Canali Minisiti ECM

Vaccino materno a base di proteine ​​RSV Prefusion F: nascita pretermine e altri esiti

Infettivologia Redazione DottNet | 18/03/2024 12:23

Il rischio di parto pretermine è più elevato con il vaccino candidato

La vaccinazione contro il virus respiratorio sinciziale (RSV) durante la gravidanza può proteggere i bambini dalla malattia da RSV. Sono necessari dati sull’efficacia e sulla sicurezza di un candidato vaccino materno a base di proteina F prefusione RSV (RSVPreF3-Mat).

METODI

pubblicità

Abbiamo condotto uno studio di fase 3 coinvolgendo donne incinte di età compresa tra 18 e 49 anni per valutare l'efficacia e la sicurezza di RSVPreF3-Mat. Le donne sono state assegnate in modo casuale in un rapporto 2:1 a ricevere RSVPreF3-Mat o placebo tra 24 settimane 0 giorni e 34 settimane 0 giorni di gestazione. Gli esiti primari erano qualsiasi o grave malattia del tratto respiratorio inferiore associata a RSV valutata dal punto di vista medico nei neonati dalla nascita ai 6 mesi di età e la sicurezza nei neonati dalla nascita ai 12 mesi di età. Dopo l’osservazione di un rischio più elevato di parto pretermine nel gruppo vaccino rispetto al gruppo placebo, l’arruolamento e la vaccinazione sono stati interrotti anticipatamente e sono state eseguite analisi esplorative del segnale di sicurezza del parto pretermine.

RISULTATI

Le analisi hanno incluso 5.328 donne incinte e 5.233 neonati; l'obiettivo di arruolamento di circa 10.000 donne incinte e dei loro bambini non è stato raggiunto perché l'arruolamento è stato interrotto anticipatamente. Un totale di 3.426 neonati nel gruppo vaccino e 1.711 neonati nel gruppo placebo sono stati seguiti dalla nascita fino ai 6 mesi di età; 16 e 24 bambini, rispettivamente, avevano avuto qualsiasi malattia del tratto respiratorio inferiore associata a RSV valutata dal punto di vista medico (efficacia del vaccino, 65,5%; intervallo di credibilità al 95%, da 37,5 a 82,0), e 8 e 14, rispettivamente, avevano avuto una grave malattia del tratto respiratorio inferiore associata a RSV valutata dal punto di vista medico. malattia del tratto respiratorio (efficacia del vaccino, 69,0%; intervallo di credibilità 95%, da 33,0 a 87,6). La nascita pretermine si è verificata nel 6,8% dei neonati (237 su 3.494) nel gruppo vaccino e nel 4,9% di quelli (86 su 1.739) nel gruppo placebo (rischio relativo, 1,37; intervallo di confidenza [CI] al 95%, da 1,08 a 1,74 ;P=0,01); la morte neonatale si è verificata rispettivamente nello 0,4% (13 su 3.494) e nello 0,2% (3 su 1.739) (rischio relativo, 2,16; IC al 95%, da 0,62 a 7,56; P=0,23), uno squilibrio probabilmente attribuibile alla maggiore percentuale di pretermine nascite nel gruppo vaccinato. Non è stato osservato nessun altro segnale di sicurezza.

CONCLUSIONI

I risultati di questo studio, in cui l’arruolamento è stato interrotto prematuramente per motivi di sicurezza, suggeriscono che i rischi di qualsiasi grave malattia del tratto respiratorio inferiore associata a RSV valutata dal punto di vista medico tra i neonati erano inferiori con il vaccino candidato per RSV materno rispetto al placebo, ma che il rischio di parto pretermine era più elevato con il vaccino candidato.

fonte: The new england journal of medicine

Commenti

I Correlati

Destinato ad allevatori e veterinari, ha la durata di 4 anni. Pronte 665mila dosi. Quindici i paesi coinvolti

Lo studio in corso valuta la sicurezza, la reattogenicità e l'immunogenicità del vaccino combinato in due coorti indipendenti di circa 4.000 adulti ciascuna

Rezza, "L'Italia ha opzionato un vaccino ma manca un piano pandemico"

Il comitato vota all'unanimità la composizone per l'autunno

Ti potrebbero interessare

"Prevalentemente, tra le forme invasive, stiamo maggiormente osservando polmoniti, anche complicate da versamento pleurico"

Destinato ad allevatori e veterinari, ha la durata di 4 anni. Pronte 665mila dosi. Quindici i paesi coinvolti

Nei primi mesi del 2024, diversi paesi hanno segnalato aumenti sostanziali nel numero di casi di dengue importati. Si attendono numeri ancora più alti quest'anno

A ICAR 2024, dal 19 al 21 giugno a Roma, focus su hiv e altre malattie sessualmente trasmissibili

Ultime News

Previsto anche il pagamento dei ticket, la scelta del medico e il consulto dei referti

Ci sarà un CdC hub ogni 40.000-50.000 abitanti. L’orario di attività articolato nell’arco delle 24 ore giornaliere permette alla CdC hub di svolgere funzioni di primo livello

L’accordo è stato sottoscritto dal presidente FOFI, Andrea Mandelli, e dal Gen. C.A. Vito Ferrara, e ha tra le finalità principali l’aggiornamento delle competenze professionali del personale farmacista delle Forze Armate e Arma dei Carabinieri

La Federazione nazionale degli Ordini TSRM e PSTRP esprime il proprio apprezzamento per l'attenzione riservata dal Ministero dell’università e della ricerca nei confronti delle professioni sanitarie ad essa afferenti