Canali Minisiti ECM

Ecco dove si nascondono i virus nel corpo umano, dal Covid al morbillo fino a Ebola, Hiv, Hcv

Infettivologia Redazione DottNet | 04/07/2023 19:54

I virus a RNA come il virus dell'epatite C 5 e l'HIV 6 possono eludere il controllo immunitario e possono produrre continuamente virioni infettivi per tutta la vita del paziente

La questione di come SARS-CoV-2 persiste nel corpo ha riorientato gli scienziati sulla questione di dove i virus persistono negli esseri umani più in generale. Andy Extance riassume una situazione complessa

Dove i virus conosciuti indugiano nel corpo?

pubblicità

Le particelle virali spesso si nascondono in "siti immunoprivilegiati" intorno al corpo umano, a volte chiamati anche siti santuario, che il nostro sistema immunitario non monitora o protegge così da vicino come il resto del nostro corpo. 1 Questi includono il cervello, il midollo spinale, l'utero gravido, i testicoli e gli occhi, per i quali il danno da parte delle cellule immunitarie sarebbe altamente problematico. I testicoli possono ospitare virus Zika 2 ed Ebola 3 , per esempio.

Virus come l'influenza e il SARS-CoV-2 infettano principalmente le vie respiratorie ma possono spostarsi altrove. I virus dell'influenza possono persistere dopo l'infezione nel tratto intestinale e nelle feci delle persone, 4 attraverso le secrezioni ingerite dal naso e dalla gola oi virus nel sangue. L'HIV è un virus latente che inserisce il proprio genoma nel DNA delle cellule immunitarie di una persona, in particolare le cellule T ei macrofagi. Il virus dell'epatite C latente risiede nel fegato.

Negli ultimi 20-30 anni le misurazioni di laboratorio sono diventate abbastanza sensibili da rilevare l'RNA virale al di fuori dei santuari conosciuti. 1

"Siamo stati sorpresi di scoprire che questo era comune nel morbillo: il suo sito principale di persistenza è il tessuto linfoide", afferma Diane Griffin, microbiologa e immunologa presso la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health di Baltimora, nel Maryland. "Chiunque guardi ora troverà l'RNA persistente, probabilmente, dopo un'infezione virale acuta". Tali segni sono stati trovati nel sangue, nelle articolazioni, nel tratto respiratorio, nei tessuti gastrointestinali e nei reni. Alcuni virus possono rimuovere i segni esterni che una cellula è infetta, permettendo loro di sfuggire all'attenzione del sistema immunitario in luoghi al di fuori dei santuari convenzionali.

Cosa fanno lì?

I virus interi, chiamati anche virioni, comprendono RNA o DNA circondati da un rivestimento proteico. Quelli che persistono nei possono continuare a infettare gradualmente le cellule intorno a loro. Lì dirottano le cellule ospiti per fare copie di se stesse. I virus a RNA come il virus dell'epatite C 5 e l'HIV 6 possono eludere il controllo immunitario e possono produrre continuamente virioni infettivi per tutta la vita del paziente.

Per quanto tempo possono nascondersi i virus?

 Il team di Griffin ha anche trovato l'RNA del morbillo mesi dopo rispetto a quanto precedentemente riconosciuto, dopo che il virus infettivo era stato eliminato. 7  Un basso livello di attività immunitaria nei santuari di solito tiene sotto controllo i virus senza uccidere le cellule. E a volte, specialmente al di fuori dei siti di protezione, il sistema immunitario può eliminare il virus ma lasciare il suo materiale genetico per riprodursi in seguito, noto come virus "latente". 8 Ad esempio, gli anticorpi nel cervello possono sopprimere la produzione di RNA virale senza danneggiare i neuroni infetti. 9

Ci sono più di una dozzina di virus che possono diventare latenti, di cui il virus Epstein-Barr è uno dei più comuni, infettando fino al 90% della popolazione umana. 10 Dopo un'iniziale infezione di Epstein-Barr, l'RNA virale rimanente può portare a malattia successiva e diffusione virale asintomatica.

Altri virus latenti includono herpesvirus a DNA, 11 varicella (varicella) e virus herpes simplex. La varicella è ben nota per riattivarsi per causare l'herpes zoster e l'herpes simplex può dare origine a ulcere della mucosa e herpes labiale, che aiutano i virus a infettare un nuovo gruppo di persone suscettibili.

La trasmissione può avvenire mesi o addirittura anni dopo la guarigione dalla malattia acuta, consentendo potenzialmente la diffusione in nuove regioni geografiche. Come esempio potenziale, nel 2021 in Guinea, un sopravvissuto all'Ebola ha avuto una recidiva della malattia acuta un anno dopo l'infezione iniziale. 12 Ciò ha portato all'infezione della comunità e ha innescato un "nuovo" focolaio. Questo, afferma Griffin, è un esempio dell'evoluzione della comprensione di cosa significhi la persistenza nell'Ebola e delle potenziali conseguenze per la salute pubblica e a lungo termine.

Sottolinea inoltre che alcuni virus come Ebola e Zika non hanno una fase latente nota, eppure «conosciamo persone in cui, sei mesi dopo la guarigione, si ottiene la trasmissione di Zika, o Ebola, o la riattivazione dei problemi. . . Ciò significa che l'RNA a lunghezza intera è presente e può riprendere la produzione".

Le diverse varianti possono nascondersi più a lungo?

A volte. I virus spesso si evolvono in modo da evitare di indurre risposte immunitarie innate, 13 aiutandoli a replicarsi e sopravvivere più a lungo all'interno delle cellule. 14 Si tratta di varianti che hanno meno probabilità di aprire le cellule, o che possono limitare o impedire l'espressione di proteine ​​che le rendono riconoscibili dagli anticorpi, o entrambe le cose.

Griffin osserva che tali varianti potrebbero non essere trasmesse così facilmente. Evidenzia l'infezione cerebrale fatale panencefalite sclerosante subacuta, che si verifica da sette a 10 anni dopo un'infezione da morbillo. 15 "Quel virus è altamente mutato a quel punto", dice. “C'è una buona risposta immunitaria, ma la risposta immunitaria non va bene. Non è in grado di sbarazzarsi di quelle cellule.

Con SARS-CoV-2, Daniel Chertow, uno specialista in terapia intensiva e malattie infettive presso il National Institutes of Health Clinical Center degli Stati Uniti a Bethesda, nel Maryland, ha riscontrato differenze a seconda di dove si trova il virus. Dai campioni dell'autopsia, il suo team ha sequenziato il codice genetico per la proteina spike SARS-CoV-2 che aiuta il virus a entrare nelle cellule. Di solito, spiega Chertow, quello che trovi nei polmoni è più o meno quello che trovi altrove, ma non è sempre stato così. "C'era una variante nel cervello che era distinta da quella che abbiamo trovato nel tratto respiratorio", dice. "Ciò suggerisce che questo virus ha il potenziale per 'evolversi' in diversi compartimenti anatomici".

Dove si nasconde SARS-CoV-2?

Questo è ancora oggetto di indagine. Uno studio descrive le autopsie che hanno trovato tracce di SARS-CoV-2 RNA nei linfonodi, nell'intestino tenue, nella ghiandola surrenale, nel cuore e nel cervello, persistendo per 230 giorni dopo l'insorgenza dei sintomi in un caso. 16 Per confronto, in un altro articolo, un bambino di 4 anni immunocompromesso ha secreto il virus dell'influenza nelle sue feci per oltre due mesi dopo l'infezione ma per oltre 18 mesi nelle sue secrezioni respiratorie. 17

"In precedenza il paradigma era che si trattava prevalentemente di un virus respiratorio", afferma Chertow, che ha guidato lo studio. “Almeno in un sottogruppo, questo ha il potenziale per essere un virus ampiamente sistemico che può infettare cellule e tessuti in tutto il corpo, incluso il cervello. Ha anche il potenziale per replicarsi in quei diversi siti”.

La persistenza virale causa covid lungo?

Alcuni studi hanno associato l'RNA SARS-CoV-2 persistente a covid lungo, noto tecnicamente come sequele post-acute di covid-19 (PASC), sebbene altri no. 18 Gli studi hanno anche trovato RNA virale nel sangue di persone con covid-19 più grave, suggerendo che l'infezione si è diffusa a livello sistemico, e questo è uno dei numerosi fattori che potrebbero aiutare a prevedere il PASC. 19 Tuttavia, non è ancora chiaro quanto sia importante questo RNA virale rispetto all'infiammazione, all'autoimmunità o alla possibilità che SARS-CoV-2 abbia riattivato infezioni latenti con altri virus come Epstein-Barr.

Griffin afferma che è probabile che il covid lungo sia in realtà più di una malattia, con molteplici fattori che contribuiscono. Puoi quasi sempre trovare l'RNA virale nel covid-19 acuto, dice, ma solo poche persone ne hanno conseguenze a lungo termine, che è "una delle caratteristiche sconcertanti". Eppure crede che il legame tra l'RNA virale e il lungo covid sia "probabilmente molto importante". Chertow aggiunge: "Tra le diverse ipotesi su quali potrebbero essere i fattori alla base delle manifestazioni cliniche del covid lungo, la persistenza [virale] è in cima a quella lista".

E le altre sindromi postvirali?

Vari virus, tra cui il parvovirus B19 e Epstein-Barr, sono stati collegati all'attivazione dell'encefalomielite mialgica (sindrome da stanchezza cronica o ME/CFS). 20 Tuttavia, come con il lungo covid, Griffin afferma che "probabilmente potrebbe esserci più di un diverso tipo di infezione che può portare a quella particolare sindrome".

È difficile districare le connessioni con virus persistenti. "Abbiamo un grande vantaggio con il covid lungo in quanto abbiamo una comprensione molto migliore del virus e abbiamo molte persone da studiare", afferma. "Possiamo sperare che tutta questa attenzione si traduca in una migliore comprensione che possa essere applicata a queste altre sindromi".

Un altro sviluppo positivo è che ora i riflettori vengono puntati sui serbatoi di virus a causa della pandemia. "Questa non è stata un'area che ha ricevuto molta attenzione fino ad ora", afferma Griffin. Secondo lei, è probabile che la ricerca sulla SARS-CoV-2 insegni all'umanità i virus più vecchi, in particolare il ruolo dell'RNA persistente.

fonte: BMJ

Riferimenti

    1. Griffin DE
    . Perché l'RNA virale a volte persiste dopo il recupero da infezioni acute? PLoS Biol 2022 ; 20 : e3001687 . doi: 10.1371/journal.pbio.3001687 . pmid: 35648781 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Russel K ,
    2. Colline SL ,
    3. Oster AM ,
    4. et al
    . Trasmissione sessuale da maschio a femmina del virus Zika—Stati Uniti, gennaio-aprile 2016 . Clin Infect Dis 2017 ; 64 : 211 - 3 . doi: 10.1093/cid/ciw692 . pmid: 27986688 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Diallo B ,
    2. Sissoko D ,
    3. Loman NJ ,
    4. et al
    . Recrudescenza della malattia da virus Ebola in Guinea legata a un sopravvissuto con persistenza del virus nel liquido seminale per più di 500 giorni . Clin Infect Dis 2016 ; 63 : 1353-6 . _ _ doi: 10.1093/cid/ciw601 . pmid: 27585800 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Wootton SH ,
    2. Aguilera EA ,
    3. Wanger A ,
    4. et al
    . Rilevazione del virus dell'influenza NH1N1 nei siti non respiratori tra i bambini . Pediatr Infect Dis J 2014 ; 33 : 95 - 6 . doi: 10.1097/INF.0b013e3182a09de7 . pmid: 24346599 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Tommaso D.L. ,
    2. Astemborski J ,
    3. RaiRM , _
    4. et al
    . La storia naturale dell'infezione da virus dell'epatite C: fattori ospiti, virali e ambientali . GIAMA 2000 ; 284 : 450 - 6 . doi: 10.1001/jama.284.4.450 . pmid: 10904508 

    CrossRefPubMedWeb della scienzaGoogle Scholar

    1. Lyles RH ,
    2. Muñoz A ,
    3. Yamashita TE ,
    4. et al
    . Storia naturale della viremia del virus dell'immunodeficienza umana di tipo 1 dopo sieroconversione e prossimale all'AIDS in un'ampia coorte di uomini omosessuali. Studio di coorte multicentrico sull'AIDS . J Infetta Dis 2000 ; 181 : 872 - 80 . doi: 10.1086/315339 . pmid: 10720507 

    CrossRefPubMedWeb della scienzaGoogle Scholar

    1. Lin WHW ,
    2. Kouyos RD ,
    3. Adams RJ ,
    4. GrenfellBT , _
    5. Griffin DE
    . La persistenza prolungata dell'RNA del virus del morbillo è caratteristica della dinamica dell'infezione primaria . Proc Natl Acad Sci USA 2012 ; 109 : 14989 - 94 . doi: 10.1073/pnas.1211138109 . pmid: 22872860 

    Estratto / Testo completo GRATUITOGoogle Scholar

    1. Speck SH ,
    2. Ganem D
    . Latenza virale e sua regolazione: lezioni dai gamma-herpesvirus . Cell Host Microbe 2010 ; 8 : 100-15 . _ _ doi: 10.1016/j.chom.2010.06.014 . pmid: 20638646 

    CrossRefPubMedWeb della scienzaGoogle Scholar

    1. Griffin DE
    . Risposte immunitarie alle infezioni da virus a RNA del SNC . Nat Rev Immunol 2003 ; 3 : 493-502 . _ _ doi: 10.1038/nri1105 . pmid: 12776209 

    CrossRefPubMedWeb della scienzaGoogle Scholar

    1. Traylen CM ,
    2. Patel HR ,
    3. FondawW , _
    4. et al
    . Riattivazione del virus: una vista panoramica nelle infezioni umane . Futuro Virol 2011 ; 6 : 451-63 . _ _ doi: 10.2217/fvl.11.21 . pmid: 21799704 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Grinde B
    . Herpesvirus: latenza e riattivazione - strategie virali e risposta dell'ospite . J Oral Microbiol 2013 ; 5 : 22766 . doi: 10.3402/jom.v5i0.22766 . pmid: 24167660 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Keita A.K. ,
    2. Kundouno FR ,
    3. Fay M ,
    4. et al
    . La rinascita del virus Ebola nel 2021 in Guinea suggerisce un nuovo paradigma per le epidemie . Natura 2021 ; 597 : 539-43 . _ _ doi: 10.1038/s41586-021-03901-9 . pmid: 34526718 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Stokel-Walker C
    . Cosa sappiamo della risposta immunitaria adattativa al covid-19? BMJ 2023 ; 380 : p19 . https://www.bmj.com/content/380/bmj.p19 . doi: 10.1136/bmj.p19 pmid: 36717121 

    Testo completo GRATUITOGoogle Scholar

    1. Kikkert M
    . Evasione immunitaria innata da virus a RNA respiratorio umano . J Innate Immun 2020 ; 12 : 4-20 . _ _ doi: 10.1159/000503030 . pmid: 31610541 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Baczko K ,
    2. Liebert UG ,
    3. Billeter M ,
    4. Cattaneo R ,
    5. Budka H ,
    6. ter Meulen V
    . Espressione di geni difettosi del virus del morbillo nei tessuti cerebrali di pazienti con panencefalite sclerosante subacuta . J Virol 1986 ; 59 : 472-8 . _ _ doi: 10.1128/jvi.59.2.472-478.1986 . pmid: 3735490 

    Estratto / Testo completo GRATUITOGoogle Scholar

    1. SteinSR , _
    2. Ramelli SC ,
    3. Grazioli A ,
    4. et al. ,
    5. Consorzio per l'autopsia NIH COVID-19
    . Infezione da SARS-CoV-2 e persistenza nel corpo umano e nel cervello all'autopsia . Natura 2022 ; 612 : 758 - 63 . doi: 10.1038/s41586-022-05542-y . pmid: 36517603 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Pinsky BA ,
    2. Mescola S ,
    3. Rowe J ,
    4. Ikemoto S ,
    5. Barone E.J
    . Diffusione a lungo termine del virus dell'influenza A nelle feci di un bambino immunocompromesso . Emerg Infect Dis 2010 ; 16 : 1165-7 . _ _ doi: 10.3201/eid1607.091248 . pmid: 20587197 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Patterson BK ,
    2. Francisco E.B. ,
    3. Yogendra R ,
    4. et al
    . Persistenza della proteina SARS CoV-2 S1 nei monociti CD16+ nelle sequele post-acute di covid-19 (PASC) fino a 15 mesi dopo l'infezione . Front Immunol 2022 ; 12 : 746021 . doi: 10.3389/fimmu.2021.746021 . pmid: 35082777 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. SuY , _
    2. Yuan D ,
    3. Chen DG ,
    4. et al. ,
    5. ISB-Unità svedese di biobanche COVID-19
    . Molteplici fattori precoci anticipano le sequele post-acute di COVID-19 . Cella 2022 ; 185 : 881 - 895.e20 . doi: 10.1016/j.cell.2022.01.014 . pmid: 35216672 

    CrossRefPubMedGoogle Scholar

    1. Devanur LD ,
    2. Kerr JR
    . Sindrome da stanchezza cronica . J Clin Virol 2006 ; 37 : 139-50 . _ _ doi: 10.1016/j.jcv.2006.08.013 . pmid: 16978917 

    CrossRefPubMedWeb della scienzaGoogle Scholar

Commenti

Rispondi

I Correlati

Ti potrebbero interessare

Ultime News

Più letti