Trapianti: con nuovo metodo fegato vivo per 27 ore

Medicina Interna | Redazione DottNet | 09/09/2019 14:12

L' attuale standard per il mantenimento ipotermico a +4 gradi C conserva il fegato per meno di 12 ore

Vita più lunga, fuori dal corpo, per i fegati destinati al trapianto. Questo organo può essere conservato a -4 gradi C, usando un metodo di raffreddamento avanzato descritto in un articolo pubblicato su 'Nature Biotechnology'. Questo protocollo 'sotto zero', spiegano i ricercatori del Massachusetts General Hospital e dell' Harvard Medical School di Boston, può prolungare la vita dell' organo fuori dal corpo per 27 ore. La mancanza di una tecnologia in grado di preservare gli organi per più di qualche ora è una delle cause fondamentali della carenza di 'parti di ricambio' del corpo umano.

L' attuale standard per il mantenimento ipotermico a +4 gradi C conserva il fegato per meno di 12 ore. Il team di Korkut Uygun aveva già dimostrato che uno stoccaggio privo di ghiaccio a -6 gradi C può prolungare la conservazione del fegato (di topo). Tuttavia, la capacità di adattare questo metodo agli organi umani è ostacolata da diversi fattori. In questo studio Reinier de Vries, Shannon Tessier e Korkut descrivono un innovativo metodo di raffreddamento avanzato che impedisce il congelamento del fegato umano, prolungandone appunto la vita fuori dal corpo. Gli scienziati sono stati in grado di conservare questi organi a -4° C con il loro sistema di raffreddamento, fino a 27 ore in più rispetto agli attuali metodi. I ricercatori hanno poi usato una tecnica che pompa continuamente ossigeno e sostanze nutritive a circa 20 gradi C attraverso il fegato, per recuperare dopo il super raffreddamento.

La vitalità del fegato prima e dopo il trattamento è risultata invariata, e gli organi super raffreddati sono stati in grado di resistere allo stress di un trapianto simulato. Secondo gli autori, questa ricerca è un passo avanti per l' uso della conservazione degli organi sotto zero nella pratica clinica. Tuttavia prima, concludono i ricercatori, saranno necessari esperimenti di sopravvivenza a lungo termine del fegato super raffreddato trapiantato nei grandi animali.

 

fonte: 'Nature Biotechnology'

Ultime News