Ricaduta dei sintomi Covid dopo l'assunzione di Paxlovid

Farmaci | Redazione DottNet | 23/06/2022 10:53

Il riacutizzarsi del Covid sembra essere stato il risultato di un'esposizione insufficiente al farmaco

Paxlovid è il principale farmaco orale per prevenire casi gravi di COVID-19 in soggetti ad alto rischio. Tuttavia, i sintomi sono tornati in alcuni pazienti dopo il completamento del trattamento, spingendo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) a emettere un avviso sanitario su questo cosiddetto "rimbalzo del COVID-19".

In uno studio pubblicato il 20 giugno 2022 su Clinical Infectious Diseases, i ricercatori della San Diego School of Medicine dell'Università della California hanno valutato uno di questi pazienti e hanno scoperto che la loro ricaduta dei sintomi non era causata dallo sviluppo di resistenza al farmaco o da una ridotta immunità contro il virus. Piuttosto, il rimbalzo di COVID-19 sembra essere stato il risultato di un'esposizione insufficiente al farmaco.

Dopo che una sperimentazione clinica ha dimostrato che Paxlovid potrebbe ridurre dell'89% il rischio di ospedalizzazione e morte per COVID-19, il farmaco è stato reso disponibile in base a un'autorizzazione all'uso di emergenza dalla Food and Drug Administration statunitense nel dicembre 2021. Il trattamento consiste in due farmaci - nirmatrelvir e ritonavir - che lavorano insieme per sopprimere SARS-CoV-2 bloccando un enzima che consente al virus di replicarsi nel corpo. È più facile da assumere a casa rispetto a farmaci come Remdesivir, che richiedono l'iniezione endovenosa. Il trattamento deve essere iniziato entro cinque giorni dall'insorgenza dei sintomi e assunto due volte al giorno per cinque giorni consecutivi.

Il team di ricerca, guidato dall'autore senior Davey M. Smith, MD, capo delle malattie infettive e della salute pubblica globale presso la UC San Diego School of Medicine e specialista in malattie infettive presso la UC San Diego Health, si è proposto di comprendere meglio le cause di COVID- 19 rimbalzo dopo il trattamento con Paxlovid.

Per prima cosa hanno isolato il virus SARS-CoV-2 BA.2 da un paziente di rimbalzo COVID-19 e hanno testato se avesse sviluppato resistenza ai farmaci. Hanno scoperto che dopo il trattamento con Paxlovid, il virus era ancora sensibile al farmaco e non mostrava mutazioni rilevanti che avrebbero ridotto l'efficacia del farmaco.

"La nostra principale preoccupazione era che il coronavirus potesse sviluppare resistenza a Paxlovid, quindi scoprire che non era così è stato un enorme sollievo", ha detto il primo autore Aaron F. Carlin, MD, PhD, assistente professore presso la UC San Diego School of Medicine .

Il team ha quindi campionato il plasma del paziente per testare la loro immunità contro SARS-CoV-2. Gli anticorpi del paziente erano ancora efficaci nel bloccare l'ingresso del virus e nell'infettare nuove cellule, suggerendo che anche la mancanza di immunità mediata da anticorpi non era la causa dei sintomi ricorrenti del paziente.

Gli autori hanno affermato che il rimbalzo dei sintomi di COVID-19 dopo la fine del trattamento con Paxlovid è probabilmente dovuto all'insufficiente esposizione al farmaco: non una quantità sufficiente del farmaco raggiungeva le cellule infette per fermare tutta la replicazione virale. Hanno suggerito che ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il farmaco viene metabolizzato più rapidamente in alcuni individui o che il farmaco deve essere somministrato per una durata del trattamento più lunga.

In futuro, Carlin ha affermato di sperare che i medici saranno in grado di verificare se i pazienti richiedono una durata più lunga del trattamento con Paxlovid o se potrebbero essere trattati al meglio con una combinazione di farmaci. Nel frattempo, gli utenti di Paxlovid dovrebbero essere consapevoli della possibilità di un rimbalzo dei sintomi ed essere preparati a indossare nuovamente maschere e mettere in quarantena se i sintomi dovessero ripresentarsi. Sono necessarie ulteriori ricerche per misurare la frequenza con cui si verifica il rimbalzo, quali popolazioni di pazienti sono più suscettibili e se la recidiva dei sintomi può portare a malattie più gravi.

"L'obiettivo di Paxlovid è prevenire gravi malattie e decessi, e finora nessuno che si è ammalato di nuovo ha avuto bisogno di essere ricoverato in ospedale, quindi sta ancora facendo il suo lavoro", ha detto Smith. "Dobbiamo semplicemente capire perché il rimbalzo si verifica in alcuni pazienti e non in altri. Sono necessarie ulteriori ricerche per aiutarci ad adattare i piani di trattamento secondo necessità".

 

fonte: world pharma news

Ultime News