Covid. l'effetto del lockdown sul picco è stato immediato

Infettivologia | Redazione DottNet | 14/07/2020 18:20

Studio Unimore su dati di telefonia nelle 3 regioni più colpite

 I Big Data lo confermano, il lockdown ha interrotto la catena di contagi da Covid-19, e l'effetto si è visto in tempi immediati. La prova arriva da uno studio italiano che ha utilizzato i dati di telefonia mobile per analizzare gli spostamenti delle persone nelle regioni Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna. Ne è emerso che, tra lo stop a movimenti e l'inizio del calo dei contagi, sono passati dai 9 ai 25 giorni.  Lo studio, pubblicato su EClinicalMedicine, rivista open access del gruppo Lancet, rappresenta il primo mai effettuato sull'adesione al lockdown in un paese occidentale e il primo in assoluto a stimarne l'effettiva efficacia nell'accorciare il picco epidemico.  I ricercatori del Dipartimento di Scienze Biomediche, Metaboliche e Neuroscienze di Unimore hanno analizzato, su base spaziale e temporale, l'intero patrimonio informativo dei movimenti dei telefoni cellulari, superiori ai 2 km, nelle tre regioni più colpite dal Covid-19. Il tempo trascorso dall'adozione del lockdown dell'8 marzo al picco dell'infezione è stato tanto più breve quanto più radicale è stato l'abbattimento della mobilità: ha oscillato tra 9 giorni nelle province più fortemente colpite, come Cremona o Bergamo, a 25 giorni nelle aree con minor diffusione dell'infezione. Tenuto conto del periodo di incubazione del Sars-Cov-2 (circa 5 giorni) e del ritardo 'diagnostico' medio nella comunicazione ufficiale dell'esito del tampone, si può affermare come l'effetto del lockdown sull'interruzione della catena dei contagi sia stato praticamente immediato. "Abbiamo verificato - spiega Marco Vinceti docente di Igiene e Sanità Pubblica presso la Facoltà di Medicina di Unimore - come l'efficacia del lockdown sia stata di fatto istantanea nelle aree più colpite e dove la popolazione ha rispettato in misura maggiore il messaggio 'state a casa'".

Ultime News