Canali Minisiti ECM

Oms: è allarme enterovirus nei neonati, sette decessi in Francia. Bassetti: vigilare in Italia

Infettivologia Redazione DottNet | 01/06/2023 16:49

Tutti i casi segnalati presentavano uno o più segni clinici meno di sette giorni dopo la nascita, suggerendo una via di trasmissione da madre a figlio

L'Organizzazione mondiale della sanità lancia l'allerta per l'aumento di casi gravi di infezione neonatale dovuti a un tipo di enterovirus che ha portato a 7 decessi tra neonati in Francia. "Sulla base delle limitate informazioni disponibili", l'Oms valuta che "il rischio per la salute pubblica per la popolazione generale sia basso, nonostante la natura preoccupante dell'aumento". L'allerta deriva da una segnalazione della Francia dove, tra luglio 2022 e aprile 2023, sono stati segnalati un totale di 9 casi di sepsi neonatale associata a Echovirus-11 (E-11): con compromissione del fegato e danni a diversi organi da 4 ospedali in tre regioni della Francia. Al 5 maggio 2023, sette di questi erano deceduti e due erano ancora ricoverati nell'unità neonatale. Tutti i casi segnalati presentavano uno o più segni clinici meno di sette giorni dopo la nascita, suggerendo una via di trasmissione da madre a figlio. L'aumento dell'incidenza e della gravità nei neonati, associato a un lignaggio ricombinante di E-11 che in precedenza non era stato rilevato in Francia, scrive l'Oms, è "insolito a causa del rapido aggravarsi delle condizioni di salute e del tasso di mortalità associato tra i bambini colpiti".

Bassetti (San Martino): 'vigilare attentamente anche in italia'

pubblicità

"Si deve vigilare attentamente. La Francia - spiega in un tweet Matteo Bassetti, direttore di Malattie Infettive all'ospedale San Martino di Genova - è vicino a noi e alcuni casi si verificheranno anche in Italia o probabilmente potrebbero già essersi verificati. Occorre vigilare su questo virus nei neonati e nei bambini. Ricercarlo quando ci sono sintomi. Nessun allarme ma molta attenzione anche dal punto di vista dei laboratori che devono essere pronti per cercarlo nelle feci dei bambini".

Gli enterovirus sono più rischiosi per i neonati

Gli enterovirus sono un gruppo di virus che appartengono alla famiglia dei picornavirus, ovvero dei piccoli virus a RNA. Possono causare varie malattie infettive, generalmente lievi, ma è stato riscontrato che colpiscono i neonati in modo diverso e talvolta più grave rispetto ai bambini più grandi e agli adulti. Esistono diverse vie di trasmissione, ad esempio nel periodo neonatale o durante il parto possono avvenire per esposizione a sangue materno o per stretto contatto con operatori sanitari infetti. Pochi giorni fa un altro allerta dell'Oms aveva riguardato l'aumento, in Gran Bretagna, di miocarditi nei neonati dovute un altro tipo di enterovirus.

Commenti

I Correlati

La disponibilità della PREP, il trattamento antiretrovirale per tutte le persone con HIV sono già una realtà consolidata nella Capitale; l’ulteriore espansione di esperienze community based potrebbe diffondere il test precoce

Il 30 giugno cesserà l'obbligo di indossare la mascherina per i lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie all'interno dei reparti che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi

Ciccozzi: "Con la sua capacità di causare focolai significativi tra gli uccelli e il potenziale di trasmissione agli esseri umani, richiede una vigilanza costante e un'efficace risposta coordinata"

Diagnosticato all'Irccs di Negrar, la paziente ha viaggiato di recente nella regione tropicale caraibica. Cos'è, trasmissione e sintomi del virus

Ti potrebbero interessare

Il rischio di trasmissione del virus ormai è prossimo allo zero

La disponibilità della PREP, il trattamento antiretrovirale per tutte le persone con HIV sono già una realtà consolidata nella Capitale; l’ulteriore espansione di esperienze community based potrebbe diffondere il test precoce

Il 30 giugno cesserà l'obbligo di indossare la mascherina per i lavoratori, utenti e visitatori delle strutture sanitarie all'interno dei reparti che ospitano pazienti fragili, anziani o immunodepressi

Ciccozzi: "Con la sua capacità di causare focolai significativi tra gli uccelli e il potenziale di trasmissione agli esseri umani, richiede una vigilanza costante e un'efficace risposta coordinata"

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie