Il javascript risulta disabilitato nel browser.
Per una corretta navigazione abilita il javascript nel browser
e aggiorna la pagina.
Per eventuali informazioni puo contattare il numero 800.014.863
oppure può scrivere una mail all'indirizzo redazione@merqurio.it

L'ondata di focolai di poliomielite allarma gli scienziati. Il poliovirus derivato dal vaccino avrebbe infettato molte persone

Infettivologia | Redazione DottNet | 24/08/2022 19:39

I campioni di acque reflue analizzati in diverse aree suggeriscono che il virus sta circolando più di quanto s'immaginasse

La scoperta del poliovirus nello stato di New York, Londra e Gerusalemme quest'anno ha colto molti di sorpresa, ma i ricercatori della sanità che lottano per eradicare la malattia affermano che era solo questione di tempo. "Nessun paese al mondo è immune dagli effetti della poliomielite", afferma Zulfiqar Bhutta, ricercatore di salute globale presso l'Università Aga Khan di Karachi, in Pakistan. "È tutto interconnesso."

Il virus trovato in queste regioni è derivato da un vaccino antipolio orale utilizzato in alcuni paesi. Finora sono stati segnalati solo due casi di paralisi correlata alla poliomielite, a Gerusalemme a febbraio ea New York il primo giugno ; l'infezione di New York è stato il primo caso negli Stati Uniti in quasi un decennio. Ma i campioni di acque reflue in tutte e tre le aree suggeriscono che il virus sta circolando più ampiamente.

La poliomielite provoca una paralisi irreversibile in meno di una persona su 200 suscettibile che infetta, quindi i casi di paralisi suggeriscono che molte altre persone sono state infettate, afferma Walter Orenstein, che studia le malattie infettive alla Emory University di Atlanta, in Georgia. "Casi del genere sono solo la punta dell'iceberg", dice. "È molto preoccupante." La rivista Nature ha parlato con i ricercatori della portata dell'epidemia e di cosa si può fare per fermarlo.

Perché si verificano questi focolai?

Il poliovirus selvaggio circola solo in due paesi - Afghanistan e Pakistan - dove quest'anno erano stati segnalati nove casi entro giugno. Ma il poliovirus derivato dal vaccino compare periodicamente altrove, in particolare in Africa e in Asia. Questi casi derivano da un vaccino orale ampiamente utilizzato che contiene virus vivi e indeboliti che a volte mutano in una forma pericolosa in grado di infettare il sistema nervoso. Né gli Stati Uniti né il Regno Unito utilizzano quel vaccino, optando invece per un vaccino iniettabile contenente virus inattivato. Questo vaccino può impedire al virus di infettare il sistema nervoso, ma non è efficace quanto il virus orale nel ridurre la diffusione virale e nell'arrestare la trasmissione, afferma Raul Andino-Pavlovsky, microbiologo dell'Università della California, San Francisco.

Gli alti tassi di vaccinazione contro la poliomielite nel Regno Unito, in Israele e negli Stati Uniti significano che alla maggior parte dei bambini verranno risparmiati gli effetti peggiori del virus (circa il 94% dei bambini statunitensi di 5 e 6 anni è vaccinato). Ma le persone non vaccinate sono vulnerabili alla malattia. "Questo virus è molto, molto bravo a trovare individui non vaccinati", afferma Orenstein. Negli anni '90, un'epidemia di poliovirus nei Paesi Bassi ha stabilito un punto d'appoggio in una comunità con un tasso di vaccinazione relativamente basso, nonostante la copertura vaccinale complessiva del paese di oltre il 90%, afferma Oliver Rosenbauer, portavoce della Global Polio Eradication Initiative of the World Organizzazione sanitaria (OMS) a Ginevra, Svizzera. L'epidemia ha provocato 2 morti e 59 casi di paralisi e si è verificata 14 anni dopo l'ultimo caso endemico di poliomielite nel paese.

Il poliovirus si è diffuso oltre le regioni in cui è stato identificato per la prima volta?

La sorveglianza delle acque reflue per la poliomielite è rara nei paesi ricchi; il Regno Unito controlla regolarmente le acque reflue per la malattia solo a Londra e Glasgow. E New York ha iniziato a testare le acque reflue a luglio, dopo che i funzionari hanno appreso del caso di paralisi correlata alla poliomielite. Quindi non è chiaro fino a che punto il virus possa essersi diffuso. Ma c'è motivo di sperare che non sia andato lontano: a Londra, che da febbraio rileva il poliovirus nelle acque reflue, il virus sembra essere rimasto concentrato nel nord e nell'est della città e non ci sono state segnalazioni di polio- paralisi correlata. "Sembra essere abbastanza localizzato, anche all'interno di Londra", afferma l'epidemiologo di malattie infettive Nicholas Grassly all'Imperial College di Londra.

A New York, il virus è stato rilevato in due contee oltre a New York City, una diffusione geografica "molto preoccupante", afferma Orenstein. "Suggerisce che abbiamo avuto una trasmissione sostanziale". I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) daranno la priorità alla sorveglianza delle acque reflue per la poliomielite nelle comunità sotto vaccinate legate al caso di paralisi. "Il test del poliovirus dai campioni di acque reflue richiede molto lavoro e risorse", ha detto a Nature un portavoce del CDC . Ma i sistemi di sorveglianza istituiti per monitorare il coronavirus SARS-CoV-2 stanno lavorando per fornire supporto, ha aggiunto.

Si possono contenere i focolai?

Gli Stati Uniti, Israele e il Regno Unito stanno tutti aumentando gli sforzi di vaccinazione, che dovrebbero colmare le lacune create durante la pandemia di COVID-19. Ciò include uno sforzo ambizioso per vaccinare tutti i bambini di età compresa tra uno e nove anni a Londra. uesta strategia dovrebbe stroncare i focolai sul nascere, afferma Grassly. Ma le campagne a Londra e New York utilizzeranno il vaccino iniettabile, quindi non fermeranno la trasmissione del virus.

Se, in circa sei mesi, i test sulle acque reflue suggeriscono che il poliovirus ha continuato a diffondersi, potrebbe essere necessario considerare altre opzioni, afferma. Ad esempio, nel 2020 l'OMS ha elencato un nuovo vaccino antipolio orale per l'uso di emergenza. Questo vaccino contiene il poliovirus indebolito. Ma i ricercatori hanno utilizzato la conoscenza del genoma del virus, incluso il modo in cui un enzima soggetto a errori coinvolto nella replicazione del genoma può generare cambiamenti genetici, per creare una serie di mutazioni che impediscono al virus di riacquistare la sua capacità di infettare il sistema nervoso. "È come mettere il virus in una gabbia evolutiva", afferma Andino-Pavlovsky, che ha contribuito a progettare il vaccino.

Quel vaccino non è ancora stato sottoposto a test umani su larga scala e non è stato approvato dalle autorità di regolamentazione del Regno Unito o degli Stati Uniti. Ma più di 100 milioni di persone l'hanno ricevuto, dice Andino-Pavlovsky, senza segni di comparsa di poliovirus derivato dal vaccino.

Qual è lo stato delle epidemie di poliomielite altrove?

Le epidemie nei paesi ricchi ricevono molta attenzione, afferma Rosenbauer. "Ma negli ultimi 20 anni, abbiamo avuto molti, molti focolai gravi in ​​tutto il mondo nei paesi in via di sviluppo". Rosenbauer afferma che ci sono segnali incoraggianti che la battaglia per eradicare la poliomielite sta facendo progressi, nonostante l'interruzione causata dal COVID-19. I focolai in Yemen e in alcuni paesi dell'Africa sono ancora attivi, dice, ma la loro portata si sta restringendo. In luoghi dove c'è conflitto armato, come le aree dell'Afghanistan e dello Yemen, la vaccinazione è difficile. "Abbiamo bisogno della volontà politica di attuare un piano per raggiungere tutti i bambini in aree difficili", afferma. Altrimenti, "la malattia tornerà a livello globale".

 

fonte: Nature

Ultime News