Canali Minisiti ECM

Di Silverio (Anaao): medici in pensione a 72 anni è un'offesa a tutta la categoria

Sindacato Redazione DottNet | 09/12/2022 17:23

"Una proposta del genere non solo non riduce il ricorso alle cooperative per il lavoro notturno e festivo, a meno che non si pensi ad accompagnarla a un siero della giovinezza, ma produce congelamento delle carriere e delle assunzioni con un danno c

"Una proposta del genere non solo non riduce il ricorso alle cooperative per il lavoro notturno e festivo, a meno che non si pensi ad accompagnarla a un siero della giovinezza, ma produce congelamento delle carriere e delle assunzioni con un danno consistente per le donne e giovani"

La proposta di aumentare, sia pure su base volontaria, l’età pensionabile dei medici ospedalieri e universitari a 72 anni, contenuta in un emendamento della maggioranza parlamentare alla legge di bilancio 2023, rappresenta – secondo Pierino Di Silverio Segretario Nazionale Anaao Assomed - una toppa peggiore del buco per il SSN oltre che un'offesa a tutta categoria e a quelle risorse su cui si dovrebbe investire. "Non solo – spiega Di Silverio - perchè non risponde all’obiettivo dichiarato di sopperire alla cronica carenza di medici, che richiede misure che il Governo conosce ma non vuole applicare, ma anche perchè pone in essere metodologie inconcepibili di reclutamento rappresentando una beffa rispetto al grido di auto che proviene ormai da tempo da tutto il mondo sanitario".

"Viviamo una crisi professionale senza precedenti, abbiamo già l'età media di medici dipendenti più alta in Europa, con il 56% che ha più di 55 anni, usciamo fuori da anni drammatici in cui ritmi e carichi di lavoro sono aumentati a livelli insopportabili e le liste di attesa diventate infinite. Non è accettabile che l'unica risposta del Governo e del Parlamento sia un rattoppo". "Una proposta del genere – prosegue Di Silverio - non solo non riduce il ricorso alle cooperative per il lavoro notturno e festivo, a meno che non si pensi ad accompagnarla a un siero della giovinezza, ma produce congelamento delle carriere e delle assunzioni con un danno consistente per le donne e i giovani, proprio in un momento in cui l’incremento del numero di contratti di formazione specialistica ha aumentato la disponibilità di specialisti".

pubblicità

"È evidente – avverte - che nei prossimi anni senza una adeguata politica di assunzioni l’Italia rischia un’importante carenza proprio nel pieno di una transizione demografica ed epidemiologica che richiede il rafforzamento dei servizi. Insomma servono assunzioni e incentivi veri per i giovani non provvedimenti estetici per rinvigorire i non più giovani". "Contestiamo la mancanza di investimenti in sanità, l’assenza di programmazione, il chiaro shifting verso un sistema di cure iniquo e privatistico, la destrutturazione della professione e consideriamo questo emendamento uno sberleffo, utile solo a salvare qualche potentato". "Non solo il 15 dicembre l'intersindacale scenderà in piazza a Roma – conclude Di Silverio - ma continueremo a lottare anche uscendo dagli ospedali fino a quando non si comprenderà che il Servizio Sanitario Nazionale è una cosa seria come il diritto alla salute dei cittadini".

Commenti

I Correlati

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

L'erogazione va cumulata al reddito autonomo dell’anno ai fini fiscali, ma, per chi ha scelto di aderire al regime forfettario, non partecipa al calcolo per il raggiungimento della soglia di 85.000 euro

Ti potrebbero interessare

“La professione medica rimane sostanzialmente refrattaria a modelli organizzativi improntati a criteri meramente economici"

I sindacati in audizione al Senato, presso la Commissione Affari sociali, sanità, lavoro pubblico e privato, previdenza sociale, sul disegno di legge 73/2024

"Alcune norme rispondono parzialmente alle nostre richieste, altre sono da emendare"

"In merito alle dichiarazioni del sig. Butti, ci preme sottolineare che non ci risultano interlocuzioni avviate con noi e non siamo convinti che il Fascicolo Sanitario Elettronico e l'intelligenza artificiale rappresentino la soluzione"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie