Canali Minisiti ECM

Tossina botulinica, le 5 formulazioni approvate e i fake: le risposte ai dubbi più diffusi

Medicina Estetica Redazione DottNet | 16/05/2024 11:06

Novità per il trattamento di medicina estetica più praticato al mondo. Esperti a confronto nel congresso FIME (Federazione Italiana Medici Estetici) a Napoli programmato per il prossimo settembre 2024

Dalla sua introduzione in Italia sono trascorsi vent’anni: oggi è diventata protagonista della medicina estetica, con un aumento del numero di trattamenti - 9 milioni nel mondo in un anno, 160mila in Italia (dati Isaps) e delle applicazioni. La tossina botulinica è utilizzata soprattutto (ma non solo) per il ringiovanimento della pelle e la riduzione delle rughe nella parte superiore del volto ed è al centro di un settore in costante evoluzione. Tra le novità più significative, l’ampliamento delle formulazioni disponibili sul mercato: l'Agenzia Italiana del Farmaco ha approvato l'utilizzo di nuovi tipi di tossina botulinica a scopo estetico, ognuna con le proprie caratteristiche, portando a cinque il totale dell’offerta disponibile. 

Abobotulinum, Incobotulinum, Letybotulinum, Onabotulinum, Prabobotulinum: queste le cinque formulazioni a base di botulino a uso estetico autorizzate dall’AIFA in Italia: "La tossina botulinica è un farmaco (non un dispositivo medico) e come tale va utilizzato, seguendo rigorosamente le prescrizioni approvate - dice il professor Raffaele Rauso, presidente dell’XI Congresso FIME che si terrà dal 13 al 15 settembre 2024 a Napoli e che dedicherà un ampio focus al confronto tra le diverse formulazioni -. Ad ogni modo bisogna mantenere alta l’attenzione a causa della circolazione di prodotti contraffatti o non approvati, che rappresentano una minaccia per la sicurezza dei pazienti e possono causare effetti collaterali indesiderati". 

pubblicità

Il Congresso FIME offrirà agli esperti l’opportunità di approfondire le differenze tra le varie formulazioni approvate e discutere dei vantaggi e delle sfide nell'utilizzo della tossina botulinica a scopo estetico, con sessioni live sulle tecniche iniettive. "La prima tossina è stata approvata nel 2004, poi sono arrivate altre autorizzazioni nel 2010 e 2011, mentre le più recenti risalgono entrambe al 2022. La scelta è sempre più ampia, un vantaggio per i pazienti che hanno a disposizione maggiori opportunità. Ma è bene che si rivolgano a medici estetici esperti" aggiunge il prof. Rauso. 

Ecco intanto alcune risposte ai dubbi più diffusi tra i pazienti, per aiutare a fare chiarezza. 

Quali sono le differenze tra le 5 tossine botuliniche approvate da AIFA? Alla base c’è sempre la stessa molecola,il Clostridium Botulinum di tipo A, a cui si aggiungono diversi eccipienti che ne modificano leggermente le indicazioni, la durata e l’efficacia. "Non esiste una formulazione migliore delle altre, ma esiste la formulazione più adatta per ogni paziente. Per questo è importante che un medico le conosca tutte in modo approfondito: il confronto tra colleghi esperti come quello che avrà luogo al congresso a Napoli è senza dubbio uno dei modi migliori per approfondire" spiega il prof. Rauso.

Come posso sapere quale tossina mi è stata iniettata? "Chiedete sempre la label del prodotto utilizzato: un medico competente non avrà alcun problema a spiegarvi quale ha scelto, a illustrare i motivi e a consegnarvi l’etichetta, che è necessario conservare" aggiunge il presidente del Congresso FIME. 

Quale tre le cinque tossine è la più adatta? La scelta spetta al medico: per questo è determinante rivolgersi a professionisti qualificati e aggiornati, che conoscono le recenti pubblicazioni scientifiche e partecipano a congressi.

Come faccio a sapere se il medico a cui mi rivolgo è esperto? Anzitutto verificando qualifiche e specializzazioni sul portale FnomCeo. Grazie a siti e social, si può anche controllare l’attività del dottore, magari verificando su PubMed le pubblicazioni scientifiche realizzate o la partecipazione a congressi medici, in particolare quelli di alto livello in cui c’è modo di confrontarsi con i colleghi in modo diretto e di conoscere le novità.

I volti gonfi che si vedono in giro sono causati dal botulino?"Il botulino non gonfia, ma paralizza il muscolo in modo temporaneo: il gonfiore è un effetto di uso non corretto dell’acido ialuronico. Se praticato da mani esperte, il botulino offre risultati naturali senza rigidità o perdite di espressioni. Fondamentale è però affidarsi a medici esperti per evitare risultati non naturali o effetti collaterali sgraditi" conclude il professor Rauso.

Commenti

I Correlati

Benci (Associazione Terapia Estetica Botulino): “Le iniezioni sono un trattamento medico a tutti gli effetti, non possono essere eseguite frettolosamente”

Per fini estetici. Pubblicata la circolare con indicazioni operative

"Grosso rischio per minorenni, con 'fai da te' spesso complicanze anche serie"

Bartoletti: "Gli uomini si affidano molto di più al medico estetico rispetto a quanto non facciano le donne; per questo possiamo dire che sono pazienti ‘ideali"

Ti potrebbero interessare

Benci (Associazione Terapia Estetica Botulino): “Le iniezioni sono un trattamento medico a tutti gli effetti, non possono essere eseguite frettolosamente”

Bartoletti: "Gli uomini si affidano molto di più al medico estetico rispetto a quanto non facciano le donne; per questo possiamo dire che sono pazienti ‘ideali"

Bartoletti: “In buone mani e se ben eseguita quello della medicina estetica rigenerativa è un ambito molto sicuro e virtualmente privo di effetti indesiderati"

Il presidente Salti e i dati Isaps: “Gli interventi non-chirurgici sono ormai quasi il doppio di quelli chirurgici, spicca il botulino”. Italia meta più gettonata per brasiliani e rumeni nel turismo medico

Ultime News

Parere favorevole dalla Corte dei Conti ferma restando la necessità di una puntuale verifica in concreto della compatibilità normativa delle attività svolte nell’ambito dell’incarico assegnato

In Brasile, Gb,Usa. Per diabete e obesità ma usato per dimagrire

Studi Mnesys,obiettivo svelare meccanismi inediti delle malattie

Nuove prospettive per i pazienti, convegno organizzato da AbbVie