Canali Minisiti ECM

Tumore al polmone, inibitore mutazione Kras-G12C migliora sopravvivenza

Farmaci Redazione DottNet | 07/06/2024 18:48

Risultati efficacia di adagrasib rispetto a chemioterapia standard presentati al Congresso Asco 2024

Bristol Myers Squib (Bms) ha annunciato i risultati dello studio di fase 3 Krystal-12 per la valutazione di adagrasib rispetto alla chemioterapia standard di trattamento nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (Nsclc) localmente avanzato o metastatico con mutazione Kras precedentemente trattati con chemioterapia a base di platino, concomitante o sequenziale con la terapia anti-PD-(L)1. I dati sono stati illustrati in una presentazione orale late-breaking al Congresso annuale 2024 dell'American Society of Clinical Oncology (Asco) di Chicago.

Il tumore del polmone è la causa principale di morte per cancro a livello globale, ricorda Bms in una nota. I due tipi principali di tumore del polmone sono non a piccole cellule e a piccole cellule. Il carcinoma polmonare non a piccole cellule è uno dei tipi più comuni di tumore del polmone, che rappresenta l'84% delle diagnosi. La mutazione Kras- G12C è la più comune nel Nsclc, è presente in circa il 14% dei pazienti con adenocarcinoma polmonare ed è un biomarcatore di prognosi sfavorevole.

pubblicità

Al follow-up mediano di 9,4 mesi, adagrasib ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante di sopravvivenza libera da progressione (Pfs), endpoint primario dello studio, come stabilito dalla Revisione centrale indipendente in cieco (Blinded independent central review - Bicr) rispetto a docetaxel. La Pfs mediana è risultata di 5,5 mesi con adagrasib rispetto a 3,8 mesi con docetaxel. Il tasso di risposta globale valutato dal Bicr è stato significativamente maggiore con adagrasib rispetto a docetaxel (32% vs 9%). La durata media della risposta è stata di 8,31 mesi rispetto a 5,36 mesi, rispettivamente. Adagrasib, che è una piccola molecola orale altamente selettiva e potente inibitore di Kras- G12C, ha dimostrato risposta intracranica nei pazienti con metastasi al sistema nervoso centrale al basale, con un tasso di risposta valutato dal Bicr più del doppio di quello osservato con docetaxel (24% con adagrasib rispetto a 11% con docetaxel).

Lo studio Krystal-12 è tuttora in corso per valutare il principale endpoint secondario di sopravvivenza globale. Non sono stati identificati nuovi segnali con adagrasib e i dati di sicurezza sono risultati coerenti con il profilo di sicurezza già noto. Gli eventi avversi correlati al trattamento (TRAEs) di ogni grado sono stati riportati nel 94% dei pazienti trattati con adagrasib e nell'86,4% con docetaxel. I TRAEs di grado ≥3 si sono verificati nel 47% e 46% dei pazienti, rispettivamente.

"Circa il 14% di tutti i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato mostra la mutazione Kras- G12C, colpendo migliaia di persone in tutto il mondo - afferma Tony Mok, direttore del Dipartimento di Oncologia clinica e Li Shu Fan Medical Foundation, professore di Oncologia clinica alla Facoltà di Medicina della The Chinese University of Hong Kong - I risultati dello studio di fase 3 Krystal-12 rafforzano il ruolo di adagrasib come opzione target per i pazienti con il carcinoma polmonare positivo alla mutazione Kras- G12C dopo il fallimento del trattamento standard di prima linea".

"L'approvazione accelerata di adagrasib nel 2022 da parte della Fda è stata un'ottima notizia per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule localmente avanzato o metastatico con mutazione Kras- G12C. Questi risultati di conferma supportano ulteriormente adagrasib come opzione terapeutica target efficace per questi pazienti - dichiara Abderrahim Oukessou, vicepresidente, global program lead, adagrasib, Bristol Myers Squibb - Siamo impazienti di condividere questi risultati, mentre prosegue la valutazione di adagrasib in altri tumori solidi avanzati con mutazione Kras- G12C". Oltre a Nsclc con mutazione Kras- G12C, adagrasib e le combinazioni con adagrasib - conclude la nota - hanno mostrato un incoraggiante beneficio significativo negli studi di fase 2 in numerosi tumori, tra cui il tumore del colon-retto avanzato, il tumore del pancreas e altri tumori solidi.


Commenti

I Correlati

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

Secondo i dati de “I Numeri del Cancro di AIOM”, in Italia i pazienti che vivono dopo una diagnosi di tumore della prostata sono 564.000

Lo rivela un nuovo studio condotto da ricercatori dello Human Technopole, dell'Institute of Cancer Research di Londra e del Royal Marsden NHS Foundation Trust

Ti potrebbero interessare

Lo rileva uno studio coordinato dalla Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland (Usa) pubblicato sulla rivista JAMA Network Open

Pubblicato in Gazzetta il decreto del ministro della Salute

"Sulle carenze serve bilanciare anche con gli equivalenti che sono sottoutilizzati in Italia"

Sono quattro i Paesi nel continente europeo in cui il trattamento è ora disponibile

Ultime News

Esperti, organizzazione e comunicazione per aumentare coperture

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Università Trieste e Monzino studiano un nuovo farmaco con Rna