Canali Minisiti ECM

Un mix di farmaci frena il glioblastoma nei modelli animali

Neurologia Redazione DottNet | 24/06/2024 21:07

Positivi primi test nell'ambito del progetto Mnesys

 Un gruppo di ricercatori dell'Università "Federico II" di Napoli ha identificato una peculiarità biologica del glioblastoma che potrebbe diventare un nuovo bersaglio per futuri trattamenti contro questo tumore del cervello aggressivo e per cui oggi non esiste un trattamento curativo. Gli esperimenti di un mix di farmaci, condotti su cellule e su modelli animali, hanno ottenuto risultati promettenti riuscendo a frenare la crescita del tumore.     La ricerca, condotta nell'ambito del progetto Mnesys, il più grande progetto di ricerca sul cervello mai realizzato in Italia, ha rilevato che in più della metà dei glioblastomi è maggiormente espresso, rispetto al tessuto normale cerebrale, un particolare enzima: la lisina metiltransferasi SETD8. Il passo successivo è stato testare una molecola che inibisce SETD8 e denominata UNC0379, su cellule di glioblastoma. Abbiamo "notato che si riduceva la proliferazione delle cellule maligne", spiega il coordinatore della ricerca Lorenzo Chiariotti, professore di Patologia Generale alla "Federico II".

pubblicità

"Siamo poi riusciti a dimostrare che la combinazione dell'inibitore di SETD8 con un farmaco antitumorale sperimentale (adavosertib) induce la morte delle cellule di glioblastoma. Gli esperimenti sono stati condotti anche sui modelli murini e il risultato è stato confermato", prosegue Chiariotti.   La combinazione di molecole ha inoltre un'altra caratteristica, che la renderebbe particolarmente adatta per i tumori cerebrali: le caratteristiche del principio attivo UNC0379 fanno pensare che sia in grado di attraversare la barriera emato-encefalica e quindi raggiungere il cervello.    "Sono attualmente in corso studi tesi a dimostrarlo", conclude Chiariotti. Se questa ipotesi sarà confermata, il passo successivo potrebbe essere la sperimentazione nell'uomo.

Commenti

I Correlati

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

Secondo i dati de “I Numeri del Cancro di AIOM”, in Italia i pazienti che vivono dopo una diagnosi di tumore della prostata sono 564.000

Lo rivela un nuovo studio condotto da ricercatori dello Human Technopole, dell'Institute of Cancer Research di Londra e del Royal Marsden NHS Foundation Trust

Ti potrebbero interessare

La ricerca italiana pubblicata sulla rivista scientifica 'Pnas'

Risultati incoraggianti per le cure arrivano dallo studio internazionale coordinato da Arianna di Stadio, docente all'Università di Catania e ricercatrice all'Ucl Queen Square Neurology di Londra

Studio guidato dagli Usa con il contributo di Irccs Auxologico e università Statale di Milano

Si è chiuso a Pavia presso la Fondazione Mondino il Congresso Nazionale “CONTINUARE A CURARE: modelli di lavoro interdisciplinari per supportare il passaggio all’età adulta nelle patologie neurologiche e psichiatriche complesse”

Ultime News

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

Clerici: Corsi sistematici nelle scuole di specializzazione

Università Trieste e Monzino studiano un nuovo farmaco con Rna

Lo rivela uno studio a lungo termine pubblicato nella rivista Bmj Public Health e condotto da Bruce Whyte, del Glasgow Centre for Population Health