Sildenafil: problemi alla vista transitori

Farmaci | Redazione DottNet | 07/02/2020 21:03

Uno studio su Frontiers in Neurology ha evidenziato il rischio di effetti collaterali visivi persistenti, come la sensibilità alla luce e la compromissione della visione dei colori

Il sildenafil è comunemente usato per trattare la disfunzione erettile ed è generalmente considerato sicuro con effetti collaterali limitati. Tuttavia, un recente studio su Frontiers in Neurology ha evidenziato il rischio di effetti collaterali visivi persistenti, come la sensibilità alla luce e la compromissione della visione dei colori, negli uomini che hanno assunto la più alta dose raccomandata di Viagra.

Mentre questi effetti sembrano essere rari, la ricerca suggerisce che i neofiti del Viagra dovrebbero iniziare con una dose più bassa prima di aumentarla, se necessario. Originariamente sviluppato come trattamento per la pressione alta, il farmaco dilata i vasi sanguigni e rilassa la muscolatura del pene, facilitando il raggiungimento e il mantenimento dell'erezione. Gli effetti del farmaco durano normalmente 3-5 ore e sebbene occasionalmente si verifichino effetti collaterali come mal di testa e visione offuscata, di solito scompaiono relativamente rapidamente. Tuttavia, il Dr. Cüneyt Karaarslan dell'ospedale Dünyagöz Adana in Turchia, ha notato che 17 pazienti maschi soffrivano di numerosi disturbi visivi, tra cui pupille anormalmente dilatate, visione offuscata, sensibilità alla luce e disturbi della visione dei colori, che includevano una visione di colore blu intenso con daltonismo rosso o verde.

Tutti e 17 i pazienti avevano assunto il sildenafil per la prima volta e tutti avevano assunto la dose massima raccomandata di 100 mg. A nessuno degli uomini era stato prescritto il farmaco. Gli effetti collaterali visivi sono iniziati dopo che il farmaco ha avuto effetto ed erano ancora presenti quando gli uomini sono arrivati ​​alla clinica 24-48 ore dopo.I medici della clinica hanno condotto vari test oculari e hanno monitorato i pazienti nel tempo per vedere come si sono sviluppati i loro sintomi. Fortunatamente, in tutti i 17 i sintomi si erano dissolti entro 21 giorni, ma questa è stata senza dubbio un'esperienza difficile. 

 

fonte: Frontiers in Neurology

Ultime News