Professione
Professione
Canali Minisiti ECM

Senza formazione a rischio l'assicurazione. Speranza: presto nuovi Ecm

Professione Redazione DottNet | 11/12/2019 21:17

Quasi un medico su due non si aggiorna e la percentuale scende attorno al 30% quando si prendono in considerazione tutti gli operatori sanitari

Il mancato assolvimento degli obblighi di formazione professionale può avere come conseguenza la mancata copertura assicurativa per il professionista. Per alcuni tipologie di polizza il diritto di rivalsa può essere esercitato nei confronti dell'assicurato qualora l'esercente la professione sanitaria non abbia regolarmente assolto l'obbligo formativo e di aggiornamento. A spiegarlo è Massimo Tortorella, presidente di Consulcesi che commenta un servizio pubblicato da Panorama dal titolo "I medici ignoranti danneggiano anche te" dal quale prende le distanza: "va a soffiare su quel clima di odio che si respira tra le corsie degli Ospedali di tutta Italia (e non solo) come confermato dell'escalation di denunce e di aggressioni al centro anche degli ultimi casi di cronaca".

Tortorella spiega che da tempo è stata sollevata "la bomba dei crediti ECM, l'avevamo anticipato una settimana fa in una lettera chiusa al Ministro della Salute Roberto Speranza e agli Ordini Professionali. Ora, mi auguro che arrivi un chiaro messaggio di rispettare l'obbligo formativo di tutti i Presidenti degli Ordini in vista della scadenza del triennio il 31 dicembre 2019". I dati riportati "confermano quanto già emerso negli ultimi mesi: quasi un medico su due non si aggiorna e la percentuale scende attorno al 30% quando si prendono in considerazione tutti gli operatori sanitari, ovvero 1 milione e 200mila professionisti. E il 60% di chi si forma è donna, mentre il 40 % sono uomini. Su questo tema anche amato si è già espresso richiamando i colleghi degli altri Ordini a far rispettare l'obbligo". Dall'articolo emergono altri due elementi: un conflitto di interesse dell'Ordine Professionale, ossia tra chi controlla e chi è controllato ed inoltre, un tentativo di sanatoria a favore dei medici che non rispettano l'obbligo. Nell'articolo viene prima messa in evidenza la stortura del sistema, raccontato così: "a decidere le sanzioni per i colleghi inadempienti sono paradossalmente gli stessi medici che dovrebbero essere sanzionati".

pubblicità

La risposta del Ministro non si è fatta attendere: "Medici ignoranti? Un modo di dire da rinviare al mittente, senza se senza ma". "Abbiamo professionisti di grande qualità - aggiunge Speranza - difendo i medici di questo Paese è penso che purtroppo sono i peggio Pagati in giro per l'Europa. Guai a ad avere un atteggiamento sbagliato sui medici che ogni giorno dedicano la vita per lo servire il Paese, per una missione e per prendersi cura dei nostri pazienti". "Per la formazione continua - prosegue il ministro - abbiamo una commissione che si riunisce e su questo dobbiamo continuare ad investire: le sfide dell'informazione nel comparto salute richiedono una formazione sempre più di qualità'. Lavorero' su questo. Punto molto sulla formazione di tutto il personale sanitario".

Commenti

1 Risposte Rispondi

I Correlati

Costituiscono oltre il 60 per cento del territorio nazionale: 4.000 comuni con 13 milioni di abitanti, il 22,7 per cento della popolazione italiana, spesso carenti e distanti dai servizi essenziali, a partire da quelli sanitari

L’Inps con la Circolare n. 69 del 29 maggio 2024, ha fornito tutte le indicazioni per l’applicazione del nuovo istituto del riscatto di periodi non coperti da contribuzione, reintrodotto nell’ordinamento dalla Legge 30 dicembre 2023, n. 213

Consegnati nel complesso dell’Università Federico II i diplomi agli studenti della prima edizione dell’Academy italiana del Pharma finanziata con oltre 2 milioni di euro dal Centro Nazionale di Ricerca

I controlli sulle Asl restino alle Regioni ma che in caso di inadempienze si attivi il potere sostitutivo dello Stato. Smi: superare il tetto di spesa sul personale medico

Ti potrebbero interessare

"In piazza per la messa in discussione del ruolo della professione e la perdita del potere d’acquisto degli stipendi che il Censis ha quantificato in -6,1% in sette anni, tra il 2015 e il 2022"

Di Silverio: “L’aumento del 5,78% atteso nel prossimo CCNL è lontanissimo dall’indice inflattivo calcolato per lo stesso triennio, pari a 15,4%, come riconosciuto dallo stesso Presidente Aran"

Con un’età media di oltre 50 anni e circa 10.000 professionisti in uscita nei prossimi 10 anni, il settore si prepara a un importante ricambio generazionale

Gli incarichi non possano avere durata superiore ai dodici mesi e possono essere disposti solo in favore di operatori economici che si avvalgono di personale medico ed infermieristico in possesso dei requisiti di professionalità prescritti