bibliografia

    • European Medicines Agency. CARVYKTI (ciltacabtagene autoleucel) Summary of Product Characteristics. April 2024.
    • Bhatt P, Kloock C, Comenzo R. Relapsed/Refractory Multiple Myeloma: A Review of Available Therapies and Clinical Scenarios Encountered in Myeloma Relapse. Curr Oncol. 2023;30(2):2322-2347.
    • Fonseca R, et al. Frontline treatment patterns and attrition rates by subsequent lines of therapy in patients with newly diagnosed multiple myeloma. BMC Cancer. 2020;20(1):1087.
    • San-Miguel J, et al. Cilta-cel or Standard Care in Lenalidomide-Refractory Multiple Myeloma. N Engl J Med 2023;389(4):335-347.
    • ClinicalTrials.gov. A Study Comparing JNJ-68284528, a CAR-T Therapy Directed Against B-cell Maturation Antigen (BCMA), Versus Pomalidomide, Bortezomib and Dexamethasone (PVd) or Daratumumab, Pomalidomide and Dexamethasone (DPd) in Participants With Relapsed and Lenalidomide-Refractory Multiple Myeloma (CARTITUDE4). Available at: https://clinicaltrials.gov/study/NCT04181827. Last accessed: April 2024.
    • Martin T, et al. Ciltacabtagene Autoleucel, an Anti–B-cell Maturation Antigen Chimeric Antigen Receptor T-Cell Therapy, for Relapsed/Refractory Multiple Myeloma: CARTITUDE-1 2-Year Follow-Up. J Clin Oncol 2022;41:1265- 1274.
    • Frerichs KA, et al. Preclinical Activity of JNJ-7957, a Novel BCMA×CD3 Bispecific Antibody for the Treatment of Multiple Myeloma, Is Potentiated by Daratumumab. Clin Cancer Res 2020;26(9):2203-2215.
    • Cho SF, et al. Targeting B Cell Maturation Antigen (BCMA) in Multiple Myeloma: Potential Uses of BCMA-Based Immunotherapy. Front Immunol 2018;10(9):1821.
    • Tai YT, et al. Targeting B-cell maturation antigen in multiple myeloma. Immunotherapy 2015;7(11):1187-1199.
    • Abdi J, et al. Drug resistance in multiple myeloma: latest findings on molecular mechanisms. Oncotarget 2013;4(12):2186-2207.

Commenti

I Correlati

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

In occasione della Giornata Nazionale contro le leucemie AIL presenta cinque progetti di Ricerca Indipendente finanziati a SIE, SIES, GITMO, FIL e AIEOP

Quattro milligrammi al giorno tre ore prima di coricarsi: con questi tempi e con questa dose la melatonina è davvero efficace contro l'insonnia

Ti potrebbero interessare

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Quattro milligrammi al giorno tre ore prima di coricarsi: con questi tempi e con questa dose la melatonina è davvero efficace contro l'insonnia

Studio italiano sulla molecola che cura le leucemie

Con una media di due nuove terapie all’anno, l’azienda prevede di presentare 15 richieste di autorizzazione per i tumori del sangue, tre nel tumore della prostata, tre nel polmone, quattro nella vescica e oltre cinque in altre aree

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie