Canali Minisiti ECM

Bellantone (Iss), le liste d'attesa più ampie di quanto pensiamo

Sanità pubblica Redazione DottNet | 14/05/2024 15:40

"Le misure mirate al contrasto delle liste d'attesa contenute nelle proposte di legge all'esame della Camera rischiano di essere insufficienti"

Temo che il fenomeno delle liste di attesa sia più cospicuo di quanto possa apparire". È quanto ha affermato il presidente dell'Istituto Superiore di Sanità Rocco Bellantone in audizione alla Camera dei Deputati in merito alle proposte di legge sul finanziamento al Ssn. Secondo Bellantone, le misure mirate al contrasto delle liste d'attesa contenute nelle proposte di legge all'esame della Camera rischiano di essere insufficienti. "Che possa bastare l'acquisto di prestazioni intramoenia temo sia una visione ottimistica", ha affermato. "Nel momento in cui misureremo il problema temo che troveremo una realtà più drammatica. Occorrerà agire in altra maniera, magari con l'acquisto di prestazioni dal privato", ha aggiunto. Il presidente dell'Iss ha inoltre detto che, per quanto sia auspicabile un aumento del finanziamento del servizio sanitario, ciò potrebbe non essere sufficiente. "Il servizio sanitario nazionale è come un acquedotto che porta acqua agli assetati, ma ha molte falle. Dare risorse senza eliminare gli sprechi e le inefficienze espone al rischio che le risorse vengano male utilizzate", ha proseguito.

pubblicità

"Se riducessimo o annullassimo i ricoveri impropri, che ammontano a oltre 2 milioni, per esempio, andremmo a risparmiare fino a 6 miliardi di euro". "Il fabbisogno del servizio sanitario nazionale in termini di investimenti si attesta intorno al 7,5-8% del Pil. È questa la cifra a cui si arriva se sommiamo la spesa del fondo sanitario nazionale con quella out-of-pocket sostenuta dai cittadini", ha detto il presidente della Federazione Italiana delle Aziende Sanitarie e Ospedaliere (Fiaso) Giovanni Migliore in audizione alla Camera sulle proposte di legge sul sostegno finanziario al Ssn.    Migliore ha ricordato che, "a partire dal 2010, in quel periodo che è noto è il periodo della spending review", la spesa sanitaria italiana ha cominciato a discostarsi "rispetto al finanziamento medio della sanità pubblica nelle altre nazioni europee".    In questo contesto, ha aggiunto Migliore, "la riforma del servizio sanitario che ha dato vita alle aziende sanitarie ha costituito il vantaggio competitivo rispetto gli altri servizi sanitari pubblici" e ha permesso "di assicurare sostenibilità e risultati di salute". Questo modello, ha concluso, "è l'unico che consente di rispondere ai bisogni dei cittadini e ci offre l'opportunità di investire dove gli interventi sono necessari".

Commenti

I Correlati

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Fra i concetti chiave la necessità di integrazione del dato della misurazione parametrica della glicemia con il profilo clinico e la storia clinico-terapeutica di ogni singolo paziente

Nel bilancio delle attività 2023: 141 progetti, di cui 31 europei e 110 nazionali; 835 pubblicazioni con un impact factor complessivo di 7916,00; 764 studi clinici attivi per un totale di 516.623 pazienti coinvolti

Ti potrebbero interessare

Oggi l'Italia è divisa in due, con 11 Regioni promosse, 6 rimandate, 4 bocciate. Cure insufficienti per 26 milioni di cittadini

Coro unanime dai sindacati: Di Silverio (Anaao): "è la fine dell'indivisibilità dei diritti civili e sociali". Onotri (Smi): "la sanità dipenderà dalla capacità fiscale delle Regioni". Cartabellotta (Gimbe): "Frattura Nord-Sud"

Il Rapporto State of Global Air, pubblicato da Health Effects Institute e realizzato con Unicef. Bambini al di sotto dei 5 anni sono particolarmente vulnerabili

Lancet Public Health, sale il rischio patogeni prima assenti

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie